P.n.e.P

P.n.p. Ed eccomi a casa, Paris toujour Paris la patrie degli uomini liberi. Prima notte nel nostro alloggio e nel mattino fresco mi sveglio ancora assonnato davanti ad un abbaino appena più grande di un metro quadrato. Una grande città ...

Diario letto 195 volte

  • di Roland Garcia
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6

P.N.P. Ed eccomi a casa, Paris toujour Paris la patrie degli uomini liberi.

Prima notte nel nostro alloggio e nel mattino fresco mi sveglio ancora assonnato davanti ad un abbaino appena più grande di un metro quadrato.

Una grande città non può non divertire per tutte le cose che contiene. La gente và di fretta l'attività frenetica di milioni di persone non riesce a mascherare la loro stessa causa, ed appartenenza ad un etnia.

Se sono arabi vivono a Belville, se ebrei stanno verso al gare de Lyon, se sono artisti vivono a Montmartre, se indiani ai campi elisi. Se stanno in saint Michael sono musicisti e suonano la sera nei locali notturni, se studenti frequentano la Sorbona al Bois de Boulogne. Se sono girovaghi o zingari vai al merchè des poix.

Il loro modo di vivere la loro religione non ti fà ne diventare grande, (cosa farò da grande?) ne restare ragazzino. Dipende solo da te.

O forse dalla scoperta dell'odio super eloquente tra i popoli, alla faccia di John Lennon.

  • 195 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social