Cartoline dalla Mauritania: Una terra di confine

Itinerario: Roma – (Casablanca) – Nouakshott – Tirjit – Oujit – Cinguetti – Guel El Richad – Tin Labbé – fort Saganne - Pas d’Amodjar – Adrar – Tiuolit (oceano Atlantico) – Nouakchott – (Casablanca) - Roma Il volo sul ...

  • di Stefano G.
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Itinerario: Roma – (Casablanca) – Nouakshott – Tirjit – Oujit – Cinguetti – Guel El Richad – Tin Labbé – fort Saganne - Pas d’Amodjar – Adrar – Tiuolit (oceano Atlantico) – Nouakchott – (Casablanca) - Roma Il volo sul deserto, è stato lungo e piatto. Non una luce, non uno sbalzo, non una virata. Come spesso capita, volando dall’Europa verso l’Africa occidentale, atterraggio a Nouakshott, nel cuore della notte. La città, dall’alto, appare quasi all’improvviso. Un tappeto di lumini, evidenzia appena il profilo di strade squadrate e perpendicolari, e di case basse, altrettanto di forma regolare. Solo 8 ore fa, lasciavo una Roma festosa, immersa nell’atmosfera natalizia...

Sono le prime ore del mattino; e le strade sono deserte. Dall’alto mi colpiscono i quartieri vicino all’aeroporto, che sembrano molto estesi, ma data l’ora, quasi fantasma. Il faro di qualche auto, una rotatoria “rond-point” alla francese, alcune vie illuminate di arancione; la sabbia che si muove sopra l’asfalto delle strade e della pista dell’aeroporto.

Appena scesi dall’aereo, odore di polvere; il terminal decoroso, pittato di fresco, ma sicuramente non della nostra epoca. Solo pochi giorni in questo paese; un viaggio in gruppo, con i fuoristrada e le tende. Attraverso però un paese non di solo deserto. La Mauritania è sicuramente una delle tante terre di confine; qua si incontrano il Magreb e Africa occidentale. Sabbia, dune, oasi sahariane, palmeti e datteri a seccare al sole; solidarietà della gente del deserto; i 3 bicchierini di thé alla menta da sorseggiare davanti al fuoco acceso sulla sabbia rossa. Ma anche il grande oceano Atlantico, le sue larghe spiagge sabbiose soggette al gioco delle maree, e le piroghe da pesca coloratissime. E con i pescatori con i tratti somatici ormai dell’Africa occidentale, che come i loro colleghi senegalesi, a fine giornata, tirano in secca le barche con la sola forza delle braccia e caricano il loro pescato sui carretti, trainati dagli asini, per poterlo vendere agli angoli delle strade polverose di Nouakshott.

Nouakshott – la capitale: con le prime ore della mattina, la città si ravviva. Lungo le strade principali, tutte moderne, cominciano a scorrere macchine scassate, furgoncini e carretti tirati da asini. Le botteghe aprono i battenti, e la gente comincia a muoversi. Anche se è sabato, si incontrano diversi uomini che tornano dalla preghiera alla moschea. Il mercato si anima. Non esiste un vero e proprio centro. O meglio, non esiste un centro storico. Nouakshott è una città artificiale, fondata dai francesi negli anni ’50, espandendo un villaggio di circa 4.000 persone, che sorgeva al crocevia di 2 strade. Oggi, la città, si estende ai lati di 2 arterie principali. Non sono pratico, ma basta poco. La cartina della guida, e le relative spiegazioni, parlano chiaro. Il centro cittadino si snoda tutto intorno all’incrocio tra l’avenue Nasser, e l’avenue De Gaulle, all’altezza del quale si trovano una pompa di benzina e gli uffici di una compagnia aerea. Guardo la cartina e poi intorno a me. Mi sembra di essere in una periferia degradata di una delle nostre città; ma gli indizi, in realtà corrispondono.. Siamo proprio nel centro della capitale ...

Il resto, verso il mare, ospita qualche edificio governativo, uno stadio molto moderno, gli uffici della televisione mauritana. Sui cancelli di qualche villa si intravedono i vessilli di ambasciate/sedi diplomatiche di paesi stranieri. Verso il mare c’è la spiaggia con il porto di pesca, le sue barche, i suoi pescatori e tutti i loro colori. Ma quello è un altro discorso

  • 1693 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Caterina Miragoli
    , 30/9/2012 11:32
    Ciao ragazzi....intanto mi presento. Mi chiamo Caterina, ho 36 anni ed io ed il mio compagno fotografo saremmo intenzionati a partire con il suo vecchio pick up Toyota (sta iniziando ora ad allestirlo per questo viaggio) i primi di gennaio 2013, attraversare il Marocco ed arrivare in Mauritania a Nuakchott, fotografare con gli occhi, con il cuore e con la Nikon le persone, i paesaggi, i parchi, gli animali: praticamente il viaggio dovrebbe durare all'incirca un mese e mezzo. Spulciando in questo blog ho notato che siete 'esperti'!!! Chiedevo innanzi tutto se sono davvero necessarie tutte quelle vaccinazioni che ti consiglia l'ufficio igiene (all'ufficio igiene mi hanno detto antitetanica, antitifica, epatite b e se si va a Sud pure Febbre Gialla!!), e poi qualche dritta sulle 'norme di comportamento', sulle strade da percorrere (so che in alcuni punti sono presenti anche mine antiuomo :-O), su cosa non deve mancare in questo viaggio insomma!
    Come scrivevo, Filippo, il mio compagno sta iniziando ad allestire il pick up: abbiamo già' acquistato una tenda da tetto Autohome, (esistono campeggi o si può' dormire 'liberamente'?), allestire e dividere il cassone del nostro mezzo tra frigo, taniche d'acqua e vestiti (quali mi consigliate?).
    Amo la vita selvaggia ed all'aria aperta ma purtroppo non conosco questi luoghi....
    Amerei avere preziosi consigli da persone come noi che sono state in questi luoghi meravigliosi e senza tempo.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social