In Umbria, sulle tracce di San Francesco

E non solo!!
 

Finalmente giungono le tanto desiderate ferie che ci vedranno per la prima volta nella regione verde per antonomasia, nonché cuore d’Italia: l’Umbria.

E subito dobbiamo fare i debiti scongiuri in quanto il meteo, su 5 giorni, ce ne dà praticamente 4 di maltempo.

Il nostro itinerario è costruito in base alle due strutture dove alloggeremo:

  • le prime due notti a Foligno, presso il centrale B&B “A casa di Silvia”;
  •  le altre due, fine settimana premio della raccolta punti di una nota catena di Ipermercati lombardo-piemontese, all’agriturismo “Villa Dama” di Gubbio.

1° giorno: Spello, Foligno, Montefalco e Bevagna

Partiamo in auto dalla provincia di Milano relativamente tardi, alle 8, ma fortunatamente il viaggio scorre tranquillo. Come avevo preventivato, poco dopo mezzodì siamo pranzare al sacco in uno spiazzo lungolago a Passignano, sul Trasimeno. Mentre in lontananza, si intravedono i primi nuvoloni minacciosi e si sente tuonare!

Ripartiamo ed incontrando pioggia in strada decidiamo, di chiamare il B&B per chiedere di posticipare il check-in ed approfittarne, visto che si è di passaggio, per effettuare subito la visita di Spello.

Spello

Spello è famosa per essere uno dei borghi più belli d’Italia ed in primavera si riempie di colori, grazie a piante e fiori, messi dai residenti che fanno a gara per vincere il titolo di balcone o vicolo più bello. Il tutto precede la festa religiosa di metà giugno delle Infiorate. Quando cioè composizioni floreali vengono messe lungo le strette vie principali per onorare il passaggio del corpo di Cristo, portato in processione dal vescovo.

Lasciamo l’auto subito fuori dalla Porta Consolare, e cominciamo la salita al Borgo. Il caratteristico Vicolo dei Baci dove è possibile farsi un selfie e taggarsi, come da invito, precede la visita della Chiesa di Santa Maria Maggiore.

Procediamo poi, con un occhio verso l’alto perché comincia a scurirsi minacciosamente e, puntualmente, quando siamo sul punto più alto, comincia a piovere. Ci fermiamo sotto un portico, soprattutto per salvare la reflex, prima di poter ripartire alla volta del B&B.

Foligno

Giungiamo a Foligno dopo aver tribolato abbastanza con il navigatore che ci fa incastrare nelle strettissime viuzze della Ztl (fortunatamente sempre disattivata) con incroci ad angolo retto da cui consiglio, visto che il centro è piccolo ed i parcheggi sono a pagamento dalle 9 alle 19 (mezz’ora giornaliera gratuita), di trovarne uno periferico gratuito e farsi una passeggiata.

Archiviato il check-in e dopo una pausa, un timido sole ci accompagna a Montefalco, il secondo borgo più bello d’Italia che abbiamo in programma.

Quassù bisogna stare attenti a non volar via… e soprattutto ci si deve coprire! Il borgo, partendo dalla Porta dello Stradone è visitabile in poco tempo. In breve si giunge alla piazza centrale del Comune, dove ristoranti con menù tipici offrono il pezzo forte: il rinomato vino Sagrantino appunto, di Montefalco.

Visto il clima, optiamo per un altro cambio di programma. Invece di cenare qui come preventivato, decidiamo di scendere a Bevagna, terzo borgo più bello d’Italia in programma, sperando che almeno non ci sia il vento fastidioso che c’è qui.

Arriviamo a destinazione circa alle 20.15 trovando parcheggio (gratuito il mercoledì) subito fuori dalle mura del borgo presso la Porta Cannara.

Di buon passo, ci dirigiamo verso il ristorante, consigliatoci da un amico, Ottavius Osteria d’Autore, che è a due passi dalla centrale e bellissima Piazza Silvestri, sulla quale si affacciano le chiese di San Silvestro e San Michele, oltre al Palazzo dei Consoli e la Fontana del 1896 in stile neo-medievale che abbiamo l’occasione di apprezzare soprattutto dopo, in notturna.

Il locale c’è stato consigliato da un amico che c’ha preso in pieno. Se si entra dall’entrata secondaria si può rimanere disorientati perché non c’è un’insegna visibile, scarsa illuminazione ed il portone, con vetro verde, non fa neanche vedere dentro. L’interno è invece raffinato, ricco di quadri e mobilia, nonché di accessori, ed in sottofondo c’è della musica, a volte jazz, mai fastidiosa. Veniamo accolti dalla sommelier, che ci sembra di deludere, perché per oggi ci accontentiamo di acqua nonostante il nostro tavolo dà proprio sulla cantina ben fornita. Dal menù di cucina umbra (con prezzi onesti) scegliamo il classico tagliere di formaggi e salumi locali e, come primo, pappardelle di canapa ai funghi e nocciole. Prima di riavviarci al B&B per il meritato riposo e con circa 30€ di conto chiudiamo la serata dolcemente con il mio dessert preferito: il tiramisù.

2° giorno: Trevi, Campello sul Clitunno e, causa maltempo, solo Foligno.

Dopo una fugace colazione partiamo alla volta di Trevi, a poco più di una decina di chilometri. Dobbiamo massimizzare il tutto in quanto il meteo dà pioggia già nel primo pomeriggio.

