Verde più nuvole più pecore

Finalmente si parte! Dopo vari rinvii, riusciamo ad organizzare il viaggio in Nuova Zelanda, ma dobbiamo risolvere anche il problema del volo, c’è il campionato del mondo di rugby in Europa e trovare due biglietti a prezzi abbordabili sembra quasi ...

  • di damdamdam
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Finalmente si parte! Dopo vari rinvii, riusciamo ad organizzare il viaggio in Nuova Zelanda, ma dobbiamo risolvere anche il problema del volo, c’è il campionato del mondo di rugby in Europa e trovare due biglietti a prezzi abbordabili sembra quasi impossibile, ma, dopo varie ricerche, trovati, si parte.

Milano Malpensa – Londra –Los Angeles (scalo tecnico, una gran buffonata, 50 minuti in un corridoio per controllare i passaporti, poi 20 minuti in una sala d’attesa dove ci offrono un caffè) ed infine Auckland.

Si parte il 13/10 alle 12 e si arriva il 15/10 alle 6.15.

Affrontiamo controllo passaporti, valige ed infine dogana dove consegniamo i documenti compilati sull’aereo, relativi ai vestiti/cibo che abbiamo con noi e visto che abbiamo scarpe da ginnastica ci fanno passare le valige sotto un’altra macchina di controllo..

Finalmente dopo un paio d’ore, siamo fuori dell’aeroporto ed ecco un cane che si avvicina ad annusare le valige e si mette ad abbaiare. La poliziotta ci chiede se abbiamo cibo. Si fida del nostro NO, che è sincero, e ci lascia andare, altrimenti avremmo dovuto aprirle tutte.

Prendiamo uno shuttle bus e ci facciamo accompagnare all’hotel City Central, pulito, economico e soprattutto centralissimo. Dopo aver lasciato le valige in camera, ci avventuriamo in Auckland e la visitiamo tutta a piedi.

Incominciamo dal porto e subito incontriamo il nostro compagno di viaggio il vento, freddo ed a volte fortissimo che ci terrà compagnia per buona parte del viaggio. Poi saliamo sul Monte Eden, da dove si possono vedere i vulcani su cui sorge la città ed infine torniamo alla skytower, da cui vediamo dall’alto la città e ci accorgiamo delle centinaia di barche che sono ancorate nel porto.

Il 16/10 prendiamo il traghetto ed andiamo a vedere Devonport, un paesino sempre nella baia d’Auckland dove passeggiamo, visitiamo negozietti, belle spiagge e vediamo dall’alto il porto d’Auckland. Il pomeriggio girovaghiamo per i quartieri di Parnell e Newmarket d’Auckland.

Il 17/10 andiamo a ritirare la macchina e si parte per Pahia, bisogna abituarsi alla guida a sinistra, al rispetto dei limiti (bassissimi) di velocità, ma c’immergiamo nelle distese infinite dei prati con MILIONI DI PECORE. Troviamo una stanza nell’Austrian Motel e prenotiamo la gita per il giorno dopo a Cape Renga (al porto ci sono vari uffici, dove è possibile prenotare ogni genere di gita) e poi partiamo per un giro delle spiagge.

Il 18/10 alle sei ci vengono a recuperare davanti al nostro motel. Durante la giornata vediamo la foresta di Kauri, la Doubtless Bay e sfrecciamo con il pulman sulla 90 miles beach dove possono andarci solo mezzi autorizzati che devono conoscere bene le maree. Arriviamo a Cape Renga dove il mare di Tasmania s’incontra con l’oceano Pacifico, il bus ci lascia nel parcheggio ed iniziamo a percorrere quei pochi km che ci separano dal faro. La cosa incredibile è che scendendo dal bus c’era un accenno di sole, quando siamo arrivati, il diluvio universale, un vento pazzesco non si riusciva a camminare, quando siamo riusciti ad arrivare al bus, ci siamo dovuti cambiare dalla testa ai piedi.

Alle GIAN SANS DUNES, ci lanciamo con una tavola da surf dalle dune, spettacolare come la mia capriola, perché non riesco a frenare e davanti a me c’era un laghetto.

19 e 20/10 andiamo a Cambridge, paesino famoso al mondo per gli allevamenti di cavalli, ma noi ci andiamo per incontrare i nostri cugini. 21/10 arriviamo a Rotorua, dove visitiamo WHAKA, riserva gestita dai maori, i Blue and Green lakes, il lago di Rotorua e poi andiamo a mangiare al “big cat”, pub veramente carino

  • 1420 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social