Corso Italia a Trieste

Il Settembrino passeggia nel cuore di Trieste fino a Corso Italia dove, nel 1914, fu scattata una delle foto più significative della nostra Storia
 

Il Settembrino si era svegliato presto e aveva fatto una passeggiata fino alla punta del Molo Audace. Quando mancavano pochi minuti alle dieci era tornato indietro perché non voleva far tardi all’appuntamento che si era dato con i suoi compagni di viaggio in Piazza Unità d’Italia.

Il cielo era coperto di nuvole scure, gonfie di elettricità. All’inizio del molo il Settembrino aveva visto due uomini della Guardia costiera che discutevano se sarebbe venuta la risacca e se sarebbe stato il caso di chiudere il molo all’accesso dei visitatori. Affrettò il passo. Trovò i suoi compagni davanti alla Fontana dei Quattro Continenti.

Il gruppo prese a destra verso Piazza della Borsa e si fermò di nuovo vicino alla fontana del Dio del Mare, Nettuno, che si erge sopra tre piccoli cavalli.

Tutti videro la panchina dove un posto a sedere è occupato da un monumento di Gabriele D’Annunzio. Così cominciò uno scambio di telefoni per farsi la foto con il Vate. Poiché D’Annunzio ha il capo chino su un volume che tiene aperto davanti a sé, tutti si fecero immortalare allo stesso modo: un click mentre sporgevano il busto fingendo di curiosare le pagine che D’Annunzio sta leggendo.

Il Settembrino ha sempre provato imbarazzo a farsi le foto con i monumenti degli scrittori; un disagio che nasce dall’idea che tanto solitarie ed introverse sono state le vite di molti letterati quanto i monumenti che ne celebrano la gloria, come un beffardo contrappasso, sono diventati obiettivo di selfisti anonimi da rimpallare sui social.

Visto che tutto si può dire di D’Annunzio fuorché sia stato una persona introversa (il Settembrino dirà la stessa cosa davanti alla statua di Joyce, lungo il Canal Grande in Piazza Ponterosso, e per quella di Svevo in Piazza Attilio Hortis) anche lui scattò una foto con il Vate.

Quando anche l’ultimo del gruppo scattò la sua foto, il Settembrino disse: «Voi andate» e indicò il palazzo della Borsa e la direzione che li avrebbe portati alla Piazza del Ponte Rosso, il Canal Grande e il Tempio serbo-ortodosso della Santissima Trinità. «Voi andate, io vado un attimo di qua» e indicò, perpendicolare, Corso Italia, in particolare  la colonna di Leopoldo I d’Austria il cui figlio, Carlo VI, istituì a Trieste il porto franco. Corso Italia è una grande arteria con traffico intenso nei due sensi di marcia che parte da piazza della Borsa e giunge a piazza Goldoni e cioè collega  il lungomare con la parte alta della città.

Benché ai lati ci siano molti negozi per fare shopping, grandi firme, il Settembrino pensò che non è una via che stimola il passeggio e così si rese conto che aveva fatto bene a congedarsi dagli amici; non sarebbe stato facile spiegare il perché gli interessasse passare proprio in quella via.

«È proprio qui che è stata scattata la foto» disse il Settembrino arrestando il passo.

Pensò al punto immortalato nella foto scattata il 2 Luglio del 1914 da Giuseppe e Carlo Wulz: il corteo funebre che accompagna i feretri con le salme dell’Arciduca Francesco Ferdinando, nipote ed erede dell’Imperatore, e di sua moglie Sofia uccisi a Sarajevo per mano dello studente indipendentista serbo Gavrilo Princip. Ventisei giorni dopo lo scatto di quella foto, l’Impero Austro-Ungarico dichiarò guerra al Regno di Serbia e sarà l’inizio della Prima Guerra Mondiale.

Guarda la gallery
canal_grande_di_trieste_1

canal_grande_di_trieste_2

monumento_gabriele_d_annunzio

piazza_unita_d_italia_1_

piazza_unita_d_italia_2

piazza_unita_d_italia_3

piazza_unita_d_italia_4

piazza_della_borsa_1

piazza_della_borsa_2_

piazza_della_borsa_3



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
rasiglia e orvieto

Rasiglia e Orvieto

È ideale trascorrere un weekend tra questi due borghi così diversi, ma abbastanza...

versailles e le ville lucchesi

Versailles e le Ville Lucchesi

Vi illustro un bell’itinerario di un giorno lontano dai centri affollati, da effettuare...

il castlèt-tour

Il castlèt-tour

Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche...

Leggi i Diari di viaggio su RaccontaItalia
Diari di viaggio
rasiglia e orvieto

Rasiglia e Orvieto

È ideale trascorrere un weekend tra questi due borghi così diversi, ma abbastanza vicini tra loro, distano solo 90 km. Il soprannome di...

Diari di viaggio
versailles e le ville lucchesi

Versailles e le Ville Lucchesi

Vi illustro un bell’itinerario di un giorno lontano dai centri affollati, da effettuare preferibilmente in primavera, per ammirare le...

Diari di viaggio
il castlèt-tour

Il castlèt-tour

Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche tradizionali ispirato da un’interessante iniziativa che,...

Diari di viaggio
ho voglia di genova

Ho voglia di Genova

Ho tre giorni a disposizione, è autunno, vorrei vedere il mare ma anche arricchirmi di cultura e buon cibo, “sai che c'è? Vado a...

Diari di viaggio
misteri del monferrato

Misteri del Monferrato

Io e Ale decidiamo di fare una gita di fine stagione nel vicino Monferrato, un po’ per vedere i colori autunnali, un po’ per far visita...

Diari di viaggio
la via francigena a modo nostro

La Via Francigena a modo nostro

La genesi  Quando il capo conferma le ferie, scatta l’Inferno! E nel mezzo del cammin di nostra vita… Era l’agosto del 2021, avevo...

Diari di viaggio
insolita trieste

Insolita Trieste

Io e il mio compagno siamo stati a Trieste per il ponte dell’8 dicembre (8 – 12 dicembre 2021): 5 giorni che per noi, provenienti da...

Diari di viaggio
andiamo a mantova

Andiamo a Mantova

Chi è che non ha mai avuto, in un cassetto o sullo scaffale, una di quelle scatoline di cartone che contengono una vacanza pagata? E chi...

Diari di viaggio
primavera in umbria

Primavera in Umbria

Ferie ad aprile, la primavera è alle porte e così, da amante della natura, scelgo una delle regioni più verdi in cui in passato ho...

Diari di viaggio
sciare...in riva al mare

Sciare…in riva al mare

Sciare…in riva al mare! Ebbene sì, in un certo qual modo è possibile! Certo ci vuole un luogo particolare, particolari condizioni...