Albania, terra bellissima ma controversa

Un giro dell'Albania, due persone, una macchina e pochi soldi: undici notti e una spesa a testa di 550 euro compresi traghetti di andata e ritorno
 
Partenza il: 16/08/2012
Ritorno il: 28/08/2012
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

16-17 AGOSTO

Il nostro viaggio inizia da Ancona, dove prendiamo il traghetto (della Minoan, ottima scelta, nave stupenda, buon servizio) diretto a Igoumenitsa, a nord della Grecia, dove arriviamo in mattinata dopo 17 ore di navigazione. Un po’ storditi dalla notte sul passaggio ponte, cerchiamo di trovare dal porto indicazioni verso il confine con l’Albania, ma non ce ne è traccia. Così ci orientiamo con le mappe dell’I-phone (che ci hanno salvato per tutta la durata della vacanza, le mappe cartacee albanesi non sono affidabili) e arriviamo al confine interno, sulla strada che da Ioannina porta a Gjirokaster (2 ore e mezza in tutto). Qualche storia al confine, poiché la macchina non è intestata ne a me ne a Stefano, ma ci fanno passare. Assicuriamo la macchina (è obbligatorio, purtroppo però agosto è alta stagione e piuttosto dei 27€ aspettati ce ne chiedono 42), e ripartiamo verso Gjirokaster. Rimaniamo un po’ perplessi dalla guida spericolata (e questo non era niente!), veniamo fermati da due simpatici poliziotti che ci chiedono nomi e destinazione e ci lasciano andare con un ‘very good’ e arriviamo stravolti a Gjirokaster. Ci inerpichiamo in macchina al paesello alla ricerca dell’ufficio turistico (in ristrutturazione, nessun materiale utile), di una banca (dove cambiamo i soldi senza spese di commissione) e poi rimaniamo incastrati per quelle stradine pendenza 20%, ciottoli d’asfalto liscissimo, strade strette, macchine parcheggiate ovunque, gente che attraversa a caso… Stefano che è alla guida si deve riprendere, e ci fermiamo a bere una cocacola. La nostra prima spesa: 100 lek (70 centesimi) per una lattina servita al tavolo in un bar, non riusciamo a crederci. Ci rimettiamo in marcia alla ricerca dell’Hashorva Guesthouse (consigliataci da un amico): un po’ difficile da trovare nella cittadella antica, ma assolutamente consigliata, 20€ a notte per una stanza pulita e grande, frigo, bagno comune pulito e spazioso (e con il box doccia!), padroni gentilissimi. Gjirokaster è una cittadella carina, con un castello tenuto abbastanza bene da cui si gode un ottimo panorama della città e dei dintorni. Aperitivo con birra (alla spina da 0,5 150 lek, 1,1€!), formaggi e patatine a una cifra irrisoria. Per cena mangiamo piatti tipici (formaggio con peperoni e polpette di riso) in uno dei due ristoranti sulla via principale e crolliamo a letto pensando a quanto poco abbiamo speso.

18 AGOSTO

Ci muoviamo verso Saranda (1 ora e mezza), la strada è montagnosa ma bella, l’asfalto buono. Nel percorso ci fermiamo a vedere la Blue Eye Spring (Occhio Blu), una sorgente che sale da sottoterra dal nulla da cui parte un fiumiciattolo, profondissima, con svariate tonalità di blu. I visitatori più audaci si tuffano dal balconcino sopra questo buco. Vale davvero la pena, per accedere a visitare bisogna spendere 200 lek a testa (1,5€). Arriviamo poi a Saranda, l’infopoint sul lungomare ci consiglia l’albergo Palma&Arte (gestito dal signor Colombo che parla un ottimo italiano), sulla prima parallela al lungomare. Bella stanza pulita, frigo, aria condizionata, bagno privato e balcone vista mare a 30€ a notte! Pranzo veloce e nel pomeriggio ci svacchiamo sulla spiaggia di Saranda. C’è pochissima gente, pochi ombrelloni e lettini attrezzati tutti vuoti. Dato il basso costo della vita proviamo a chiedere il costo: 300 lek (2,2€) per due lettini e ombrellone a mezzo metro dal mare. Mare sassoso ma pulitissimo. La sera mangiamo ottimi spaghetti e risotto ai frutti di mare, un buon fritto misto e acqua (2000 lek in totale, 15€ per essere pieni da scoppiare).

