Caldissima sicilia

SICILIA AGOSTO 2003 Quest’anno abbiamo deciso di fare “turismo lampo” in Sicilia. Partiamo da Bologna, abbiamo 23 giorni per girarla tutta, abbiamo la tenda nel baule e non abbiamo prenotato nulla. Per due mesi ho letto molto materiale scaricato da ...

  • di Monia Dozzi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

SICILIA AGOSTO 2003 Quest’anno abbiamo deciso di fare “turismo lampo” in Sicilia. Partiamo da Bologna, abbiamo 23 giorni per girarla tutta, abbiamo la tenda nel baule e non abbiamo prenotato nulla. Per due mesi ho letto molto materiale scaricato da internet e, con l’aiuto di Seba e della guida Lonely Planet, ho steso un ipotetico itinerario. Ce la faremo? Sabato 9 Agosto 2003 Alle 7.00 siamo pronti per partire. Silvana (Transalp 600 ‘97 rosso) non è mai stata così carica. Siamo Monia (che scrive) e Stefano (Bus nel testo), un baule centrale, due valigie laterali e una borsa da serbatoio gentilmente prestataci dal Coppo. Tutto veramente stracolmo.

Saliamo in sella. La prima sosta obbligatoria è in Via Arno per fare colazione. Poi, emozionantissimi, imbocchiamo l’autostrada. Direzione Sud. La giornata è splendida, c’è pochissimo traffico ed è molto caldo (ovviamente ... vista l’estate di quest’anno!!!). La prima sosta riusciamo a farla dopo 200 km. Siamo soddisfatti, perché con la moto precedente (un salutone alla Cavalla - Pegaso ‘93) le soste erano obbligatorie molto ma molto tempo prima ... Il caldo si fa sempre più insopportabile e gli incendi nei boschi sono numerosi. Le nostre soste sono sempre più vicine una all’altra. Finalmente verso le 16.30 cominciamo a vedere il Vesuvio in lontananza e quando il contachilometri segna 600 km dalla partenza, arriviamo a Napoli. Bus è un pelino terrorizzato dalla guida dei napoletani ma fortunatamente non impieghiamo molto per trovare il porto.

Ora dobbiamo trovare un posto sul traghetto per poter evitare di affrontare la Salerno – Reggio Calabria che tutti ci hanno sconsigliato. Ci fiondiamo negli uffici della Tirrenia ma un terrorizzante cartello comunica che è tutto pieno fino a lunedì. Vediamo in lontananza gli uffici della Snav. Proviamo. Dopo penosa attesa, ci comunicano che hanno solo una cabina interna. All’inizio la prendiamo controvoglia (per risparmiare ci saremmo accontentati pure del passaggio ponte), ma alla fine si è rivelata una scelta fantastica. Doccia in camera e un letto morbido dove riprenderci dal viaggio. Alle 20.00 il traghetto finalmente lascia Napoli e il Vesuvio diventa sempre più piccolino all’orizzonte. Ci godiamo un umidissimo tramonto davanti ad una fresca birra, ceniamo al ristorante (ma ricordarsi di evitarlo ... se si può), facciamo una bella doccia e sveniamo entrambi nel morbido letto ... Totali giornalieri: km 600; 48,29 euro benzina; 158,10 euro traghetto; 29 euro autostrada; 20 euro cena.

Domenica 10 Agosto 2003 Ci svegliamo alle 6.30 e siamo praticamente già al porto di Palermo. Alle 7.30 mettiamo piede in Sicilia. E’ deserta. Ok che è domenica, ma ho idea che dovremo abituarci ai loro ritmi estremamente diversi dai nostri. Decidiamo di cominciare il nostro giro della Sicilia dalla costa ionica e quindi prendiamo direzione Catania. Ci fermiamo a fare colazione al Bar Italico – Via Ponte di Mare n. 1 a Palermo dove sono tutti gentilissimi e le paste sono veramente delle bombe. Con la pancia piena imbocchiamo l’autostrada che costeggia il mare prendendo direzione Messina. Il paesaggio è spettacolare. Mare trasparente alla nostra sinistra e monti altissimi alla nostra destra. E, diversamente da quello che mi aspettavo, c’è tantissimo verde. Passiamo vicino al famoso stabilimento della Fiat di Termini Imerese. A questo punto l’autostrada che porta a Catania lascia la costa e si dirige verso l’interno dell’isola. Il paesaggio cambia radicalmente. E’ affascinante. Spariscono le case e tutto è incredibilmente brullo. Ovunque c’è il giallo dei campi di grano mietuto. E osservando bene, ci accorgiamo che tutto il terreno è coltivato. Come avevo letto sulla mia guida, in Sicilia è stato sfruttato tutto veramente fino all’osso. L’autostrada (che continua a essere gratuita) è molto bella e praticamente deserta. In lontananza intravediamo i Monti delle Madonie dove d’inverno si può anche sciare. Sono imponenti. Ci fermiamo in un’area di servizio per cominciare a telefonare agli affittacamere. Accidenti ... ma come parlano??? ... al telefono è veramente un’impresa capire ciò che mi stanno dicendo

  • 9087 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social