Il Kalahari verde

GROOTKOLK Wilderness Camp, KGALAGADI TRANSFRONTIER PARK (KALAHARI), SUDAFRICA, 10 agosto 2005 Arianna “… Che cielo fantastico stanotte, mai viste tante stelle tutte insieme…”. Giampiero “… incredibile, e poi il leopardo … così vicino al campo….” A. “Speriamo di riuscire a ...

  • di giampierofumel
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

GROOTKOLK Wilderness Camp, KGALAGADI TRANSFRONTIER PARK (KALAHARI), SUDAFRICA, 10 agosto 2005 Arianna “... Che cielo fantastico stanotte, mai viste tante stelle tutte insieme...”.

Giampiero “... incredibile, e poi il leopardo ... così vicino al campo...” A. “Speriamo di riuscire a dormire, c’è un silenzio pazzesco...”.

G. “Siamo stanchissimi, vedrai che sonno... Buona notte”. a. “...’Notte...”.

“Hiiip! Hiiip!” A. “Cos’era ?”... G. “Mah, un gufo? ...” “Hiiip!”.

A.“... sembra una iena...” G. “Tre anni che veniamo in Africa e confondi una iena con un gufo ? Andiamo bene...” A. “Mi prendo una pasticca di valeriana, comunque...” .

G. “Esagerata”.

A. “Tu la vuoi?”.

G. “No..., va beh, dammela, così, per sicurezza ...” A. “Buonanotte”.

G. “...Notte...Zzz”.

“ROARR !!!! ... Roarr !!!!” g. “c...O !!!”.

a. “Non è possibile !!”. ... “roarr!!!” a.. “Stum Stum Stum Stum !! G. “Adesso cos’e?” A.“... Niente, deve essere il mio cuore che ...” G. “Stai tranquilla, siamo al sicuro ...” A. “In una tenda ???” .

G. “.. I leoni non entrano nelle tende, no? Tutte le guide dicono così ...” “ROARR!!!”, “ROARR!!!”, “ROARR!!!” A. “... SONO qua fuori ... Cosa facciamo ??” A. ... “COSA vuoi fare ?” “ZZZZIP ! ... Ehi, Giampiero and Arianna ... Are you sleeping ??” G. “...E’ il ranger che ci chiama dall’altra tenda, l’ha aperta ...Si vede la luce della torcia ...”.

A.. “Ci prende in giro ...Imbecille!” G. “Apriamo un po’ la zip anche noi ?” A. “COSA?? Stà fermo !” “ROARR!!!” G. “Ok, sto fermo ...” “ROARR!.. Roar! ... roar” a. “.. Se ne vanno... meno male”.

G. “Però, che figata...” A. “Forse domani li vediamo... Buona notte..” G. “Veramente é l’alba...” “DRINNNN!” La notte passata al GROOTKOLK Wilderness Camp, nel Kalahari, è l’ennesima indimenticabile emozione che l’Africa ci regala, con la sua natura così intensa, generosa, unica. Quest’anno, io e Arianna, siamo tornati in Sudafrica, e abbiamo deciso di passare i primi 6 giorni nel maestoso Kgalagadi Transfrontier Park, nato nel 1999 quando i governi del Botswana e del Sudafrica hanno deciso di unire i rispettivi e confinanti parchi nazionali, cui era stato dato il nome Gemsbok, la più tipica antilope dell'area; ciò consente oggi agli animali di migrare e muoversi liberamente, senza incontrare barriere di alcun tipo, in un’immensa area di oltre 37.000 km quadrati (il doppio del Kruger Park).

Un posto diverso da altri parchi e riserve africane, un incredibile “deserto verde”, dove le condizioni climatiche difficilissime e la scarsità di piogge non impediscono all’erba ed ai cespugli di colorare ovunque la terra e le dune di sabbia, e alle grandi acacie e agli altri alberi di crescere ed offrire la loro ombra.

Un mondo a se stante, remoto, praticamente integro, perché la presenza e le opere dell’uomo sono ancora insignificanti rispetto alla vastità del territorio, che rapisce ed incanta con il suo silenzio, i suoi spazi ed i suoi colori, e con la vita, davvero incredibile, che lo anima. Una meraviglia che merita di essere vista e vissuta.

Il Kgalagadi é attraversato da due fiumi, quasi sempre in secca (il Nossob e l’Aoub), lungo i cui letti si concentra la maggior parte della fauna, che è numerosa ancorché le specie ed il numero degli esemplari possa variare considerevolmente a seconda del clima e della vegetazione. Gnu, orici, springboks e tante altre specie di antilopi, struzzi, sciacalli, iene, manguste e suricati, tantissimi uccelli tra cui splendidi rapaci, oltre che (soprattutto quando fa caldo), serpenti e scorpioni. Si possono poi avvistare i famosi leoni dalla criniera nera, tipici del Kalahari, ghepardi e leopardi, ma spesso - come è capitato a noi - non é facile ritrovarseli vicini alla macchina su cui si é obbligati a stare

  • 874 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social