Corsica on the road: lettera ad un amico

Ciao come promesso ti mando due dritte per quanto riguarda la corsica. breve premessa: praticamente é quasi tutto il contrario di quello che ti avevo detto per il portogallo, il cibo costa caro quasi dappertutto (per non parlare del pesce), ...

  • di Steva1979
    pubblicato il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ciao come promesso ti mando due dritte per quanto riguarda la corsica.

Breve premessa: praticamente é quasi tutto il contrario di quello che ti avevo detto per il portogallo, il cibo costa caro quasi dappertutto (per non parlare del pesce), così come b&b, e qualsiasi struttura per accoglienza notturna.. Praticamente inesistente l'indigena pratica della "mi casa tu casa", lì se ti ospitano a casa loro é perché ti hanno rapito ;-) Quindi se non vuoi spendere tanto e goderti un po’ di più la corsica vai di tenda e di gran campeggio. Ne troverai in quantità industriale. Quasi tutti grandi, puliti, ed i più belli con ogni confort (piscina, chiosco bar, massaggi, saune, palestra..).

Scordati anche i vari localini tipo saint germain a Parigi o all’alfama di Lisbona, in corsica ne troverai pochi e comunque abbastanza cari. La cucina poi non è che sia un gran che quindi ti puoi togliere lo sfizio in una manciata di posti ma se no la corsica è più che altro tramonti sulla spiaggia e mangiate con formaggio di capra e una bella bottiglia di pietra ghiacciata in mano... poi se ti diletti anche in qualche immersione allora ti puoi anche fare tutti i polpi che vuoi in tutti i modi che vuoi, ci sono delle zone dove i pesci li prendi come le farfalle.

Cmq prima di partire devi decire in base al tempo che hai a disposizione, cosa vuoi vedere. In 2 settimane piene riesci a fare -) giro completo della costa -) costa ed interno nord -) costa ed interno sud -) tutto interno.

Piccolo appunto: tutto da fare rigorosamente in macchina, moto o camper.. I mezzi pubblici praticamente non esistono in quasi tutta l’isola.

Diciamo che la corsica ha coste degne dei carabi e montagne degne delle alpi.. Molte persone vanno in corsica solo per fare montagna (scalate, camminate e d’inverno addirittura sciate). Noi abbiamo scelto di fare tutta la costa (tralasciando la maggior parte di quella orientale dove non c’è praticamente nulla se non qualche sporadico residence per “amici terza età”), escludendo la parte interna.. E 15 giorni ci sono voluti tutti.

Se scegli quindi la tenda scegli anche quante tappe fare, spostarsi tutti i giorni da un campeggio all’altro è un po’ troppo sbattone.

Noi abbiamo fatto 3 tappe: una al nord verso saint florent, una al centro ovest a porto, una sud est tra porto vecchio e bonifacio.

In breve (si fa per dire) questo è stato il nostro giro.

Sbarco a bastia.. Se hai tempo (all’andata o al ritorno) fai un giro per i vecchi quartieri di bastia dove non è ancora arrivata la mano della ristrutturazione edilizia. Assomiglia molto ad alcune zone quartieri di Genova e Marsiglia.

Prima tappa: campo base nei pressi di un campeggio dalle parti di saint florent, alla base sinistra del dito. Ci arrivi valicando una piccola collina tra bastia e saint florent, in 20 minuti sei già arrivato. Abbiamo scelto quella zona perché un un punto strategico per piantare la tenda e lasciarla li un po’ di giorni in modo da poter girare tutta la parte nord.

I primi giorni purtroppo abbiamo preso sempre brutto tempo e anche parecchia acqua quindi invece di tuffarci in mare per tutto il giorno, abbiamo usato il tempo per girare un po, ma alla fine non ce ne siamo pentiti.

Giro completo del “dito”: noi l’abbiamo fatto in senso anti orario per stare sempre lato mare, ma se soffri di vertigini o hai qualche difficoltà di guida, pensaci bene. Le strade in alcuni punti sono veramente strette e a picco sul mare senza protezioni. Lungo la parte est da bastia in su, ci sono piccoli e carini paesini che meritano 10 minuti per sgranchirsi le gambe come Erbalunga, Pietracorbara e Macinaggio, prima di arrivare a capo corse. Poco dopo Macinaggio la strada taglia sulle alture per passare dall’altra parte del dito. Se vuoi completare il giro costeggiando devi per forza lascaiare la macchina e proseguire a piedi lungo “il sentiero dei doganieri”, vecchissimo sentiero istituito come in Normandia per fare le ronde contro gli sbarchi dei contrabbandieri.. Ma cmq per arrivare dall’altra parte ci vogliono circa 6 ore. Noi abbiamo optato per la soluzione che puoi già immaginare.

  • 3948 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social