Interrail: laddove nacque l'Europa

Laddove nacque l’Europa… Italia – Francia – Belgio – Paesi Bassi – Germania – Lussemburgo Negli anni ’50 queste sei nazioni, appena uscite da un crudele conflitto mondiale, firmavano il trattato di Roma gettando le fondamenta per l’attuale Unione Europea, ...

  • di Dave
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Laddove nacque l’Europa... Italia – Francia – Belgio – Paesi Bassi – Germania – Lussemburgo Negli anni ’50 queste sei nazioni, appena uscite da un crudele conflitto mondiale, firmavano il trattato di Roma gettando le fondamenta per l’attuale Unione Europea, che conta ben venticinque Stati membri, ed ha in programma di comprenderne ancora di più.

Milano, 3 agosto 2006 Siamo alla Stazione Centrale, alle 06.45. E siamo in sei, come i Paesi Fondatori. Giuro che è solo un caso, questa associazione di idee mi è venuta in mente soltanto a posteriori. Davide, Jacopo, Laura, Matteo, Martina e Valeria.. Tra pochi minuti partirà il TGV diretto a Parigi, Gare de Lyon.

Ognuno di noi ha sulle spalle uno zaino di ingenti proporzioni, eppure mi era sembrato di portare soltanto lo stretto necessario! Ma anche questo celebre stretto necessario pesa comunque una decina di chili; qualcuno forse sta già rimpiangendo il fatto di essersi imbarcato in un viaggio come questo, ma in cuor suo sa che le fantastiche esperienze che ci attendono ripagheranno questa carenza di comodità.

Qualcuno forse non conosce il biglietto Interrail? È un documento di viaggio che permette di usufruire di tutti i treni che si desidera nell’ambito di una zona dell’Europa ed in un determinato arco di tempo. Il nostro biglietto ci permetterà di scorrazzare attraverso Francia, Belgio, Olanda e Lussemburgo, la cosiddetta “zona E”.

La nostra prima tappa, infatti, è Parigi, dove ci fermeremo per tre giorni. Jacopo ha assicurato sul suo zaino ben saldo un vivace tricolore, per celebrare la recente vittoria mondiale. “Vittoria” sarà il nome che daremo a questa bandiera, eletta a mascotte del gruppo. Decidiamo, però, di limitare le occasioni in cui esibirla, per non urtare i sentimenti del Paese che ci ospita. Parigi Come fare a vedere questa città straordinaria in soli tre giorni? Semplice: è impossibile! In così poco tempo bisogna per forza scegliere su che cosa concentrare la propria attenzione in base ai propri interessi e alle proprie disponibilità economiche. Noi non vogliamo farci mancare proprio nulla, e già la prima sera andiamo a vedere il mitico Moulin Rouge! Da fuori ovviamente... Ma l’importante è esserci, anche se soltanto dall’esterno, è comunque emozionante. Portiamo a casa uno scorcio di belle époque acquistando alcune cartoline con i manifesti dipinti da Toulouse-Lautrec.

Dal basso della mia esperienza mi sento di sconsigliare di mangiare a Montmatre: probabilmente siamo stati soltanto sfortunati, ma generalmente si spende molto e si mangia poco. Molto meglio il Quartiere Latino, dove, seppur i prezzi restino alti, almeno si può uscirne soddisfatti. Consiglio vivamente di provare la raclette, un piatto tipicamente francese che ho trovato molto divertente e conviviale, se si mangia in compagnia. Bisogna però stare attenti a non prendere la raclette nature, cioè quella che costa meno, perché vi porteranno soltanto patate bollite e formaggio.

Il modo migliore per vedere Parigi in tre giorni è mettersi in marcia e percorrere rigorosamente a piedi tutti i luoghi più caratteristici. Munitevi soprattutto di un abbonamento della metropolitana, per percorrere liberamente la città in lungo e in largo, senza sosta, e senza limiti. Non si sa mai che non incontriate, su una delle tante linee parigine, un suonatore che proponga canzoni italiane, da cantare e sentirsi a casa! Più che il Louvre, a Parigi non si può assolutamente perdere il Musée d’Orsay, che contiene i magnifici capolavori dell’impressionismo francese (e anche italiano, con qualche opera del nostro De Nittis)

  • 4833 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social