Giorni malesi

Alla scoperta della costa occidentale della penisola malese
Partenza il: 23/02/2019
Ritorno il: 09/03/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 3000 €

Una miriade di isole ricoperte da giungle impenetrabili popolate da tribù, animali feroci e governate da sultanati delle culture più diverse… questo era, nell’immaginario collettivo dei viaggiatori occidentali, il mondo malese nell’800. La culla della civiltà malese fu Malacca, sede di un potente sultanato che, controllando entrambe le sponde dell’omonimo stretto, si arricchì per i fiorenti traffici navali che facevano la spola tra l’India e la Cina. Anche i pirati, di salgariana memoria, ne infestavano le acque assaltando i bastimenti carichi di spezie e rendendo insicuri i mari del sud est asiatico.

Le potenze europee si spartirono quell’oscura ed affascinante zona del mondo con il Trattato di Londra nel 1824, così l’Olanda assunse il controllo dell’immenso arcipelago meridionale (oggi corrispondente all’Indonesia), mentre l’impero britannico estese la sua autorità sulla penisola malese e nel Borneo settentrionale fino al 1957, anno in cui fu dichiarata l’indipendenza.

Arriviamo all’alba su Kuala Lumpur, dall’alto s’intravedono grandi distese di verde e di luci.

Kuala Lumpur (o KL, come i malesi amano riferirsi alla propria capitale) significa “estuario fangoso”. La sua fondazione risale soltanto alla seconda metà dell’800 a seguito del ritrovamento di miniere di stagno in prossimità della confluenza di due fiumi. L’attività estrattiva attirò un gran numero d’immigrati e ben presto la città crebbe al punto da divenire il centro amministrativo coloniale della British Malaya.

Raggiunto il nostro hotel nel cuore del Golden Triangle, iniziamo ad orientarci nella selva di grattacieli del quartiere più moderno della capitale. Numerosissimi i cantieri aperti per gli alti edifici in costruzione, anche se non mancano parchi e lussureggiante vegetazione. Svettano le Petronas Towers che furono fino al 2004 l’edificio più alto del mondo. Le torri gemelle, vero e proprio simbolo della città, ospitano gli uffici della compagnia nazionale petrolifera con un’architettura ispirata alla tradizione islamica.

Le torri furono concepite come un omaggio allo sviluppo tecnologico ed economico del Paese ed è possibile accedere all’osservatorio acquistando con largo anticipo su internet i biglietti poiché l’accesso è consentito giornalmente solo per un numero limitato di visitatori. Caratteristico il ponte sospeso che unisce le due torri al 42° piano ad un’altezza di 170 metri e che consente di passare dall’uno all’altro edificio senza che sia necessario scendere al piano terra.

Ai piedi delle Petronas Towers e al Bukit Bintang (la strada più vivace del Golden Triangle) si conta un gran numero di centri commerciali dove i malesi amano passare il loro tempo libero tra lo shopping e bei ristoranti. I numerosi passaggi coperti che li collegano permettono di raggiungerli a piedi, evitando l’asfissiante calura esterna che caratterizza il clima a queste latitudini.

Il cosiddetto “colonial district” ospita diversi palazzi edificati durante la dominazione inglese, tra cui la moschea Jamek (cioè del venerdì) ed il palazzo del Sultano Abdul Samadi con le esotiche cupole a cipolla tipiche dello stile moresco in voga nell’India Britannica.

Attorno al vecchio campo da polo trasformato in piazza dell’Indipendenza (Merdeka Square) sorgono la più antica Cattedrale anglicana (la St. Mary’s) ed il vecchio ufficio postale convertito in un’interessante museo di tessuti batik. Oltre al Royal Selangor Club dallo stile tudor, vale la pena dare un’occhiata alla “City Gallery” che racconta la storia di KL, dalla sua fondazione ai progetti di sviluppo futuri descritti in plastici dettagliati dei suoi quartieri.

Guarda la gallery
Georgetown

Georgetown



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
Il piccolo Borgo di San Vittore Terme, piccolo, silenzioso e quasi incantato

Il piccolo Borgo di San Vittore Terme, piccolo, silenzioso e quasi incantato

La stazione dei treni di San Vittore Terme è minuscola, circondata dal verde intenso...

Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Nell’immaginario collettivo il contadino è legato al liscio, ma oltre alla transizione...

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il primo grande viaggio, il viaggio dei viaggi, da Parma a Napapijri. Amici...

Leggi i Diari di viaggio su Ipoh
Diari di viaggio
Giorni malesi

Giorni malesi

Una miriade di isole ricoperte da giungle impenetrabili popolate da tribù, animali feroci e governate da sultanati delle culture più...

Diari di viaggio
Due settimane fai da te in Malesia

Due settimane fai da te in Malesia

PRIMO GIORNO - Giorno 25 aprile 2015 Arrivo all’aeroporto di Kuala Lumpur, dopo aver preso i bagagli ma prima dell'uscita, sulla...