Un Marocco inaspettato

Quest'estate abbiamo organizzato un itinerario in fuoristrada nel sud del Marocco tra montagne, deserto e villaggi berberi, una vera meraviglia sia dal punto di vista ambientale che architettonico.

  • di supermary58
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 
Annunci Google

Quest'estate abbiamo organizzato un itinerario in fuoristrada nel sud del Marocco tra montagne, deserto e villaggi berberi, una vera meraviglia sia dal punto di vista ambientale che architettonico. Marrakech è il punto di partenza e di arrivo del nostro viaggio, la sua visita la rimanderemo a fine tour, quando, dopo aver fatto circa 2.500 Km. in 9 giorni, riconsegneremo la jeep in aeroporto.

12 AGOSTO 2011

Il volo Easyjet parte puntuale da Malpensa e arriva altrettanto puntuale all'aeroporto di Marrakech, mangiamo velocemente un panino al Bar e andiamo al Banco dell'EUROPCAR per il ritiro del fuoristrada (www.rentalcargroup.com). Sono quasi le 13.00 quando finalmente partiamo in direzione di Ouarzazate attraverso il passo del Tizi n'Tichka che con i suoi 2200 m. di altitudine attraversa l'Alto Atlante ed è considerato uno dei più spettacolari del Marocco. La strada N.9 è tutta asfaltata ma i molti camion ci fanno ridurre notevolmente la velocità e ci costringono a diversi sorpassi. La natura e il colore del terreno variano lungo tutto il percorso, e non possiamo fare a meno di fermarci in continuazione nei numerosi punti di sosta per fotografare o riprendere i bellissimi panorami. Poco dopo aver superato il villaggio di TADDERT lasciamo la strada principale e prendiamo una pista panoramica con numerosi tornanti, che conduce al villaggio di TELOUET. E' ormai pomeriggio inoltrato e vogliamo arrivare al nostro Auberge prima che faccia buio. Riusciamo giusto a fare qualche foto alla sua kasba e proseguiamo verso la Vallata del wadi Meleh fino a raggiungere il villaggio di AIT BEN HADDOU dove ci fermeremo per la notte.

AUBERGE BAGDAD CAFE www.auberge-bagdad-cafe.com Voto 9 (ottima accoglienza, buona cucina, molto pulito, aria condizionata, il proprietario è molto disponibile a dare indicazioni e suggerimenti riguardo gli itinerari programmati)

13 AGOSTO

Ci svegliamo di buon ora e decidiamo di visitare subito lo ksar di Ait Ben Haddou, un intero villaggio fortificato situato lungo la sponda di un wadi che dobbiamo attraversare. L'acqua non ci sembra alta e ci sono dei sacchi di sabbia e dei grossi sassi un po' traballanti che fungono da "passerella" ...barcollando, riusciamo a guadarlo. La splendida kasba, inserita dall'Unesco come Patrimonio dell'Umanità, risale al XVI secolo, è fatta di sabbia e si affaccia sull'immenso deserto roccioso. Da qui passavano le carovane che trasportavano il sale da Marrakech verso il deserto, riportando indietro oro, avorio e schiavi. L'effetto scenografico è talmente bello che numerosi registi l'hanno scelto come set per i loro film come ad esempio Il the nel deserto, Lawrence d'Arabia e altri ancora. Ritorniamo all'Auberge e dopo un'abbondante colazione ci dirigiamo verso BOUMALNE per iniziare la spettacolare salita verso la VALLE DEL DADES, soprannominata anche la Valle delle mille kasbas. La prima sosta la facciamo per visitare la kasba di AMERDIHIL, ci arriviamo attraversando per circa 2 Km. un fiume in secca pieno di sassi. Dopo aver zigzagato nel labirinto della kasba saliamo su una terrazza traballante e lo scenario che appare ai nostri occhi è di quelli che non dimenticheremo. Ci fermiamo poi a SKOURA villaggio delimitato da un bellissimo palmeto che pare sia stato realizzato dagli arabi e poi successivamente abitatato da nomadi berberi. Durante il percorso notiamo che le montagne dell'Alto Atlante e le catene del Jebel Sarho cambiano continuamente le loro forme e le loro sfumature cromatiche passando dai colori più accesi del rosso fino all'ocra più intenso

Annunci Google
  • 11369 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social