Londra toccata e fuga

Quest’anno ho pochi giorni di vacanza, per cui ho cercato un viaggio che sia di facile raggiungimento. Ho scelto Londra visto che è mitragliata dai voli low-cost e che è una città che mi ha sempre affascinato oltre che raggiungibilissima ...

  • di Matcorsa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Quest’anno ho pochi giorni di vacanza, per cui ho cercato un viaggio che sia di facile raggiungimento.

Ho scelto Londra visto che è mitragliata dai voli low-cost e che è una città che mi ha sempre affascinato oltre che raggiungibilissima in poco tempo, visto che a mia disposizione è poco. Cerco di sfruttarli al massimo, prenotando un volo al mattino presto di lunedì appunto, e uno per il ritorno il venerdì sera. Prenoto anche l’hotel che nonostante sia vicino a Buckingham Palace, non è così esoso.

Decollo lunedì mattina puntualissimo e raggiungo l’aeroporto di Stansted in orario in poco più di un’ora. Quest’ultimo però dista un bel po’ di strada dal centro Londinese. Distanza che può essere percorsa in due modi: o si sceglie la più panoramica via stradale con l’autobus che impiega un’oretta molto abbondante, o si prende il trenino “Standsted Express” che in una quarantina di minuti ti porta in centro città. Io ... li faccio entrambi. Mi spiego. Scelgo già in aereo di fare lo sbrigativo e acquisto il biglietto del treno direttamente dall’hostess che più volte passa nel corridoio ad informare delle modalità e dei costi. Risulta infatti più economico acquistarlo in aereo. Solo che le hostess dovevano aggiornarsi di più della situazione della tratta ferroviaria, perché proprio per questa giornata erano previsti una serie di lavori di consolidamento per cui la linea è out.

Il problema viene aggirato utilizzando l’autobus che, botta di fortuna, mi tocca un “double decker”, così assaporo una meravigliosa vista dall’alto della campagna prima, e della periferia poi, della città. Poi, passato il punto dei lavori sulla linea ferroviaria, ci fanno scendere alla più vicina stazione e ci fanno salire sul treno per raggiungere la meta che è Liverpool Station. Da qui, con la metro, si va poi ovunque.

Arrivati a Victoria Station, una delle più importanti (forse la più importante), stazioni della città, prendo possesso dell’hotel che si trova proprio di fronte alle scuderie reali e, depositato il bagaglio, me ne esco subito alla scoperta della città, visto che i giorni a disposizione sono pochi.

Prima tappa un supermercato per mettere qualcosa sotto i denti. Seconda tappa: non ho tappe precise per cui: girare, girare, girare. Direzione presa: Trafalgar Square.

Essendo vicino alle scuderie reali, prendo la strada per passare davanti alla residenza più famosa del Regno Unito osservando l’ordine e la pulizia di ciò che circonda la zona, anche se poi noterò essere una costante.

La solita folla che si è riunita di fronte al cancello principale, altre persone sopra le gradinate della fontana e altre ancora nel viale dei parchi che l’attorniano. La residenza dei Reali inglesi è aperta parzialmente alla visita e ovviamente la biglietteria è presa d’assalto. Mi sono informato che solo poche stanze sono aperte al pubblico e queste non sono certo le più importanti, per cui non mi creo nemmeno il problema e proseguo.

Non è l’orario del cambio della guardia, ma anche questo mi ero prefissato di non vederlo in quanto troppo turistico.

Continuo in direzione di Trafalgar Square. Sulla piantina sembra vicina. Sulla piantina, appunto. Comunque sono solo e quindi la prendo con rilassatezza e proseguo osservando tutto quello che c’è da vedere.

Finalmente ... arrivato. Trafalgar Square. L’enorme piazza dedicata alla più famosa battaglia navale inglese combattuta dal più famoso ammiraglio: Oratio Nelson, anche se l’Inghilterra di navigatori illustri ne annovera più di uno

  • 602 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social