Viaggio nel paradiso ritrovato: un mese in Nuova Zelanda

La nostra magnifica luna di miele in dettaglio, in un luogo che è davvero un sogno.

  • di Estelgard
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
 
Annunci Google

Mi accingo a scrivere un dettagliato resoconto del nostro splendido viaggio di nozze in Nuova Zelanda, la terra dei kiwi, dei maori, della haka e del Signore degli Anelli, ma soprattutto un luogo dove la natura è la vera padrona incontrastata. Cercherò di riportare tutto quello che mi ricordo e che ho appuntato sul mio diario di viaggio, ma se vi sono domande che volete fare, scrivetemi pure all'indirizzo mail o sul sito di Turisti per caso.

Noi siamo partiti il 22 settembre e rientrati il 23 ottobre, periodo nel quale in NZ è primavera. La cosa positiva è che c'è ancora meno gente di quanto non ce ne sia in estate (comunque poca rispetto ai nostri standard) e ci si gusta certi scenari in completa solitudine. Certo per gli amanti delle attività all'aperto e del mare conviene andare se possibile più avanti, ad esempio in genneio o febbraio, piena estate. Noi non abbiamo fatto il bagno al mare perchè l'acqua era ancora troppo fredda e a volte è stata davvero dura non tuffarsi. Abbiamo prenotato volo, auto a noleggio, traghetto tra le due isole e ultime 3 notti a Auckland con un tour operator e poi io ho prenotato tutti i pernottamenti (tranne un paio) dall'Italia tramite mail e carta di credito. Devo precisare che questa è un'operazione che si può tranquillamente evitare, ma noi l'abbiamo scelta per non dover perdere tempo a cercare il pernottamento in loco e sfruttare al massimo ogni minuto; inoltre avevamo un programma di viaggio ben definito (studiato per mesi dal sottoscritto) e volevamo rispettarlo il più possibile. Se invece si vuole essere più liberi, non preoccupatevi di prenotare prima: gli I-Site locali, onnipresenti anche nelle cittadine minori ed efficentissimi, vi troveranno una sistemazione anche a parecchi km di distanza, l'importante è andarvi negli orari di apertura (di solito tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.00). Abbiamo anche prenotato delle escursioni in anticipo, ma vi dirò nel resoconto quali. E adesso comincio con la narrazione, cercherò di essere succinto e dare le informazioni più importanti.

22/09 GIORNO 1: ROMA – HONG KONG Partiamo con la Cathay Pacific alle 13.50 da Roma Fiumicino senza ritardi, né problemi. Il volo sul grosso aereomobile è molto piacevole, cibo discreto e soliti intrattenimenti video/audio.

23/09 GIORNO 2: HONG KONG Arriviamo in mattinata all'aeroporto di Hong Kong e, dato che dobbiamo fare uno stop di 9 ore circa, decidiamo di uscire e visitare brevemente l'isola di Lantau, che si trova fuori dal centro cittadino. Prendiamo un taxi per la stazione di Tung Chung e poi un autobus che in circa 45 minuti ci porta alla località di Ngong Ping, dove si trovano le attrazioni che vogliamo vedere. Le strade sono tutte curve e saliscendi ripidi, ma il pulman va pianissimo quindi non c'è da preoccuparsi; la cosa importante invece è cercare di avere degli spicci per il l'autobus, perchà non hanno resto dfa dare: a noi delle gentili signore e monache hanno cambiato le monete cartacee (in totale sono 35 dollari di Hong Kong a tratta per 2 persone). A Tung Chung si ha un breve asaggio della incredibile metropoli di Hong Kong: palazzi e grattacieli enormi si sviluppano fino ad altezze proibitive, tutti uguali e con strane forme e piloni che li sostengono. Mi viene in mente una specie di civiltà aliena che costruisce queste foreste di cemento sullo sfondo di un'isola verdeggiante e montagnosa; le strade sono impervie e la natura rigogliosa cresce sui ripidi picchi a strapiombo sul mare e così i pochi villaggi al di fuori del centro sono quelli di pescatori e artigiani. Arrivati a Ngong Ping il caldo torrido ci attanaglia e un'umidità pazzesca ci rende ben presto affaticati. L'area di Ngong Ping è un cantiere aperto in evoluzione: nella zona della piazza stano rifacendo la pavimentazione e dietro al monastero verrà eretto un edificio sacro molto più grande di quello esistente. Ci aggiriamo con calma nel monastero buddhista di Po Lin e visitiamo alcuni templi/pagode costruiti all'inizio del XX secolo ammirado le mirabili decorazoni (draghi, svastiche, iscrizioni, statue); nei giardini notiamo i classici oggetti del culto buddhista, campane di bronzo e enormi incensieri, contornati da fiori e piante dal profumo intenso

Annunci Google
  • 21002 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social