Un avventura australiana

L’Australia per noi è sinonimo di paradiso terrestre, un luogo incontaminato con uno standard qualitativo di vita molto alto, insomma il posto in cui vorremmo andare a vivere. Così dopo aver pensato e ripensato su quale meta scegliere per le ...

  • di elisa2007
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

L’Australia per noi è sinonimo di paradiso terrestre, un luogo incontaminato con uno standard qualitativo di vita molto alto, insomma il posto in cui vorremmo andare a vivere. Così dopo aver pensato e ripensato su quale meta scegliere per le nostre vacanze estive, abbiamo deciso che era giunto il momento di tornare in Australia! La prima volta ci siamo stati nel 2004 in occasione del viaggio di nozze.

Sabato 4 agosto ci siamo imbarcati sul volo che da Roma ci ha portato ad Hong Kong. Lì abbiamo fatto scalo per ben 17 ore, utilizzando il tempo che avevamo a disposizione un po’ per una veloce visita alla città e un po’ per riposare in una stanza che avevamo prenotato nell’albergo dell’aeroporto (scelta non molto economica, ma sicuramente utile).

La prima tappa del viaggio è stata Brisbane, capitale del Queensland, dove vive una nostra amica. Città tranquilla, pulita, in complesso molto carina. Da lì ci siamo spostati a nord verso la Sunshine cost, che a noi è piaciuta molto, soprattutto Noosa. Mentre un altro giorno ci siamo spostati a sud fermandoci prima a Dreamworld, un parco divertimenti, dove abbiamo visto numerose specie di animali tipici della fauna australiana e abbiamo fatto alcuni giri sulle giostre del luna park. Poi nel pomeriggio abbiamo proseguito verso Gold Cost, località famosa per il surf, le belle spiagge e i numerosi divertimenti.

Purtroppo ad agosto il clima non è dei migliori, la sera fa abbastanza freddo e c’è la possibilità che piova.

Un aspetto che ci ha molto stupito è che la sera durante la settimana dopo le 21.00 non c’è nessuno in giro, mentre durante il week-end le strade, i locali, i ristoranti pullulano di gente.

Da lì ci siamo spostati a Darwin, punto di partenza per il tour di 9 giorni in 4x4 diretto verso Broome, prenotato dall’italia tramite internet con Australian Adventures. Questa è stata un esperienza sensazionale, dura dal punto di vista fisico, perché non avevamo a disposizione nessuna comodità, ma la natura e gli animali che abbiamo visto hanno ripagato ogni mancanza.

Abbiamo iniziato l’avventura viaggiando verso sud attraverso “The Trak” (Stuard Highway), visitando Katherine Gorge, Lake Argyle e Kununurra. Abbiamo poi cominciato la scoperta del Kimberly, che si estende dal confine con il Northen Territory fino a Broome, vasta regione incontaminata dai colori incantevoli che lascia con il fiato sospeso e regala emozioni mai provate, definita dagli stessi australiani come “the last frontier”. Quello che più ci ha colpito sono state le Bungle Bungle, originali formazioni rocciose dalla forma di guglie arrotondate, che si ritiene possano prendere il proprio nome da un’erba locale chiamata bundle bundle, erroneamente trascritta, che si trovano all’interno del Purnululu National Park. Abbiamo proseguito attraverso la mitica Gibb River Road, tracciata al fine di condurre il bestiame dalle fattorie più remote del Kimberley ai vari mercati del nord Australia, questa strada, con i suoi 670 chilometri circa di lunghezza rappresenta la via di collegamento più breve tra Wyndham, cittadina ubicata all’estremità orientale della regione, e Derby. Tuttavia, essendo per la maggior parte non asfaltata e sovente più accidentata rispetto alla lunga Great Northern Highway, la sua percorrenza risulta poco agevole, malgrado presenti al suo interno infinite attrattive.

Dopo 5 notti di bush camp ci fermiamo alla Stazione di El Questro, dove finalmente abbiamo a disposizione bagni e doccia! Noi ne approfittiamo anche per mangiare un’ottima bistecca al ristorante del camping

  • 1094 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social