Laguna Veneta in house boat

Per organizzare questo viaggio avevamo un limite: pochi giorni a disposizione…e così da amanti della natura abbiamo pensato a un mezzo di locomozione poco usato in Italia: la house boat ovvero un vero e proprio camper ma sull’acqua e non ...

  • di antonella.p
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Per organizzare questo viaggio avevamo un limite: pochi giorni a disposizione...E così da amanti della natura abbiamo pensato a un mezzo di locomozione poco usato in Italia: la house boat ovvero un vero e proprio camper ma sull’acqua e non su ruote.

Siamo partiti da Chioggia (VE) e in 4notti e 3gioni abbiamo visitato la Laguna Veneta.

Le barche possono essere noleggiate senza patente nautica, la navigazione si svolge all’interno della laguna seguendo i canali delimitati dalle ‘briccole’ ovvero dei pali di legno che fungono da segnaletica e che, facendoci un po’ di attenzione, impediscono di incappare nelle numerosissime secche.

Indispensabile è stato l’acquisto della carta nautica per avere un riferimento dei canali delle vere e proprie strade nell’acqua.

Le isole che abbiamo visitato in questi giorni sono state: Pellestrina, Malamocco, Le Vignole, Venezia, S. Erasmo, Poveglia, Mazzorbo, Murano e Burano, ognuna con un suo fascino particolare.

Pellestrina e Malamocco sono villaggi di pescatori ancora ricchi di un fascino autentico, numerosi pescherecci ormeggiati di fronte a pittoresche casette colorate. Le Vignole e Poveglia sono angoli di natura incontaminata, si ormeggia in piccoli e tranquilli canali senza nessuno intorno, è un piacere riposare, passeggiare o preparare qualcosa da mangiare nella propria cucinetta in barca.

Venezia non si può raggiungere con la propria barca, bisogna arrivare in darsena e proseguire con il vaporetto ma vedere San Marco dal Canale della Giudecca guidando il proprio mezzo e prendendosi il tempo per fare le fotografie è stato comunque molto affascinante.

Mazzorbo e Sant’Erasmo sono isole coltivate, degli orti sospesi in mezzo all’acqua.

Murano e Burano erano, forse complice il fatto di essere un po’ fuori stagione, stranamente prive da turisti e quindi affascinanti, in particolare Burano con le case multicolori da sembrare case giocattolo.

Non siamo riusciti invece a vedere San Francesco del Deserto e Torcello, un temporale ci ha bloccati per mezza giornata e non c’è stato il tempo...Forse al prossimo viaggio??...Chissà...!! antonella.Piccin1@virgilio.It

  • 3867 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social