Londra, la "piccola-grande mela" dell'Inghilterra.

Questa è la storia di un’avventura di due ragazzi, Tania e Christian, che sognavano di visitare Londra. Tutto inizia alcuni mesi prima della partenza, con un’assidua ricerca della tariffa più conveniente per una studentessa universitaria e un neo-lavoratore sui siti ...

  • di takry
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Questa è la storia di un’avventura di due ragazzi, Tania e Christian, che sognavano di visitare Londra. Tutto inizia alcuni mesi prima della partenza, con un’assidua ricerca della tariffa più conveniente per una studentessa universitaria e un neo-lavoratore sui siti internet delle migliori compagnie aeree del mondo. La soluzione è stata trovata grazie alla compagnia Easyjet molto affidabile e onesta, che ci ha anche permesso di trovare un bed & breakfast semplice ma perfetto per questi tipi di soggiorno. Abbiamo deciso di trascorrere cinque giorni nella capitale inglese e dopo aver acquistato una buona guida turistica con allegata la cartina della città, siamo riusciti a pianificare la vacanza in modo da poter vedere le attrazioni e i monumenti principali in poco tempo.

Ecco il resoconto della nostra avventura:

Giorno 1. ( Sabato 6 Marzo 2010 )

Il nostro viaggio inizia con la sveglia alle 5.30 del mattino per essere all’aeroporto di Nizza in orario per l’aereo delle 10.45 che arriverà a Londra alle 11.45. Dopo un volo di due ore siamo arrivati all’aeroporto di Londra Gatwick, ci siamo diretti all’ufficio informazioni e abbiamo comprato la Oyster Card, una carta che ti permette di utilizzare tutti i mezzi pubblici ( tranne i taxi ) a metà prezzo ed è possibile ricaricarla alle macchinette che si trovano nelle stazioni della metropolitana. Dopo abbiamo preso il Gatwick Express, un servizio ferroviario che offre un treno ogni mezz’ora che porta alla stazione Victoria nel centro di Londra in poco tempo e che costa poco più di ventotto sterline andata e ritorno. Da questa stazione è possibile usufruire di tutti i mezzi pubblici per arrivare alla destinazione. Per noi la destinazione era la zona di Paddington dove si trovava il nostro B&B; abbiamo fatto lo sbaglio di prendere la metro in piena ora di punta e abbiamo avuto molte difficoltà a trovare la linea giusta; ma dopo aver ragionato abbiamo capito come funzionava e non abbiamo più avuto problemi. Dopo esserci sistemati in camera, alle 14,00 (ora locale) abbiamo iniziato la nostra visita: abbiamo preso la metro e siamo andati a Portobello Road dove solo il sabato c’è un magnifico mercato dell’usato e dell’antiquariato. Dopo aver passeggiato fra le bancarelle e aver speso le nostre prime sterline, ci siamo diretti a Candem Town, un quartiere molto particolare dove si può incontrare gente strana con uno stile tutto proprio ( creste colorate, vestiti e accessori dark, tatuaggi e piercing molto artistici ). Anche qui c’è il mercatino tipico dove oltre a vestiti, scarpe e accessori molto stravaganti, vi si possono trovare chioschetti di cucina occidentale e orientale che a poche sterline vi preparano dei piatti completi. Dopo una giornata molto movimentata e faticosa siamo ritornati in camera e ci siamo riposati per il giorno seguente.

Giorno 2. ( Domenica 7 Marzo 2010 )

Il secondo giorno inizia con la prima colazione delle 8.30, dopo esserci armati di berretto, sciarpa e guanti per l’agghiacciante aria londinese, ci siamo diretti in uno dei più grandi parchi di Londra: Hyde Park. Lo abbiamo attraversato tutto ammirando la Fontana dedicata alla Principessa Diana al centro del parco e guardando incuriositi le strane razze di uccelli che popolano il lago Serpentine che lo attraversa. Ci siamo accorti che a differenza delle grandi città italiane, a Londra la domenica mattina sembra che il caos cittadino si fermi: gente che corre nei parchi, famiglie e anziani che passeggiano con cani e bambini senza preoccuparsi della settimana di lavoro che sta per arrivare

  • 5344 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social