Gujarat – Caleidoscopio di emozioni

Affascinante tour in uno degli stati dell’India meno conosciuti ma ricco di tesori umani, storici e naturalistici
Partenza il: 24/02/2020
Ritorno il: 11/03/2020
Viaggiatori: 4
Spesa: 3000 €

visita all’enorme fortezza portoghese che si staglia sul mare, protetta da un doppio fossato: ancorchè necessiti di opere di ristrutturazione, il luogo conserva un notevole fascino ed impressiona per le dimensioni e l’imponenza.

Se potete, non mancate di gironzolare tra la gente durante un haat, il mercato settimanale che si svolge in uno dei tanti villaggi tribali siti nell’est, vicino al confine con lo stato del Madhya Pradesh: è l’occasione per le donne di sfoggiare gli abiti migliori e soprattutto i propri elaborati e pesanti gioielli di argento. Una vera festa per gli occhi !

L’aspetto naturalistico del viaggio è stato invece ampiamente soddisfatto dalla visita del Santuario degli asini selvatici nel Little Rann di Kutch e dai safari nel Sasan Gir National Park .

Nel primo è possibile avvistare con facilità mandrie di questo raro quadrupede oltre che volpi, antilopi e centinaia di specie di uccelli, tra cui fenicotteri, pellicani ed anatre. L’ambiente è infatti costituito da paludi d’acqua salata che nella stagione secca si riducono notevolmente lasciando ampi spazi di terreno stepposo ideale per gli avvistamenti.

Nel Gir invece l’attrazione principale sono i leoni asiatici, una sottospecie di felini che sopravvive solo qui con una popolazione di circa 600 esemplari. Oltre ai leoni, tra la spoglia vegetazione del parco abbiamo potuto avvistare anche decine di altri animali quali antilopi, cervi, scimmie,manguste,cinghiali, pavoni e una moltitudine di altri uccelli. Da precisare che, per un minor impatto sull’ambiente , il parco si visita solo con i mezzi messi a disposizione dallo stesso, con autista e guida, seguendo percorsi all’interno di una apposita zona turistica che copre i diversi habitat presenti nel Santuario.

Da non dimenticare infine che il Gujarat è stato anche luogo sia dell’infanzia di Gandhi, che delle sue battaglie non violente per l’indipendenza indiana e che in diverse città (ad esempio Rajkot e Bhavnagar) si trovano dei musei a lui dedicati , oltre al bel complesso del “Harijan Ashram” sul fiume Sabarmati ad Ahmedabad che fu il quartier generale del Mahatma durante la lunghissima lotta.

Ed ecco quindi spiegato il significato del titolo di questo racconto : per quanto piccolo, il Gujarat ammalia il viaggiatore e lo affascina con un turbinio di emozioni e sensazioni, riservandosi un posto particolare nella memoria. “Aavo padharo” ( benvenuto) Gujarat nel miei ricordi più belli.

Guarda la gallery
Vanakbara - mercato del pesce

Vanakbara - mercato del pesce



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Nell’immaginario collettivo il contadino è legato al liscio, ma oltre alla transizione...

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il primo grande viaggio, il viaggio dei viaggi, da Parma a Napapijri. Amici...

Andalusia on the Road: 7 giorni con un bambino

Andalusia on the Road: 7 giorni con un bambino

Destinazione: Andalusia Viaggiatori: 2 adulti + 1 bambino Periodo di viaggio: da giovedi...

Leggi i Diari di viaggio su Ahmedabad
Diari di viaggio
Gujarat - Caleidoscopio di emozioni

Gujarat – Caleidoscopio di emozioni

visita all’enorme fortezza portoghese che si staglia sul mare, protetta da un doppio fossato: ancorchè necessiti di opere di...

Diari di viaggio
Carnevale in Gujarat - Rann Utsav 2010

Carnevale in Gujarat – Rann Utsav 2010

RANN UTSAV 2010 CARNEVALE IN GUJARAT Per il mio terzo viaggio in India ho scelto il Gujarat. In passato ho visitato prima il...

Diari di viaggio
Gujarat, la vera India

Gujarat, la vera India

Per il mio secondo viaggio in India, decido dopo aver visto un documentario, di visitare lo stato del Gujarat, uno stato desertico, ai...