NYC e Cascate del Niagara on the road

Tre giorni alla scoperta di NYC e poi on the road verso le Cascate del Niagara

Diario letto 682 volte

  • di rosaz2
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Partiti da MXP per NY il 15 giugno, al JFK abbiamo dei problemi ai controlli della dogana perché sui nostri passaporti c'era il timbro della Giordania. Dopo un'ora di attesa in una sala e un interrogatorio per accertamenti ci "rilasciano" e possiamo raggiungere con Uber il nostro hotel a due passi da Time Square.

A NYC utilizziamo la metropolitana, che dopo averne capito il funzionamento, è sicuramente il mezzo più comodo, funzionale ed economico. Visitiamo il primo giorno: il palazzo dell'ONU, Statua della liberà ed Ellis Island (i biglietti li avevamo pre acquistati on line dal sito governativo, per evitare code). Il secondo giorno Central park, Natural History Museum, non riusciamo a visitare il Moma che era chiuso per restauri fino ad ottobre 2019. La sera ceniamo in un ristorante di Brodway dove a servire e a cantare per la clientela ci sono cantanti di Broadway "Ellen's stardust diner", la fila per entrare è almeno di un'ora ma ne vale la pena.

Il terzo giorno da JFK affittiamo l'auto che ci avrebbe portato in Canada, nostra destinazione successiva.

Le cascate distano circa 8 ore di auto, il viaggio è piacevole ma dobbiamo fare una tappa a metà strada per la notte. Attraversiamo piccole cittadine molto caratteristiche dello stato di New York, fermandoci di tanto in tanto per piccole soste soprattutto in piccoli caffè o nei negozi di rigattieri sulla strada che hanno ogni tipo di curiosità. La fila per passare la dogana con il Canada non è molto lunga e dopo qualche domanda di rito, noncuranti questa volta del nostro timbro della Giordania, valichiamo il confine canadese. C'è una tassa da pagare ma con il sistema di pagamento che avevamo fatto integrare nell'auto a noleggio "una sorta di viacard" è tutto compreso e non paghiamo nulla. Il nostro hotel è a circa 500 metri dalle cascate, in una cittadina che sembra un luna-park destinato a tutti i turisti giunti fino a lì per ammirare questo incredibile spettacolo della natura.

Dato che il primo giorno in Canada piove, rimandiamo la gita in barca (un must) sotto le cascate al giorno successivo, quando è previsto sole, e andiamo a visitare Toronto che dista circa 2 ore di auto. Questa città pulita, organizzata, accogliente e multiculturale ci affascina subito. Parcheggiata l'auto in uno dei silos centrali, facciamo due passi al mercato coperto e nel vecchio quartiere delle distillerie, veramente unico. Il giorno seguente dopo la gita in barca alle cascate, un'esperienza memorabile, torniamo negli US. I controlli in dogana questa volta sono blandi. Anche al ritorno tappa a metà strada dove visitiamo anche l'interessante museo delle auto d'epoca a Norwich, NY.

Riportata l'auto al JFK, dopo aver superato il sempre intenso traffico di Manhattan, concludiamo questa nostra coinvolgente ed emozionante avventura tra NY e Canada, pronti per la prossima.

  • 682 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social