19 AGOSTO

Teniamo la stanza di Saranda per la notte, e oggi andiamo a visitare le rovine di Butrinto e poi mare a Ksamil. Le rovine sono molto belle e tenute abbastanza bene, ma il sole picchia e visitarle tra le 11 e mezzogiorno è una pessima mossa. La spiaggia di Ksamil è piccola ma meravigliosa: c’è un bel po’ di gente (ce lo aspettavamo essendo domenica), spiaggia bianca finissima, mare limpido cristallino che diventa subito bello profondo. Torniamo a Saranda dopo un pomeriggio di relax, cena veloce in un localino sul mare, birra a prezzo bassissimo e a nanna. Saranda è carina, nonostante ci siano costruzioni ovunque, quasi tutte non utilizzate, ecomostri non finiti e lasciati lì sul lungomare a marcire, blackout di luce e acqua che capitano a tutte le ore del giorno (al mattino non è divertente, sopratutto quando manca l’acqua per il bagno…). L’unico problema è che è veramente troppo rumorosa. La notte non c’è mai silenzio tra locali, macchine, claxon e non si sa bene cosa.

20 AGOSTO

Partiamo da Saranda. Stefano sta male quindi la guida tocca a me. Tutto bene, a parte che la gente sorpassa pure nei tornanti e ogni tanto bisogna fare brusche frenate a fine curva per evitare spiacevoli inconvenienti. Ci fermiamo fuori Himare (1 ora e mezza), troviamo una stanza in un posto che sembra molto tranquillo e silenzioso, sperando di non avere più il casino notturno di Saranda che ci impedisce il sonno. 30 €, stanza a 100m dal mare, in una via con molti bar e ristorantini (non la consigliamo, a quella cifra si può sicuramente trovare qualcosa di meglio, non era il massimo della pulizia e non c’era acqua calda). La spiaggia è meravigliosa, quasi deserta, sassi misti a sabbia, mare limpidissimo e pulitissimo, profondo quasi subito. Soliti ombrellone e 2 sdraio a 500 lek (3,7€) per l’intera giornata, e non ci muoviamo. La sera mangiamo una pizza da ‘Alfredo’, molto buona e a un buonissimo prezzo. La notte non c’è nessun rumore (se non le cavallette) e soprattutto fa molto fresco.

21 AGOSTO

Dato che Stefano non sta ancora bene preferiamo non muoverci e passiamo la giornata nella spiaggia di fronte alla stanza (non che ci dispiaccia data la bellezza e la tranquillità del posto). Ceniamo in un ristorante nella via, Stefano prende un’ottima pasta all’arrabbiata, io gusto la frittura mista, e si fila a letto.

