Viaggio di nozze dall'altra parte del mondo (1)

Le cose più belle che io abbia mai visto (finora) sono in Australia! Questa nazione immensa è stata, con Hong Kong (posto magnificamente delirante), la meta del mio viaggio di nozze. Per ragioni di tempo abbiamo dovuto escludere la parte ...

  • di La Redazione
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Le cose più belle che io abbia mai visto (finora) sono in Australia! Questa nazione immensa è stata, con Hong Kong (posto magnificamente delirante), la meta del mio viaggio di nozze.

Per ragioni di tempo abbiamo dovuto escludere la parte ovest, con Perth, ma proprio per lo stesso motivo, ogni giorno è stato vissuto a occhi spalancati, per catturare ogni singolo particolare.

Il tour: 25-27 maggio 2005 - Darwin e Kakadu National Park 28-29 maggio 2005 - Ayers Rock 29 maggio-1 giugno 2005 - Kangaroo Island (arrivo e rientro su Adelaide) 1-3 giugno 2005 - Sydney (scalo tecnico a Melbourne) 3-6 giugno 2005 - Cairns Dal momento della partenza all’arrivo a casa, abbiamo fatto 56 ore di volo. Le tratte più lunghe (Milano-Francoforte-Singapore-Darwin e, al ritorno, Hong Kong-Londra-Milano) hanno avuto una durata di circa 16 ore e 12 ore rispettivamente. All’interno dell’Australia, ovviamente, i voli interni erano all’ordine del giorno (d’altronde, l’unico mezzo per muoversi in spazi così estesi è l’aereo).

Darwin e il Kakadu National Park Siamo entrati in Australia da nord. Darwin è stata la nostra prima tappa: una città che ha sofferto la distruzione per colpa degli uragani, ma che gode di una posizione geografica straordinaria, alle porte del Kakadu National Park, il nostro primo passo verso un ambiente naturale favoloso, fatto di uccelli in libertà e animali, che, se mai mi era capitato di vedere nel nostro continente, era stato in uno zoo.

Siamo arrivati a Darwin da Singapore alle 4 del mattino (ora locale) e, a bordo di un taxi, abbiamo raggiunto il nostro hotel (Mirambeena Resort), notando come, per strada, la gente stesse facendo jogging: "normale -ci ha detto il taxista- più tardi fa troppo caldo"... Già... Come abbiamo fatto a non pensarci? L'indomani (qualche ora più tardi, per la verità, ma noi eravamo così provati dal fuso orario che non sapevamo bene dove e "quando" fossimo) abbiamo fatto una passeggiata esplorativa in città. Una località dal sapore coloniale, di frontiera, dove sono sbarcate numerose famiglie europee, che Darwin ha scelto di ricordare con diverse file di piastrelle incastonate nella pavimentazione dei parchi della città. Una città talmente recente, da annoverare tra le attrattive culturali i serbatoi di carburante sotterranei, nascosti durante la seconda guerra mondiale.

In questa città abbiamo visto i primi negozi aborigeni, i primi uccelli strani e abbiamo scoperto un locale che consigliamo vivamente: The Hog's Breath Café (hamburger, T-bones, patatine fritte e birra). Non si può dire "tutta salute"... Ma certamente è un’esperienza! Gli elementi più belli di questa parte dell'Australia sono preziosamente conservati all'interno del Kakadu National Park. Una distesa di piante e animali liberi davvero spettacolare. Un tour (o più di uno) in questo ambiente è davvero da fare. Soprattutto sulla Yellow Water o sull’Alligator River (acque abitate dai coccodrilli), partendo dal Gagudju Lodge Cooinda e dormendo almeno una notte al Gagudju Crocodile Hotel, un albergo fantastico a forma di coccodrillo, dove simpatici dépliant in stanza ricordano che i veri abitanti del posto sono gli animali e invitano gli ospiti a non sopprimerli qualora ne trovassero qualcuno (per lo più lucertoline o formiche) sotto il letto. A proposito, al risveglio, con tutta probabilità, vedrete gli alberi neri. Non spaventatevi: sono centinaia di pipistrelli addormentati.

In questa zona vivono anche alcune comunità di aborigeni... Non si potrebbero fotografare, perché sono convinti che una foto possa rubare la loro anima... In verità reminescenze di storia moderna mi fanno ricordare che il furto dell'anima avviene attraverso gli occhi... Per cui ho osato fotografarli di spalle (forse è una scusa, ma devo giustificare la mia fotomania)

  • 1445 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social