Alla scoperta di Ferrara, Venezia e Padova

Weekend lungo in giro per il nord Italia

  • di GloriaeMarco
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 
Annunci Google

1° gg. 447 km

Partiamo da Roma noi e il nostro cucciolotto Guido che ha 7 mesi, per lui è il suo primo viaggio lungo; testiamo la sua resistenza nei viaggi e nei tour turistici prima del grande viaggio estivo.

Prima meta Ferrara, magnifica e affascinante città italiana veramente da non perdere. Arriviamo nel pomeriggio nel nostro hotel in pieno centro prenotato anticipatamente da internet; veramente magnifico. Si affaccia direttamente sul castello Estense. E' spettacolare e il personale molto gentile e soprattutto accettano i cani, per noi è la prima esperienza di viaggio con il nostro cucciolo, non è facile trovare soprattutto in Italia degli hotel che accettino i cani, e questo è magnifico... lui viene trattato come un cliente. Posiamo le valigie, ci riposiamo qualche minuto dal lungo viaggio e usciamo in visita alla città prima che chiudano tutti i negozi. Come da rito il mio primo pensiero è acquistare la snowglobe della città, ne sono un’appassionata nonché collezionista, e non posso assolutamente non comprarne subito una in qualsiasi luogo dove vado. Passeggiamo per ore, lungo la zona pedonale antica piena di negozi e ammirando la magnificenza delle luci che illuminano al calare del sole l’intero castello. Ceniamo in una pizzeria in una piazza dove Guido è il benvenuto. Mangiamo dell’ottima pizza. Poi finiamo il tour serale prima di andare a dormire. Guido si diverte a fare il turista ma soprattutto si diverte a fare l’attrazione turistica... è molto simpatico e come un puro e vero bassotto si nota subito quanto se la tira alle attenzioni della gente.

2 giorno

Ci svegliamo di buon ora e partiamo alla scoperta mattutina di Ferrara, entriamo nel castello Estense attraversando il ponte, scattiamo qualche foto e proseguiamo lungo piazza Trento e Trieste, dove oggi c’è il mercato di prodotti tipici, andiamo a Corso Martiri dove c’è nella piazza un mercato di prodotti artigianali e acquistiamo qualche souvenir particolare per noi e per regalo. Ammiriamo la gente che si gode la mattinata passeggiando in bicicletta, mentre noi turisti ammiriamo le vetrine dei negozi... ma purtroppo dobbiamo ripartire, stasera si dorme a Venezia. Prima, però, ci fermeremo in visita a Padova. Arrivati a Padova troviamo subito un parcheggio a pagamento, molto vicino al prato della Valle. Purtroppo è sabato mattina e c’è il mercato... non riusciamo a goderci a pieno questa piazza. Passeggiamo lungo il mercato e lungo i giardini, poi lungo la via pedonale e ci fermiamo a bere qualcosa sotto i portici in un bar. Cerchiamo di ammirare dall’esterno l’impetuosa Basilica di Sant’Antonio ma purtroppo metà facciata è in ristrutturazione. Un po’ amareggiati e non completamente entusiasti ripartiamo in direzione Marghera dove ci attende il nostro hotel. Un giorno torneremo in questa città per visitarla con più calma e con meno confusione.

Arriviamo dopo 38 km nell’hotel a Marghera, molto semplice ma carino e le ragazze sono veramente gentili e simpatiche (paghiamo € 60 a notte con colazione). Posiamo i bagagli, il tempo di far riposare un pochino il piccolo Guido e usciamo a piedi per la cena a Venezia. Dall’hotel circa 200 metri c’è la fermata dell’autobus che ci porterà direttamente a Venezia. Prendere l’autobus con Guido è stata un’impresa: è un bassotto ma pesa 5 kg ed essendo lungo è ingombrante e forse lo stiamo facendo stancare troppo... dopo circa 5 minuti si addormenta in braccio. In circa 20 minuti siamo a Venezia. Percorrere i vicoletti stretti e umidi... è davvero particolare. Venezia è una città bellissima ma molto particolare, il fatto che si possa visitare solo a piedi mi fa pensare a quante difficoltà possano incontrare i residenti per qualsiasi emergenza… ma poi li vedi tutti tranquilli… (sono abituati). Io dopo mezzora sono già stanca, fa freddo e l’umidità mi si è attaccata addosso. In alcuni vicoli dobbiamo correre perché sono talmente stretti che la gente non ti dà nemmeno il tempo di fermarti a guardare le vetrine dei negozi. Si è fatto tardi, ci fermiamo a cenare in un ristorantino di carne in un vicolo, molto buono e a prezzi modici... anche a Guido è piaciuta la tagliata. Ripartiamo dopo cena per ammirare la città contornata dalle tantissime luci che illuminano il Canal Grande. Ci fermiamo al ponte di Rialto a scattare foto e ad ammirare i tantissimi ristoranti lungo il porto. Stanchi e infreddoliti torniamo in hotel, domani dedicheremo tutta la giornata a questa bellissima città

Annunci Google
  • 2204 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social