22 AGOSTO

Si parte alla volta di Berat (5 ore)! La strada che da Himare porta a Vlore è meravigliosa, dopo una serie di tornanti si arriva all’alto del monte da dove si vede tutta la costa e le stupende spiagge del sud. Ai lati della strada ci sono innumerevoli bunker. Passiamo Vlorë e Fier (e siamo contentissimi di non fermarci, posti supercostruiti ancor più di Saranda con questi ecomostri immensi e quasi tutti inutilizzati). La strada che da Fier porta a Berat non è delle migliori, si potrebbe allungarla fino a Lushinje e tornare indietro, ma due ragazzi austriaci che abbiamo incontrato ci assicurano che andando piano è fattibille e ci addentriamo. Ci sono buche che sembrano voragini ovunque, lunghi pezzi di sterrato pieni anch’essi di buche giganti… La Meriva fa fatica ma alla fine ci porta trionfanti a Berat. La periferia del paese ci lascia un po’ perplessi, case che cadono, senza intonaco. Ma poi ecco che spunta il centro caratteristico, la città dalle mille finestre! All’ufficio turistico ci danno una graziosa mappa, da lì partiamo con la ricerca dell’hotel. I primi due che proviamo sono pieni, ma leggiamo un cartello con scritto a mano ‘we rent room’ appeso sulla vetrina di un market all’angolo della via che sale per il castello. Entriamo a chiedere, una signora ci dice che affitta stanze a 25€. Il figlio ci porta a vedere la casa e rimaniamo estasiati: c’è un salotto comune grandissimo, con divani, macchina del caffè, frigorifero, un terrazzo con vista su tutta Berat e su Gorica enorme, due bagni pulitissimi (con box doccia, in metà dei posti non esiste!), la camera è molto spaziosa, due letti separati, aria condizionata e tv con decoder che prende la televisione italiana. Accettiamo al volo (per chi fosse interessato mi contatti, così posso indirizzarvi direttamente al ragazzo), ci rinfreschiamo e partiamo per la visita al castello. Fa caldissimo, sono le 16 eppure il sole picchia fortissimo, non c’è un filo d’aria e la strada è tutta sotto il sole. Finché non troviamo una stradina che si inerpica sul fianco della collina del castello. La prendiamo ed arriviamo con fatica alle mura, entriamo da una porta secondaria (scoprendo così di aver evitato di pagare l’ingresso al borgo), girovaghiamo per le vie della kala, il quartiere, facciamo scorta di birre per la sera in terrazza e torniamo al quartiere Mangalem (dove alloggiamo) per la cena. Ristorante Mangalemi, cena su terrazza con vista su Berat, posto elegante ma a prezzi modicissimi. Proviamo cucina tipica: io provo agnello con uova e yogurt, Stefano prende melanzane con carne, peperoni e altre cose che non capiamo. Il vino della casa è pesantissimo e ci rovina la cena, il cibo è molto pesante e con il caldo che c’è non è proprio l’ideale. Però è tutto veramente buono e il contesto molto carino.

Guarda la gallery
gjirokaster-a7huj

Blue Eye Spring



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Albania
    Diari di viaggio
    balcani insoliti

    Balcani insoliti

    Buongiorno cari TPC, vi racconto il nostro viaggio appena terminato nei Balcani meno noti tra Albania, Kosovo, Macedonia del Nord e...

    Diari di viaggio
    tra castelli, mega palazzi, distributori di benzina e carretti

    Tra Castelli, mega palazzi, distributori di benzina e carretti

    Sono appena rientrato da un viaggio in Albania dove ho cercato di vedere, macinando Km, le amenità di questa nazione dalla Montagna al...

    Diari di viaggio
    tirana capitale emergente tra antico e moderno

    Tirana capitale emergente tra antico e moderno

    Quando durante le scuole elementari studiavo danza classica sentivo continuamente parlare di Tirana dalla mia insegnante e della sua...

    Diari di viaggio
    durazzo porta dell'albania, una terra sempre più desiderosa di farsi scoprire

    Durazzo porta dell’Albania, una terra sempre più desiderosa di farsi scoprire

    L'Albania è una terra molto vicino allo stivale che per anni è stata associata a carestia e povertà e che invece pian piano sta...

    Diari di viaggio
    una terra incontaminata dalla bellezza travolgente

    Una terra incontaminata dalla bellezza travolgente

    Reduci dal non poco costoso viaggio di nozze del 2017, per le vacanze estive 2018 io e mio marito decidiamo di optare per una terra ancora...

    Diari di viaggio
    albania in vespa: in viaggio verso le meteore

    Albania in Vespa: in viaggio verso le Meteore

    Dopo tre ore di guida sulla statale Adriatica, arrivo sulla circonvallazione di Ancona a bordo della mia vecchia Vespa PX, che sta...

    Diari di viaggio
    dieci amici in albania

    Dieci amici in Albania

    In 10 amici abbiamo deciso di effettuare un tour dell'Albania a fine settembre. Come sempre uno dei piaceri del viaggio è stata...

    Diari di viaggio
    cavalcata turca

    Cavalcata Turca

    Quest’anno, dopo vari ripensamenti, abbiamo deciso di visitare la Turchia.Per me che scrivo è la prima volta in assoluto che metto...

    Diari di viaggio
    ritorno nel paese delle aquile

    Ritorno nel Paese delle Aquile

    Nel mese di aprile due amiche mi chiedono di organizzare per loro un viaggio in Albania. Cosa che mi accingo diligentemente a fare. Nel...

    Diari di viaggio
    primavera albanese

    Primavera albanese

    Alcune indicazioni generali prima di passare al racconto delle singole giornate. 1. Capitolo sicurezza: l’Albania ci è sembrata una...