USA-New York e West Coast

New York, Cascate del Niagara, San Francisco, Las Vegas, Los Angeles

  • di paola&lele
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Quest’anno abbiamo deciso di lanciarci in un viaggio davvero impegnativo ed avventuroso: destinazione Stati Uniti d’America.

Ho curato personalmente programmazione e prenotazioni: dopo aver passato un paio di agenzie viaggi, infatti, mi sono resa conto che, oltre ai prezzi proibitivi, gli itinerari proposti erano predefiniti, della serie “prendere o lasciare”, e la cosa proprio non faceva per noi. Volevamo sfruttare l’occasione di questo viaggio per avere un panorama più vasto possibile del continente americano: il nostro desiderio era quello di vedere il più possibile nel poco (pochissimo) tempo a disposizione, 16 giorni. Per questo abbiamo preso spunto dai cataloghi ma abbiamo poi arrangiato l’itinerario secondo le nostre esigenze ed i nostri interessi.

Alcune precisazioni: partecipanti al viaggio 2; prenotazione voli, auto, hotel tramite internet; spesa complessiva (volo, vitto e alloggio, nolo auto, souvenirs, attrazioni) per 16 giorni in due persone € 5.000 circa.

1° giorno: Milano – New York

Siamo partiti da Linate per Newark via Londra alle 17. All’arrivo in aeroporto abbiamo presentato i nostri e-tickets al chek-in ed abbiamo ricevuto in cambio la carta d’imbarco; i bagagli sono stati automaticamente inoltrati alla destinazione definitiva nonostante lo scalo. A Londra ci hanno sottoposto a controlli e perquisizioni antiterrorismo ma nulla di così tremendo come avevo letto in precedenti esperienze di viaggio: gli addetti sono tutti molto cordiali e discreti e si vola tutti più sereni. Per un incredibile colpo di fortuna ci assegnano proprio i posti in corrispondenza con le uscite di sicurezza così abbiamo un enorme spazio libero davanti a noi dove poterci sgranchire le gambe durante la lunga traversata. Atterriamo a Newark che è ormai mezzanotte, ora locale. Proprio in considerazione dell’ora tarda che sconsigliava mezzi pubblici e taxi, avevo prenotato dall’Italia uno shuttle bus (GrayLine o Supershuttle sono entrambe affidabili), cioè un pulmino condiviso con altri viaggiatori che per 33€ in due ci accompagna fino al nostro hotel di Manhattan. Sono ormai le due del mattino quando giungiamo al Morningside Inn (111€ a notte in camera doppia superior) sulla 107° strada west: da fuori la struttura non pare male ma la camera, purtroppo, pur essendo una superior (definita tale solo perché dotata di bagno privato), è davvero squallida. Sapevamo che gli alberghi a NY si fanno pagare ma offrono servizi e strutture scadenti quindi non rimaniamo troppo delusi e, dopo una doccia rigenerante, ci infiliamo a letto stravolti.

2° giorno: New York

Sveglia precoce a causa del fuso. Alle 8 ci incamminiamo verso il centro: ci rendiamo ben presto conto che a piedi impiegheremmo l’intera mattina per raggiungere Times Square quindi optiamo per l’autobus: 2$ a testa rigorosamente in moneta! Giunti nel cuore pulsante della metropoli, anche se di domenica tutto appare più pacato di quanto non ci aspettassimo, troviamo la sede della Grayline: avendo infatti solo due giorni da dedicare alla Grande Mela, mi ero premunita dall’Italia prenotando un pacchetto molto vantaggioso che comprendeva il tour hop-on hop-off (con la possibilità, cioè, di scendere a qualsiasi fermata per poi risalire sul bus successivo) con autobus scoperto di Downtown, Uptown, Brooklin, tour notturno oltre ai biglietti per la Statua della libertà e per l’Empire State Building (totale 108€ in due), il tutto valido per 24 ore. Ottenuti i nostri biglietti facciamo una pausa colazione da Starbuks: cornetti gommosi e cappuccino da litro, cominciamo proprio bene!

Poi prendiamo il nostro Dubble Decker Bus ed iniziamo il tour di Downtown: Times Square, Fashon District, Madison Square Garden, i grandi magazzini Macy’s, l’Empire, il Financial District. Scendiamo per visitare Ground Zero: al posto delle torri gemelle troviamo un immenso cantiere; a ricordo della tragedia dell’11 settembre resta solo la piccola cappella di S. Patrik che, posta proprio ai piedi delle torri, è miracolosamente scampata al crollo ed è stata la sede dei soccorritori che qui mangiavano e dormivano prima di tornare al lavoro in quei frenetici giorni; all’interno si trovano altari improvvisati ricoperti di foto, stemmi, cappellini per commemorare l’impegno e il sacrificio di pompieri, poliziotti e volontari intervenuti in soccorso delle vittime

  • 20289 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social