Nuova Zelanda: 2000 Km contromano

Ciao a tutti, questo è il racconto del nostro viaggio in Nuova Zelanda, nel nostro sito in firma potete vedere le foto e i video. Grazie della lettura 03 dicembre 2006 Atterriamo in Nuova Zelanda dopo 24 ore di volo, ...

  • di Massimo B
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Ciao a tutti, questo è il racconto del nostro viaggio in Nuova Zelanda, nel nostro sito in firma potete vedere le foto e i video.

Grazie della lettura 03 dicembre 2006 Atterriamo in Nuova Zelanda dopo 24 ore di volo, e la prima sorpresa una volta usciti dall’aeroporto di Auckland è quella di trovare un sole rovente, ma con l’aria frizzantina, tanto da rimanere con il pile ben abbottonato.

Stupiti ci guardiamo intorno, tutti girano in ciabatte e t-shirt e ci viene da fare una considerazione alquanto banale: è normale che sia così, è estate! Beati loro, è come se da noi in Italia, nelle fredde giornate soleggiate di febbraio andassimo al mare.

Va beh, sarà colpa del vento gelido, quando calmerà potremo alleggerirci anche noi.

Un minivan ci sta portando nel centro della città, dove pernotteremo due notti, che saranno utili per ambientarci un po’ e naturalmente per scoprire quanto più possibile di Auckland.

Attraversiamo l’Harbour Bridge ascoltando l’ultima hit dei Take That quando ci appare Auckland adagiata sul golfo di Auraki in tutto il suo splendore, sinuosa come una ragazza distesa su un fianco, i verdi promontori e le fiorite vallate, i grattacieli sembrano uscire dal mare e su tutti domina la possente Sky Tower, la torre a forma di antenna, simbolo di Auckland.

Di colpo passa la stanchezza, lasciamo gli zaini in albergo e, visto che sono le 16.00 partiamo in avanscoperta, non c’è tempo da perdere.

La città si gira molto bene a piedi, a parte le salite e discese, dal porto si raggiunge il centro in dieci minuti, e ci si rende conto che la grandezza di Auckland è tutta periferia.

Passeggiando tra la folla cosmopolita osserviamo le decorazioni natalizie nelle strade e nei negozi, e fin qui niente di strano, dato che è dicembre, ma quando si vede Babbo Natale in costume da bagno sul surf o il presepe allestito in vetrina tra pinne e maschere... La città è ordinata e pulita, segno di una buona educazione civica, non si vede niente fuori posto, persino i cestini per le cartacce sono carini da fotografare. In seguito, girando la Nuova Zelanda, vedremo che in ogni città i cestini, come i lampioni e le panchine, avranno i colori e i simboli maori diversi, in maniera da rendere riconoscibile e caratteristico un posto piuttosto che un altro.

Il sapore dell’oceano ci accompagna ovunque ed è tangibile la passione che i neozelandesi nutrono per le attività sportive legate ad esso, fin da bambini crescono a pane e vela, o surf o sci d’acqua, lo si potrebbe fare anche in Italia, visto che è quasi totalmente bagnata dal mare, ma è molto più semplice dare ad un bimbo un pallone da calciare.

Solo in occasione delle prodezze di Luna Rossa, nell’America’s Cup siamo diventati tutti skipper.

Visitando il golfo di Auraki con un battello il ricordo delle regate viste in tv ad ore improbabili diventa vivo, ancor di più quando vediamo la barca di Oracle trainata fuori dal porto per andare a fare allenamento.

Ammirare Auckland dal battello ha un fascino particolare e ammirarla al tramonto dalla dirimpettaia Devonport è uno spettacolo assolutamente imperdibile.

Tornati sulla terraferma decidiamo di assaggiare il piatto forte della Nuova Zelanda, l’agnello accompagnato da un buon vino rosso, ne vale proprio la pena! Abbiamo ancora una giornata da trascorrere a Auckland, e non vogliamo rinunciare a salire sulla Sky Tower per avere una visione totale della città, dal secondo e ultimo livello, 328 metri da terra, si ammira l’intero golfo, con tutte le sue isolette collegate tra loro da battelli che fanno la spoletta innumerevoli volte al giorno

  • 972 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social