New England, Oregon e non solo

Per la ns. Vacanza di quest’anno, abbiamo deciso ancora una volta gli Stati Uniti. E’ la 14^ volta per noi, e faremo un po’ di New England, poi il Nord della California e buona parte dell’Oregon. Abbiamo pensato che descrivere ...

  • di moreno65
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Per la ns. Vacanza di quest’anno, abbiamo deciso ancora una volta gli Stati Uniti. E’ la 14^ volta per noi, e faremo un po’ di New England, poi il Nord della California e buona parte dell’Oregon. Abbiamo pensato che descrivere giorno per giorno un viaggio lungo un mese diventava forse noioso, così abbiamo fatto una sintesi.

Si parte il 4 Agosto da Milano per Monaco con Air Dolomiti, e poi Lufthansa per Boston dove arriviamo in serata. A Boston l’atterraggio al Logan International è un’esperienza...L’aereo continua a scendere, l’acqua del mare e le barche si avvicinano sempre di più e la pista che arriva solo all’ultimo istante.

A Boston siamo al Best Western Roundhouse Suites per 2 notti, è un pò fuori dalla citta’ verso Sud, però ha un servizio navetta che porta in varie zone utili per poi muoversi in città (gli alberghi a Boston costano molto!!).

Il giorno dopo sfruttiamo la navetta dell’Hotel che ci porta alla fermata della metropolitana (T),facciamo il biglietto giornaliero che con USD 9 a testa possiamo viaggiare per 24 ore sui mezzi in citta’.

Facciamo il classico Freedom Trail, percorso segnato a terra da una riga rossa continua per circa 6 km. Che inizia da Boston Common e camminando si vede buona parte della citta’ e vari siti storici. Dopo aver pranzato nel caratteristico Quincy Market, pieno di gente, di ristoranti e di artisti di strada, riprendiamo la “T” ed andiamo a visitare Harvard, dove è piacevole passeggiare per l’immenso campus, ma siamo capitati di domenica e l’attivita’ universitaria è praticamente ferma. Torniamo a Boston città e visitiamo i quartieri di Bacon Hill e Back Bay, bellissimi e decidiamo di andare a cena nel quartiere italiano di Hanover Street, pieno di ristoranti nel mezzo della festa di Santa Agrippina di Mineo, con bancarelle e residenti che parlano tranquillamente italiano tra di loro...Dopo cena rientriamo in albergo.

Oggi inizia la vacanza vera per come noi intendiamo gli Stati Uniti; con la navetta dell’Hotel ci facciamo accompagnare in città all’Ufficio dell’Avis per ritirare la ns. Auto a noleggio prenotata dall’Italia, torniamo in albergo a prendere i bagagli e si parte per l’avventura.

I primi giorni sono in direzione Sud di Boston, ci fermiamo a Plymouth per vedere la replica della Myflower la nave che portò i padri pellegrini dall’Inghilterra alla costa degli Stati Uniti, poi attraversiamo le cittadine di Hyannis, Dennis, Chatam, Eastam tutte molto belle e caratteristiche, però con molto traffico e spesso eravamo in colonna.

La visita della penisola di Cape Code doveva essere migliore, però il tempo non ci ha aiutato molto; arriviamo a ProvinceTown in una mattinata piuttosto grigia con nuvole basse, giriamo per la cittadina molto bella e caratteristica, poi andiamo sulla costa del Cape Code National Seashore mentre è uscito un pallido sole. L’ingresso alle spiagge è a pagamento, però con un biglietto di USD 15 si può entrare ed uscire in qualsiasi spiaggia per un giorno, così ne visitiamo qualcuna. Dopo Cape Code è quasi d’obbligo spendere una giornata su una delle due isole principali, Nantucket e Martha’s Vineyard, così la sera prima abbiamo preso un motel nei pressi della partenza dei traghetti, ma la mattina dopo ci svegliamo con un tempo peggiore del ns. Autunno, piove e c’è nebbia e così decidiamo che con una giornata così è inutile andare a Martha’s Vineyard, allora prendiamo la macchina e torniamo verso Boston.Evitiamo la citta’ restando sulla I95, facciamo una fermata a Lexington e Concord, luoghi storici dove praticamente è iniziata la guerra per l’indipendenza dagli Inglesi; poi attraversiamo un breve tratto del New Hampshire e siamo nel Maine. Il primo luogo che incontriamo è Kittery, segnalato da diversi diari di viaggio come il paradiso dello shopping...Kittery è un tratto di strada lungo un miglio, dove sia a destra che a sinistra ci sono plaza con outlet di tutte le marche, e si possono fare buoni affari (anche noi ne abbiamo fatti).Lungo la strada per Portland incontriamo la cittadina di Kennebunkport, conosciuta oltre che per le ville stupende e per il panorama, anche per la villa della famiglia Bush.Mentre ci avviciniamo, ad un certo punto la polizia blocca la strada perche’ è in arrivo un corteo di macchine presidenziali...Su una c’era il Presidente degli Stati Uniti George W.Bush con il Presidente Francese Sarkozy, appena atterrati in elicottero poco piu’ lontano e con destinazione la villa di famiglia, così abbiamo fatto anche questa esperienza. Poi proseguiamo fino a Portland, citta’ abbastanza carina dove spendere mezza giornata e non di più. La ns. Idea della visita del Maine era di andare a Nord fino a Bar Harbor e visitare l’Acadia National Park, ma subito abbiamo capito che avremmo visto si il parco, però a discapito di altre cose, così abbiamo cambiato il programma. Il Maine, complice la sua stupenda costa frastagliata, và gustato lentamente, perdendo tempo per entrare ed uscire dalle sue baie, visitando i fari ed i piccoli paesini colorati con il porticciolo in legno ed i ristoranti di pesce, in alcuni di essi sembrava di essere in un altro mondo..

  • 6690 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social