Da Chicago a New Orleans passando per il Texas

5/Luglio Abbiamo iniziato questa avventura negli stati centrali da Chicago (meta scelta perche' raggiungibile con volo diretto da Roma usando Alitalia). Dopo un comodissimo viaggio in classe Magnifica (rispetto ai 2 anni precedenti negli USA la differenza si e' notata ...

  • di mari+gio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

5/Luglio Abbiamo iniziato questa avventura negli stati centrali da Chicago (meta scelta perche' raggiungibile con volo diretto da Roma usando Alitalia). Dopo un comodissimo viaggio in classe Magnifica (rispetto ai 2 anni precedenti negli USA la differenza si e' notata parecchio soprattutto per le poltrone veramente comode!), e ritirata la vettura presso Alamo (un SUV midsize prenotato tramite enoleggioauto con una tariffa eccezionale) siamo andati al ns. Albergo dove siamo inesorabilmente crollati per la stanchezza! 6/Luglio Di buon'ora (il jet lag non e' ancora stato assorbito!) ci svegliamo e dopo un'abbondante colazione all'americana ci mettiamo in viaggio alla volta di St.Louis. Il tragitto non e' breve (circa 500 Km) ma con le comode strade americane si viaggia abbastanza tranquilli. Arrivo in hotel, e pomeriggio dedicato ad una passeggiata per il centro di St. Louis, che era particolarmente movimentato vista la partita di Baseball in corso fra i Cardinals e i Cubs.

7/Luglio Sveglia, colazione e via per una visita piu' approfondita della citta'. Bellissimo il centro di scienze (ingresso gratutito e tante cose da vedere) e poi immancabile coda per salire fino in cima (630 piedi!) del Gateway Arch. La salita avviene tramite piccolissime capsule (circa 1,5m di diametro) per 5 persone (!) collegate fra di loro, che gli americani chiamano "tram". Fortunatamente la salita dura solo 4 minuti, perche' devo dire che sono veramente anguste... Pero' la salita e' ricompensata dalla vista che si gode da lassu', veramente mozzafiato!!! Dopo aver consumato la memory card della macchina fotografica riscendiamo (la discesa e' velocissima e ti fa temere che da un momento all'altro la capsula si schianti al suolo!!!). Continuiamo a passeggiare per il centro; questa citta' ci ha colpito per la tranquillita' e per funzionalita', veramente diversa dagli altri grandi centri che abbiamo visto negli ultimi 2 anni... Rientro in hotel, piccolo riposino, cena e poi, stanchi, andiamo a dormire. Domani ci aspettano un po' di Km alla volta di Memphis! 8 Luglio Fatto il checkeout in hotel, carichiamo le valigie in macchina e lasciamo St. Louis, della quale ci e' rimasto un bellissimo ricordo, alla volta di Memphis, non prima pero' di avere avuto il piacere di essere fermati da un agente della polizia stradale! Dopo i convenevoli di rito (patente, assicurazione e certificato di noleggio) ed un controllo esterno della ns. Vettura, il poliziotto ci comunica che andavamo alla smodata velocita' di 40 miglia in una strada dove il limite e' di ben 35 miglia! Fortunatamente ce la caviamo con un cordiale rimprovero ed una raccomandazione a far attenzione da ora in poi. Usciti finalmente da St. Louis affrontiamo i circa 500 Km che ci separano da Memphis. Sappiamo gia' che questo viaggio ci riserva dei lunghi spostamenti in auto, ma d’altronde lo sapevamo ed era l'unico modo per completare il giro che ci eravamo prefissati. Arriviamo nel primo pomeriggio in hotel a Memphis, lasciamo le valigie, e facciamo un piccolo giro in un vicino (ma non troppo) centro commerciale, riservandoci di andare a letto presto per sfruttare al massimo la giornata seguente.

9 Luglio Eccoci qui, una delle mete obbligatorie per chi passa da Memphis: Graceland; ovvero la meravigliosa tenuta dove Elvis ha abitato per piu' di 20 anni. La mattinata la passiamo a visitare la sua casa ed il suo giardino con annessi e connessi, e dobbiamo dire che camminando all'interno delle stanze si prova la strana sensazione di essere in un luogo di culto... In effetti e' cosi per parecchi americani che fanno di Elvis un vero e proprio idolo. Finiamo la visita passando in rassegna la sua notevole collezione di auto (comprese 2 meravigliose Cadillac, 1 Ferrari ed una Rolls bianca!) e visitando i 2 Jet privati che Elvis usava per i suoi spostamenti di lavoro. Subito dopo pranzo una pioggia torrenziale ci prende alla sprovvista e ci costringe a rimandare il giro per il centro di Memphis, quindi torniamo in hotel a rilassarci, ma non riuscendoci decidiamo di fare un giro da Home Depot e Bed, Bath & Beyond (2 visite imperdibili per gli amanti del DIY ovvero del fai-da-te'). Finita la pioggia decidiamo di andare a cenare in centro e concludiamo la serata passeggiando per Beale St., mitica strada centrale, letteralmente piena di locali dove si suona Blues rigorosamente live. Memphis sembra essersi trasformata: di giorno citta' tranquilla (fin troppo!) e di sera luci e musica Blues a tutto volume, strade piene di gente che si diverte, decine di Harley con relativi riders posteggiate una accanto all'altra e tanti negozi dove puoi trovare tutto attinente la cultura blues. Anche noi non riusciamo a non uscire a mani vuote e compriamo una bellissima stampa che, una volta incorniciata, fara' la sua figura nel nostro soggiorno! La serata e' finita, andiamo a dormire che domani si riparte!!! 10 Luglio Lasciata alle spalle Memphis partiamo alla volta del Texas! Avremmo voluto fare una tirata unica per Dallas, ma vista l'eccessiva distanza decidiamo di fare uno "scalo tecnico" a Little Rock. Pensavamo di annoiarci, invece Little Rock si e' rivelata inaspettatamente gradevole, anche perche' di recente (abbiamo letto su una guida locale) tutto il vecchio "lungo fiume" e' stato rimodernato, facendo spazio a negozi, centri d'arte, ristoranti, tanto (ma tanto!!!) verde, spazi per bambini e tante attivita' open-air. Abbiamo passato una gradevole serata passeggiando sui sentieri a pochi metri dall'Arkansas River, e godendoci la vista del grande fiume dai ponti che lo attraversano..

  • 30779 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social