Gibuti, le porte del Mar Rosso

Viaggio quasi fai da te a Gibuti dopo essere stati in Dancalia, Etiopia

  • di balzax
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

7-11 gennaio 2012

La repubblica di Gibuti (o Djibouti in francese) è uno stato indipendente dal 1977. Prima costituiva la Somalia Francese. E’ un piccolo stato che si trova all’estremità meridionale del Mar Rosso, affacciato sul golfo di Aden presso lo stretto di Bab-el-Mandeb nel Corno d’Africa. Gibuti è grande più o meno come la Lombardia, ma ci vivono solo 700.000 abitanti, di cui 400.000 nella capitale Gibuti Ville. Il territorio ha poche risorse, è in prevalenza desertico e c’è poco petrolio, ma riveste un’importanza strategica fondamentale. Tutte le navi dirette verso il Canale di Suez o provenienti dal Canale di Suez devono passare da qui. La penisola araba è vicinissima: lo Yemen è a soli 20 km di braccio di mare dalla costa nord dello stato.

L’importanza strategica di Gibuti è confermata dalla presenza stabile di 3 basi militari: Usa, Francia e Giappone, più una caserma della Legione Straniera. Da queste basi partono ogni giorno decine di velivoli che sorvolano la costa fino all’estrema punta della Somalia, dove ci sono i porti da cui si presume che partano le navi dei pirati che ogni tanto assaltano le petroliere e le navi cargo. Più volte durante il mio soggiorno ho visto gli elicotteri Apache passarmi sopra la testa in assetto di guerra a non più di 100-150 mt, con i cannoni montati e presumibilmente armati.

Tappa 1: Gibuti – Lago Assal

Arriviamo a Gibuti in serata, con volo da Addis Abeba. Visto in aeroporto abbastanza complicato, ma alla fine usciamo dietro pagamento di 60 dollari. Qualche problema con la macchina che ci deve venire a prendere, ma alla fine arriva. L’impatto con la città di Gibuti è strano: a Gibuti non piove mai, massimo 2 o 3 volte all’anno ….e una di queste volte è precisamente quando arriviamo noi.

Comunque è una pioggerellina che non dà fastidio, anche perché fa molto caldo, e che gli abitanti di Gibuti accolgono con notevole gradimento.

Il mattino dopo partenza per il lago Assal, a circa 80 km da Gibuti lungo l’ottima strada asfaltata che collega Gibuti (o meglio Djibouti visto che qui parlano arabo o francese) con la cittadina di Tadjoura che sta sul lato opposto della baia su cui praticamente si affaccia tutta la nazione che è piuttosto piccola. Alla guida della nostra Toyota c’è un autista pazzo che guida a sinistra come se fossimo in Inghilterra (ma qui si guida a destra) e rumina qat in continuazione. Sulla strada vediamo il canyon Adaileh, che non è niente di speciale. I paesaggi comunque sono molto belli, specialmente mano a mano che ci si avvicina al lago Assal. Curiose le capre che salgono sulle piante per brucare le fronde più tenere.

Il lago Assal è il punto più basso dell’Africa, e uno dei tre più bassi di tutto il mondo: -150 mt. Il lago ha una altissima concentrazione salina, circa 350 gr di NaCl per litro, quasi una soluzione satura. Tanto per dare un’idea, la salinità dell’Oceano Indiano nella vicina baia di Ghoubbet è di circa 30 gr/lt.

I colori del lago sono stupendi: giallo, verde smeraldo, blu secondo la profondità dello strato acquoso e la densità del sale. Sullo sfondo le vette dei monti Goda, che arrivano a 1680 mt. La salinità del lago è talmente elevata, che non si riesce nemmeno a fare il bagno perché è impossibile affondare, praticamente si sta appoggiati sulla superficie acquosa. Sulle rive del lago ci sono diversi banchetti dove alcuni ragazzi vendono cristalli colorati di sale e di altri minerali. Alcuni sono molto belli, a poco prezzo ne compro alcuni di giallo-bruni come quelli della foto, e miracolosamente si riuscirà a portarli in Italia intatti

  • 19380 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social