Meravigliosa stromboli

Mare blu, spiagge nere, un vulcano che fuma ogni 15 minuti: Stromboli è tutto questo e molto altro, un luogo affascinante dove trascorrere le vacanze. Periodo: dall’11 al 23 agosto 2007 – certamente non il periodo migliore per chi cerca ...

  • di michelerai
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Mare blu, spiagge nere, un vulcano che fuma ogni 15 minuti: Stromboli è tutto questo e molto altro, un luogo affascinante dove trascorrere le vacanze.

Periodo: dall’11 al 23 agosto 2007 – certamente non il periodo migliore per chi cerca la tranquillità, ma Stromboli riserva oasi di pace anche in alta stagione! Come arrivare: Stromboli (come tutte le Eolie) può essere raggiunta via mare in aliscafo o in nave-traghetto da Milazzo, Messina, Reggio Calabria, Palermo e Napoli. Le compagnie che effettuano il collegamento sono Ustica Lines, Snav, Alilauro, Siremar, Medmar e Volaviamare. Il biglietto non è propriamente economico: una poltrona sulla nave-traghetto della Siremar da/per Napoli ci è costato 55.60 euro a tratta a persona! NB: dal momento che viaggia Alloggio: a Stromboli è possibile alloggiare in hotel, bed & breakfast o case vacanza. In una casa vacanza in agosto il prezzo si aggirava sui 50 euro a testa a notte. Due nostri amici erano in un appartamentino a due piani carinissino e appena rimesso a nuovo. Io e George eravamo – insieme ad altre quattro persone – in una casa più spartana ma in vero stile eoliano. Il WC era costituito da un ampio sedile piastrellato senza acqua di scarico. Per scaricarlo si usava l’acqua raccolta in un secchio tramite un foro praticato nel lavandino. La cucina aveva un forno a legna con un soppalco dove in passato gli abitanti dormivano in inverno al calore generato dal forno. C’era un patio con le panche in muratura, un giardino (che in passato era probabilmente un orto) e un terrazzo da cui si aveva una splendida vista sul porto e sul vulcano.

Trasporti: a Stromboli non esistono auto. Si gira a piedi – le distanze sono relativamente brevi – o in taxi (i caratteristici moto-ape elettrici). Si possono affittare scooter (anche questi quasi tutti elettrici) e gommoni. Di notte è utile avere con sé una torcia: la luce elettrica c’è solo nelle case, quindi alcune strade diventano davvero buie. Se si dimentica la torcia, ci si può fare luce col cellulare! Spiagge: chi ama la vita da spiaggia non resterà deluso. Stromboli ha infatti delle spiagge molto belle e particolari perché formate da sabbia e/o ciottoli di colore nero. Sono tutte spiagge libere, ma in alcune è possibile affittare stradio e ombrelloni. E non sono prese d’assalto neanche in alta stagione! La spiaggia di FORGIA VECCHIA è forse la più bella: si estende lungo una piccola baia di acqua calma e trasparente alle pendici del vulcano e delle sue distese sabbiose. Senza dubbio è la meno affollata (una dozzina di persone il 16 di agosto!), un vero paradiso per chi desidera pace e tranquillità. Ciò in quanto è la meno accessibile – la si raggiunge attraverso un breve sentiero che parte dalla spiaggia di Scari – ma anche la più ciottolosa e soprattutto la più popolata di meduse... La spiaggia di SCARI, tagliata in due dal molo, è altrettanto spettacolare, con la magnifica vista del cono del vulcano, del borgo di San Vincenzo e dello Strombolicchio. La spiaggia di FICOGRANDE è forse la più affollata, perché a metà del centro abitato, e la meno bella, perché qui attracca la nave che porta l’acqua dalla terraferma e trovano “parcheggio” i gommoni utilizzati per le varie gite. Infine, la cosiddetta SPIAGGIA LUNGA, nei pressi di Piscità, meta prediletta di giovani, gay e naturisti, rivaleggia in bellezza con quella di Forgia Vecchia.

Luoghi da visitare: i centri abitati di Scari, San Vincenzo, Ficogrande e Piscità formano un unico agglomerato che è possibile visitare percorrendo una sorta di anello di circa 4 km. Da SCARI (dove si trova il molo) si sale per via Roma sino a SAN VINCENZO, con l’omonima chiesa e dalla cui piazzetta si gode uno splendido panorama. Da qui la strada scende dolcemente sino alla chiesa di San Bartolo e a PISCITA’, in un susseguirsi di case bianchissime e giardini coloratissimi che, insieme al vulcano, regalano scorci spettacolari. A Piscità la strada ripiega verso FICOGRANDE e il suo lungomare per poi ritornare a Scari

  • 16906 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social