Amsterdam e dintorni

Quattro giorni a spasso per l’Olanda

  • di patry54
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Anche quest’anno abbiamo deciso di fare la “zingarata” di sole donne: io, Marzia e Antonella.

Dopo Londra, Marzia desiderava vedere l’Olanda. Io e Antonella, che già alcuni anni fa avevamo visitato Amsterdam, abbiamo con piacere accettato di rivederla con l’intento però di muoversi per visitare anche altre città o paesini caratteristici. Abbiamo prenotato il volo con Transavia, da Pisa, al prezzo di € 160 A/R con bagaglio in stiva. Con Booking.com abbiamo prenotato una tripla per 4 notti all’Hotel Adolesce, in Nieuwe Keizersgracht 26, al costo di € 580.

Dopo aver letto recensioni di altri TPC, abbiamo predisposto un programma “itinerante” consapevoli che l’aspetto “culturale” della vacanza non sarebbe stato molto approfondito.

Il volo arriva in orario all’aeroporto di Amsterdam Schiphol alle ore 12,05. Dopo aver recuperato il bagaglio, alla biglietteria posta nell’arrival hall dell’aeroporto acquistiamo i biglietti, anche quelli per il ritorno, per la stazione centrale di Amsterdam al costo di € 8,60 A/r. La stazione, proprio sotto l’aeroporto, “sforna” continui collegamenti con la capitale.

Arrivati alla stazione centrale prendiamo la metropolitana. Le linee sono 4, ma a noi, per la zona dell’albergo (fermata Waterlooplein, la seconda dalla stazione) interessano la 51 o 53 o 54. I biglietti li acquistiamo direttamente alle macchinette, in contanti (costo biglietto valido 1 ora € 2,70). Alla fermata di Waterlooplein scendiamo, sotto la pioggia, e a poche centinaia di metri c’è il ostro Hotel che si dimostrerà un’ottima scelta, specialmente per la posizione centrale. L’unico “neo” sono le scale, ripidissime e abbastanza difficoltose da affrontare, specialmente con i bagagli. Comunque la camera è spaziosa: c’è un letto matrimoniale, uno singolo, un tavolino tondo con due sedie di fronte ad una delle tre grandi finestre,con vista sul canale, ed un lavandino. La stanza da bagno è molto comoda perché divisa in due parti e con due porte indipendenti: la doccia da una parte e i servizi igienici nell’altra.

Il tempo di lasciare i bagagli in hotel ed iniziamo subito l’itineraio della mezza giornata ancora a disposizione.

Ci dirigiamo verso Waterlooplein e rimaniamo subito colpite dal gran numero di biciclette che circolano sulle piste ciclabili, grandi quanto le nostre strade!

Essendo quasi le 14 e pure abbastanza affamate, ci fermiamo a pranzare in uno dei chioschi che si trovano nella piazza gestito da una ragazza carina e gentile. Assaggiamo in tre una zuppa di verdure con dentro carne affumicata, tipica olandese, e mangiamo tre panini con formaggio e prosciutto (buonissimi!), acqua, 1 caffè per il costo di 22 €.

La piazza è piena di bancarelle, infatti c’è il famoso mercatino delle pulci!

Nel frattempo esce il sole e quindi decidiamo di non soffermarsi a visitare il mercato, ma di approfittare del bel tempo per iniziare la visita della città e ci dirigiamo verso la “Zuiderkerk”, cioè la Chiesa Sud (in S. Anotniesbreestraat, entrando da un arco nel cortile interno), che fu la prima Chiesa Calvinista costruita ad Amsterdam, per poi ritrovarsi in Piazza “Nieuwmarkt”, una piazza lastricata su cui si affacciano edifici molto belli, tra cui il Waag, antica porta della città circondata da due tozze torri. Con la “Waag” (ex pesa pubblica) e vicino ci si imbatte in tante stradine dove c’è il quartiere cinese e dove si trova un bellissimo tempio buddista chiamato “Fo Guang Shan He Hua” o “Tempio di Zeedijk”, l’entrata è gratuita e per un euro abbiamo preso “un biglietto della fortuna“. Sulla sinistra, parallela alla Damrak ci ritroviamo in Warmoestraat, famosa via del Quartiere a Luci Rosse (Red Light District). In questo quartiere c’è la “Oude Kerk” (Chiesa Vecchia) che è la chiesa più antica di Amsterdam infatti risale al 1250 e rimane proprio all’interno del quartiere a luci rosse a pochi metri di distanza dalle vetrine in cui alcune ragazze sono già posizionate in attesa di clienti! Passeggiando tra i vicoli pieni di negozi e “coffeeshop” ci ritroviamo in Piazza Dam. L’ampia piazza domina il centro cittadino e costituisce un via-vai di persone, di mezzi pubblici… e di biciclette!

Da un lato c’è Palazzo Reale che troviamo piuttosto sporco ( che differenza con Buckingham Palace!!) e dall’altro il Nationaal Monument, obelisco di pietra alto 22 metri e dedicato alle vittime della Seconda Guerra Mondiale. C’è anche il famoso museo delle cere di Madame Tussauds. Ci dirigiamo in Kalverstaat, affollata via dello shopping , lungo la quale al numero 92 c’è l’Amsterdams Historisch Museum (Museo Storico) ubicato in quello che era una volta il convento di St

  • 28476 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social