Amorgos di mare e di pietra

L'isola del grande blu, straordinariamente semplice, ospitale e tranquilla, con il vento che fa da colonna sonora e le chiese che segnano il territorio.

  • di enzo46
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

"Non è bello ciò che è bello, ma che bello, che bello, che bello ...." diceva Padre Antonino da Scasazza, tra quelli della notte. Ho preso la citazione per dire che i racconti di viaggio sono sempre soggettivi ed il "bello" varia da persona a persona. Quindi prima di descrivere la meta racconto che cercavamo mare, tranquillità, paesaggi naturali e non rovinati. Siamo campeggiatori e siamo andati ad Amorgòs con l'auto e la tenda. Chi va senza mezzi troverà comunque auto, moto ecc. a noleggio.

I campeggi nel 2011 erano solo 2, quello ad Agiali, il paesino a Nord, che abbiamo trovato abbastanza pieno, e quello a circa 2 Km da Katapola, molto grazioso, semplice, ben ombreggiato anche se con servizi un po' vecchiotti ma comunque puliti. Come in molti campeggi delle isole greche si trovano gruppi di studenti che sono una simpatica compagnia. Ad Amorgos sono frequenti i francesi, grazie agli echi ancora vivi del film di Bresson "Le grand bleu" . Il campeggio comunale di Katapola era chiuso.

Gli alberghi non sono molti e concentrati ad Agiali, dove è anche collocato un tentativo di "ecomostro" turistico. Le camere in affitto molte ed all'arrivo dei traghetti un ordinato e rispettoso gruppo di offerenti si colloca nel marciaapiede che fronteggia il molo.

Amorgòs è un'isola piccola, da 2.000 abitanti che aumentano in estate anche perchè una parte notevole delle strutture turistiche sono gestite da stagionali che ad ottobre chiudono. La popolazione "stanziale" è piuttosto anziana, ancora molto legata all'agricoltura e alla pastorizia, molto dipendente dai contributi pubblici e molto amichevole e disponibile.

La grande bellezza di Amorgòs, che ti prende il cuore è legata alla semplicità, con le case bianche ed azzurre, le montagne, il vento, il blu. Cose elementari, primordiali, ma di un fascino non descrivibile. Manca (per fortuna) l'agitazione inconsulta dei turisti e si può stare tranquilli, talvolta anche troppo.

Per questo sono essenziali molti libri da portarsi dietro, perchè è bello leggere quando intorno hai Amorgòs.

Il porto principale, Kataapola, è alla fine di un golfo profondo. Tutte le mattine dal molo parte ogni ora un piccolo battello che porta ad alcune spiagge vicine ( 3 € a/r) di cui una con un piccolo bar ed un mare stupendo, ma stupendo davvero.

Altre spiaggie si trovano a Kalotaritissa, alla fine Sud-ovest dell'unica strada che percorre l'isola e da dove parte una barca per la disabitata isoletta di Gramvousa. Per una vertigine di isolamento.

Un'altra spiaggia isolata è Paradise bay, sempre sul lato Sud-Ovest, ma già il nome è il presupposto per una qualità minore del posto.

Sul lato Sud dell'isola si trova Muros, con un bel ristorantino e due spiaggette con ghiaia e scogli veramente straordinarie, anche se talvolta un po' affollate.

Sul lato Nord -Est si trova la spiaggia di Agios Pavlos che è meno bella di quanto sembri facendo la strada principale, e da cui parte la solita barchetta per la deserta isoletta di Nikouria e poi c'è la grande spiaggia sabbiosa di Aegiali, affollata principalmente da greci. Per noi non è il massimo, anche se l'acqua è trasparentissima e sempre calma, molto adatta per i bambini.

L'altra spiaggia è quella di Agia Anna, nel contesto straordinario del santuario di Chozoviotissa. Alla spiaggia si arriva da un bivio a destra della strada che porta al parcheggio del santuario. Si tratta di strade asfaltate, anche se, alla greca, senza guard-rail su strapiombi da capogiro. Si arriva ad un bel parcheggio con bar da cui partono due sentieri che vanno ad altrettante calette, sul mare immenso e con l'acqua un po' meno calda del solito. Di fronte c'è il Gran Blu ed aspetti di incontrare il delfino che ti meriti

  • 17766 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social