La campagna sottostante al Borgo antico, il quarto (ed ultimo) in programma tra i più belli d’Italia, è un susseguirsi di campi coltivati ad ulivo, che gli hanno fatto guadagnare il titolo di capitale dell’olio. La strada, in salita, tutta curve offre molti punti di sosta dove potersi fermare a contemplare il panorama e scattare le varie foto di rito.

Lasciamo l’auto appena dentro le mura romane e ci incamminiamo, in salita, verso la seconda cinta muraria, quella medievale, che permette di scorgere la caratteristica forma a chiocciola del borgo.

La piazza centrale, che non ha edifici religiosi (da qui piazza civile) ha la torre civica, o dell’orologio, proprio affianco al palazzo comunale. Camminiamo senza una meta precisa, e rapidamente visitiamo il Duomo, dove c’è un bel presepe permanente creato dai bambini del posto, oltre un crocefisso ed un organo molto antichi, ci perdiamo tra le vie ricche di case medievali ed alcuni punti panoramici, soprattutto esposti verso Sud ed in cui la vista, in condizioni di giornata serena, potrebbe spaziare a perdita d’occhio sull’intera vallata scorgendo anche Spoleto.

Campello sul Clitunno

Ritorniamo all’auto. Ora sarà la volta di Campello sul Clitunno, dove in 10 km visiteremo il Tempietto sul Clitunno e le Fonti del Clitunno.

Il Tempietto è una piccola chiesa, visitabile a pagamento (se dovete visitare anche Spoleto, consiglio l’acquisto della Spoleto Card di 9,50€ in cui è inserito, e di cui scriverò più avanti), costruita a forma di tempio, sita nella frazione di Passignano, che fa parte del sito seriale “Longobardi in Italia, i luoghi del potere” inserito dall’Unesco assieme ad altri 6 luoghi, a giugno 2011, tra i siti Patrimonio dell’Umanità.

Guarda la gallery
img_20220505_104123

img_0105 (1)

img_0129 (1)

img_0145 (1)

img_0173 (1)

img_0194 (1)

img_0201 (1)

img_20220504_135331

img_20220504_135614

img_20220504_204024

img_20220504_204704

img_0104 (1)

img_20220505_110620

img_20220505_111329

img_20220505_112524

img_20220505_113147

img_20220505_113833

img_20220505_114032

img_20220506_161614

img_20220506_161846

img_20220506_163220

img_0201_1_

img_0069_1_

img_0077_1_

img_0092_1_

img_0104_1_

img_0112_1_

img_0127_1_

img_0139_1_

img_0150_1_

img_0176_1_

img_0062_1_

img_0214_1_

img_20220504_135614

img_20220504_204024

img_20220505_114032

img_20220505_114048

img_20220506_161614

img_0062 (1)

img_0077 (1)

img_0093 (1)



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su RaccontaItalia
    Diari di viaggio
    il magico incantesimo di capri e procida

    Il magico incantesimo di Capri e Procida

    ”La mia casa deve essere aperta al sole e al vento e alle voci del mare – come un tempio greco – e luce, luce, luce...

    Diari di viaggio
    tre giorni nella sicilia di montalbano meno conosciuta

    Tre giorni nella Sicilia di Montalbano meno conosciuta

    È facile perdersi tra la miriade di tour dedicati a Montalbano offerti nella zona di Ragusa, meta siciliana molto ambita dai fan di Andrea...

    Diari di viaggio
    un incanto chiamato golfo dei poeti

    Un incanto chiamato Golfo dei Poeti

    Per chi, come me, si lascia ammaliare dalla bellezza del mare e sente il bisogno di rigenerarsi lo spirito al semplice contatto con la...

    Diari di viaggio
    sardegna breve, stupenda e intensa

    Sardegna breve, stupenda e intensa

    Con il primo volo Ryanair della mattina con partenza da Bergamo (a/r 30 € prenotato 3 mesi prima  - 10/06/2022-13/06/2022) arriviamo a...

    Fuga Invernale nel Sud Sardegna

    periodo Epifania 2022 - durata 5gg Itinerario: Cagliari-Oristano-Baunei-Villasimius-Cagliari volo su Cagliari Auto a noleggio per tutta la...

    Diari di viaggio
    pescara: una città da correre

    Pescara: una città da correre

    Arrivo a Pescara quasi per caso, senza troppe aspettative, forse perché di Pescara si dice sempre poco. Ma voglio comunque darle una...

    Diari di viaggio
    palermo, una donna dai mille volti sdraiata sul mare

    Palermo, una “donna” dai mille volti sdraiata sul mare

    Palermo è un salotto sul mare, è una città open 24 su 24.È una città rock, una capitale mediterranea in cui vivono mille...

    Diari di viaggio
    marche on the road

    Marche on the road

    Oggi vi racconto del nostro viaggio on the road nelle Marche, una regione che non lascerà insoddisfatto nessuno: ricca di paesaggi...

    Diari di viaggio
    tra liguria, toscana e… ancora toscana. destinazione: lucca

    Tra Liguria, Toscana e… ancora Toscana. Destinazione: Lucca

    Ultimo controllo bagaglio.Macchina fotografica? C’è.Taccuino e penna? Ci sono.Guida rossa? C’è.Guida rossa della...

    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...