Andalusia e costa della Luz

Erano un paio di anni che io (Davide) e mia moglie (Simona) avevamo in mente di visitare la Spagna ed in particolare la calda Andalusia. Dopo un paio di giri in agenzia di viaggio ed aver visto i prezzi folli ...

  • di James Kirk
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Erano un paio di anni che io (Davide) e mia moglie (Simona) avevamo in mente di visitare la Spagna ed in particolare la calda Andalusia.

Dopo un paio di giri in agenzia di viaggio ed aver visto i prezzi folli che ci proponevano abbiamo deciso di utilizzare il sistema "turista fai da tè".

Meta del viaggio la splendida Andalusia con una puntatina sulla costa della Luz ancora poco conosciuta e sfruttata dal turismo di massa (e per questo scelta da noi).

Le prenotazioni sono state tutte effettuate (ove possibile) tramite Internet.

Ci dotiamo di un paio di guide (Routard e Lonely Planet) e di 2 belle cartine stradali della Spagna e dell'Andalusia.

Ove disponibile mi sono anche stampato la piantina delle città che andavamo a visitare. Partenza il 26 giugno con volo Easy Jet da Milano Malpensa a Malaga (159 euro andata e ritorno per due persone).

Il volo parte alle 6:45 del mattino. La sera prima non si dorme e si parte alle 3 di notte da Torino.

Verso le 4:30 raggiungiamo il parcheggio (uno dei tanti privati che si trovano un po' distante dall'aereoporto ma che hanno il servizio di navetta gratuito e che sono, soprattutto, un po' meno cari) e paghiamo 44 euro per 11 giorni di parcheggio.

Il check-in si svolge regolarmente e l'aereo parte in orario.

Dopo un paio d'ore eccoci a Malaga dove ci rechiamo a ritirare l'auto a noleggio che abbiamo prenotato tramite il sito www.Economycarrentals.Com.

La prima, ottima, sorpresa è che allo stesso prezzo (circa 180 euro) ci danno un'auto di categoria superiore ed invece della Renault Clio che avevamo richiesto ci consegnano un'Opel Astra 17 CDTI nuova fiammante. La seconda è che il personale parla perfettamente l'italiano e non ci sono problemi nel farsi capire.

Aggiungiamo 30 euro per l'estensione dell'assicurazione (perdita chiavi, rottura vetri ecc...) e partiamo verso Granada.

Un po' per curiosità, un po' per renderci conto dell'ambiente decidiamo di passare per Malaga e di non fare la tangenziale. Il traffico è veramente notevole nonostante l'ora (circa le 10:30) e con difficoltà ci districhiamo tra i corsi e le vie del centro.

Malaga è una città vera, viva e pulsante, sembra di essere a Torino nelle ore di punta.

C'è da dire che gli spagnoli guidano veramente bene, rispettano i limiti ed i segnali stradali e, soprattutto, si fermano ogni volta che un pedone prova ad attraversare la strada. Devo abituarmi anch'io, visto che a Torino non sempre si fa così.

Prendiamo l'autostrada che va verso Almeria fino a Motril, poi ci inerpichiamo sulla Sierra Nevada fino a Granada dove abbiamo prenotato un albergo nel centro storico tramite il sito www.Venere.Com.

Raggiungere l'albergo in auto non è facile. Il centro di Granada è pieno di vie piccole e tortuose a senso unico dove non è consentito neanche fermarsi.

In più molte zone sono a traffico limitato controllato da telecamere, è bene dunque segnalare il numero di targa alla reception del vostro hotel se per raggiungerlo dovete passare da queste zone.

L'Hotel da noi scelto è il Carlos V (78 euro per 2 notti in camera doppia) in ottima posizione e con un parcheggio pubblico a 50 metri (15 euro al giorno). E' molto pulito ed offre anche una postazione Internet gratuita.

Il primo giorno a Granada lo utilizziamo per orientarci. Le piazze del centro sono piene di bar, ristoranti e gente allegra che passeggia. I turisti non sono moltissimi, il caldo non è asfissiante e ci piace gironzolare per le viuzze ed i negozietti.

La sera ci spingiamo nel quartiere dell'Albaicin dal quale si gode di una splendida vista sull'Alhambra al tramonto

  • 39787 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social