Dancalia, viaggio nel cuore della Terra

un viaggio che ha unito la meravigliosa Dancalia alla regione di Harar.

Diario letto 4055 volte

  • di grazia audano
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 14
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

23 novembre 2019

Ore 20:50 Malpensa. Siamo un gruppo di ben 14 amici, curiosi e forse un pochino preoccupati per questo viaggio diverso da tutti gli altri fatti finora. Voliamo Ethiopian Airlines, compagnia affidabile e molto seria.

24 novembre 2019

Ore 7:00: arriviamo per la terza volta ad Addis Ababa. Facciamo una coda lunghissima per il visto e poi usciamo nel parcheggio. Piove e fa freddino ma la nostra guida-amico Belayneh, proprietario dell'agenzia Ethio Mar ci accoglie con calore e ci porta in un bar francese per la colazione, poi partiamo per l'altopiano. Saliamo fino ai 3000m del passo del Tem Ber, poi percorriamo la galleria Mussolini e cominciamo a scendere.purtroppo incontriamo una frana enorme che ci blocca per 3 ore, causata dalle precedenti copiosissime piogge. La montagna sta letteralmente franando. Finalmente arriviamo a Dessiè per dormire al Golden Gate Hotel, confortevole e pulito.

25 novembre 2019

Cominciamo a scendere di quota fino a Bati: oggi è lunedì e c'è il mercato all'aperto più grande del Corno d'Africa. Centinaia di dromedari, asini, buoi, mucche e capre in vendita in un caos indescrivibile dove cominciamo a respirare la vera Etiopia. Dopo pranzo proseguiamo il nostro viaggio: i panorami sono grandiosi e la temperatura si alza sensibilmente. Dopo ore di viaggio arriviamo ad Asayta, la porta meridionale della Dancalia. Soggiorniamo al Basha Amare Hotel: chiamarlo albergo è troppo, in quanto è un gruppo di semplicissime camerette messe a semicerchio dove posiamo le valigie: nel cortiletto ci sono letti di metallo dove dormiremo stanotte. Questo "hotel" gode però di una vista meravigliosa: una balconata sulla valle del fiume Awash circondato da palme e orti coltivati e falchi e ibis volano sulle nostre teste. A sera conosciamo lo staff di Belayneh formato da un cuoco e due aiutanti che viaggiano su una jeep al nostro seguito e in poco tempo ci prepareranno pasti con un cibo straordinario per il posto in cui siamo! Stasera si comincia con ottime lasagne! Prima di notte vengono montate le zanzariere e dopo una pseudo-doccia in un bugigattolo dormiamo la nostra prima notte all'aperto. La temperatura notturna è molto fresca e ci rannicchiamo contenti nei nostri sacchi a pelo.

26 novembre 2019

In Dancalia ci si sveglia all'alba perché alle 06:00 sorge il sole. Dopo colazione visitiamo il villaggio di Asayta e conosciamo lo strano modo di costruire della gente Afar: le case sono specie di igloo con pareti di rami contorti e il tetto è semplicemente un insieme di travi rivestite di sterpaglie o teli di plastica. Arriviamo al mercato e vediamo le bellissime donne Afar, dal portamento molto elegante anche se poverissime, dai vestiti coloratissimi e veli variopinti, una gioia per i fotografi. Partiamo in direzione nord: da oggi percorreremo il fondo della Rift Valley, la grande spaccatura che parte dal mar Morto e giunge 6000km dopo il Mozambico. Il paesaggio cambia spesso, la terra si fa nera, sembra di viaggiare su una lavagna. Incredibilmente per queste latitudini, arrivano alcuni scrosci di pioggia che lasciano stupiti anche il nostro driver, ma dopo pochi minuti un arcobaleno ci da il benvenuto su queste terre lunari. Ai lati della strada osserviamo gli strani cimiteri di guerra degli Afar costituiti da tumuli di pietre e cerchi di lava. Poco dopo ci fermiamo in un poverissimo villaggio per dare vestiti e materiale scolastico ai bambini. Nel pomeriggio scendiamo al lago Afrrera, chiamato anche lago Giulietti, dall'esploratore italiano che qui venne ucciso dalla tribù bellicosa degli Afar. Ai bordi del lago il nostro staff ci ha preparato della tende igloo dove dormire. Ci facciamo uno spettacolare bagno nel lago che è più salato del Mar Morto: impossibile affogare. Vicino alla rive c'e' un laghetto di acqua dolce e calda, una meraviglia per togliere sale e sabbia dalla pelle

  • 4055 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social