Iglesias, la Sardegna tra presente e passato

La Sardegna lo sappiamo, non abbiamo bisogno di descriverla con tante parole, è un’isola che ha bisogno di essere vissuta anche solo per un week end, per rendersi conto di quanta bellezza ci sia e di quanto questo luogo possa ...

Diario letto 4109 volte

  • di Valerytravels
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro

La Sardegna lo sappiamo, non abbiamo bisogno di descriverla con tante parole, è un’isola che ha bisogno di essere vissuta anche solo per un week end, per rendersi conto di quanta bellezza ci sia e di quanto questo luogo possa offrire ad ogni tipo di viaggiatore. Dal mare alla montagna, dalla storia dei nuraghi alle città regie, dal relax di una spiaggia dorata all’escursionismo nell’entroterra, dalla pesca al trekking, sempre accompagnati da un piatto tipico o un bicchiere di vino tradizionale sardo, non c è zona di questa terra dove non si possa creare una giornata di vacanza all’aria aperta. E’ l’isola dove batte sempre il sole, dove sei sempre circondato dal mare che troverai ai lati della strada durante i tuoi viaggi da nord a sud, l’isola dove il vento ti spettina i capelli mentre ti godi un tramonto in riva al mare che nessuna foto renderà mai l’idea dello spettacolo. Il bello di vivere in Sardegna è sicuramente che in qualsiasi giornata e in qualsiasi luogo tu sia, ti sembrerà di essere in ferie! Magari sei a mezzora da casa, ma se hai gli occhi sul mare sei automaticamente in vacanza. Quindi perché non consigliare la mia città ad altri viaggiatori?!

Il sud Sardegna è meno conosciuto rispetto al resto dell’isola ma proprio per questo è rimasta una zona intatta, selvaggia e ricca di posti nascosti dal turismo di massa che ti permettono di assaporare la vera vita di questa terra, di scoprire piccole calette dove godersi il sole e il silenzio e di passeggiare in un centro storico per sentirsi in un’altra epoca.

Una zona che assolutamente ha tanto da raccontare è il Sulcis Iglesiente, con le sue spiagge sabbiose, antiche miniere, grotte sotterranee, gallerie a picco sul mare, faraglioni imponenti e tramonti mozzafiato. La lista è lunga ma in meno di una settimana si riesce ad avere un assaggio talmente ampio dell’isola che vorreste tornarci ancora.

Il tour inizia nella cittadina medioevale di Iglesias, una delle città regie dell’isola, a circa 40 minuti dall’aeroporto e ad un’ora dal porto di Cagliari, dove d’estate la città si anima a festa con eventi tradizionali che coinvolgeranno giovani e famiglie.

La città offre tantissimi servizi e svariate strutture ricettive anche molto centrali come l’hotel Artù o il b&b Piazza sella che si trovano proprio nella piazza principale, piazza Sella e per scoprire tutte le attrazioni da visitare ci si può rivolgere all'ufficio turistico.

Una giornata nella cittadina iglesiente prevede sicuramente la scoperta del centro storico, dove potrete passeggiare per i vicoli scoprendo antichi palazzi e suggestivi vicoletti, sino ad arrivare alla piazza dove si trova la cattedrale. La città è circondata dalle mura Pisane, a cui si può accedere attraverso una scalinata panoramica che porta al castello Salvaterra e arrivati in alto non è da perdere la visita dei suoi interni. La vista della città dall’alto è impagabile soprattutto al tramonto.

Per tutta l’estate le vie del centro sono addobbate da centinaia di ombrellini colorati quasi come a formare un arcobaleno sopra le teste dei turisti e dei cittadini che non mancano di fotografare da ogni prospettiva.

Se deciderete di trascorrere le vostre vacanze nel mese di Agosto, non perdete la settimana ricca di eventi a tema medioevale, una settimana che ti riporta indietro nel tempo. Potrete assistere al corteo degli abiti dell’epoca, candelieri e balestrieri che sfilano per le vie della città medioevale e riti tradizionali dell’epoca riscoprendone il fascino

  • 4109 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social