Santiago è un'altra cosa

Consiglio una viaggio in Galizia a tutti coloro che vogliono farsi un’idea della straordinaria diversità della Spagna, una nazione che è molto di più che flamenco-e-tori, è il regno delle differenze. Ogni regione è un mondo a parte e ti ...

  • di KatyaM.R.
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Consiglio una viaggio in Galizia a tutti coloro che vogliono farsi un’idea della straordinaria diversità della Spagna, una nazione che è molto di più che flamenco-e-tori, è il regno delle differenze. Ogni regione è un mondo a parte e ti trascina in una nuova atmosfera. Santiago è un’altra cosa. E’ un’altra emozione. Un’altra realtà.

Ryanair la collega benissimo a Roma ed esistono sconti se si abbina al biglietto il noleggio di una macchina, soluzione che permette di prenotare anche hotel in periferia, chiaramente meno costosi di quelli del centro.

Dall’aeroporto seguiamo le indicazioni per il Monte do Gozo, dove abbiamo deciso di alloggiare, la strada è buia e la città sembra ancora lontana, quando ad un tratto...La vista si scopre e per la prima volta appaiono le guglie della cattedrale. Edifici moderni non hanno fatto perdere a questo panorama l’antico fascino, posso solo immaginare con quale emozione siano giunti qui i pellegrini nel corso dei secoli, ad ammirare finalmente la meta a lungo attesa.

Il momento migliore per fare il primo ingresso a Santiago de Compostela è la notte, quando l'incanto della città si manifesta completamente. Le strade possono essere a tratti affollatissime e poco dopo deserte, come sotto effetto di una magia; dalla confusione resti all’improvviso solo con te stesso, le luci arancio si riflettono sui vicoli bagnati e il marmo dei portici luccica. Luccica davvero. Per un attimo non si sente nessun rumore.

E poi la vita riprende, gruppi di giovani attraversano la strada in cerca di un locale accogliente dove passare il tempo davanti ad una birra ghiacciata e colorati stuzzichini.

La solitudine invade di nuovo in Piazza dell’Obradoiro, la facciata barocca della cattedrale illuminatissima sembra riempire interamente il cielo nero senza nubi. Nessuna chiesa mi aveva mai emozionato tanto, la sua imponenza mi spiazza, la sua bellezza è in grado di parlare a ogni cuore.

Non si vede nessuno.

Per qualche minuto siamo gli unici a muoverci nella piazza, l’atmosfera è incredibile un brivido mi corre per la schiena.

Alcuni turisti si avvicinano, camminano incerti, ancora non hanno mai alzato gli occhi ma è come se sentissero che li aspetta qualcosa di straordinario... quando per la prima volta rivolgono lo sguardo alla cattedrale i loro volti restano pietrificati e immobili, un’assenza di espressione che le sintetizza tutte. Un giorno intero non basta per assaporare al meglio le bellezze della città, solo la visita della cattedrale richiede tempo ed è assolutamente vietata la fretta. Il Portico della Gloria, cioè l’ingresso originario della chiesa prima che venisse eretta l’odierna facciata, è un vero gioiello di arte medievale. Ai piedi della scultura raffigurante l’apostolo Giacomo si scorge l’impronta deforme di una mano, il segno che hanno lasciato gli innumerevoli visitatori che l’hanno toccata. Il momento più suggestivo è la visita alla tomba del santo che viene preceduta dal saluto alla statua, un gesto affettuoso ormai divenuto una consuetudine a cui nessuno si sottrae. Non posso negare che, anche se non sono religiosa, nel compiere questo gesto ho provato una profonda emozione.

Se si desidera visitare a fondo la città ci sono molte cose da fare, c’è l’imbarazzo della scelta, tra chiese, conventi e musei. Il posto più suggestivo è il Palazzo di Gelmírez , si trova a lato della cattedrale e nel biglietto di ingresso (5euro) è compresa anche la visita al museo, alla cripta e al chiostro. Dall’ultimo piano ottiene una panoramica completa di piazza dell’Obradoiro, così diversa da come l’avevo vista la sera precedente, di giorno è affollatissima di turisti, pellegrini e gruppi musicali folkloristici

  • 2641 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social