Turisti per cibo: presentazione alla libreria Feltrinelli

<table width='30%' border='0' cellspacing='0' cellpadding='5' align='right'><tr><td bgcolor='#DCF6FF' align='center'><h5><a href='/bazar/default.asp'></a> <a href='http://clk.tradedoubler.com/click?p=10388&a=1029318&g=0&url=http://www.bol.it/libri/autore?action=bollibri&tipoContrib=AU&codPers=0011005' target='_blank' title='Tutti i libri disponibili di Syusy Blady'>Syusy Blady</a>, <a href='http://clk.tradedoubler.com/click?p=10388&a=1029318&g=0&url=http://www.bol.it/libri/autore?action=bollibri&tipoContrib=AU&codPers=0001733' target='_blank' title='Tutti i libri disponibili di Martino Ragusa'>Martino Ragusa</a>, <a href='http://clk.tradedoubler.com/click?p=10388&a=1029318&g=0&url=http://www.bol.it/libri/autore?action=bollibri&tipoContrib=AU&codPers=0001732' target='_blank' title='Tutti i libri disponibili di Patrizio ...

Gli ultimi due chicchi d’uva servono per rompere il ghiaccio in una piccola stanza, piena come un uovo, della libreria Feltrinelli di via Manzoni a Milano: «Che silenzio! Mi sento osservato, tutti mi fissano mentre mangio l’uva. Cominciamo». Sono le 18 in punto e dietro al tavolo stanno Martino Ragusa e Patrizio Roversi, che – com’è solito fare, a suo dire – non perde occasione per mangiare; anche l’uva dopo l’aperitivo.

I due sono lì per presentare "Turisti per cibo", l’ultimo libro che hanno scritto a «sei mani» insieme a Syusy Blady. Roversi ha acceso l’interruttore e potrebbe anche non terminare più il suo piacevole discorso che si muove divertente e leggero fra cibi, cucina, viaggi, società e personaggi. Ma, abile com’è a tenere desto il pubblico, tira dentro Martino Ragusa, enogastronomo riberese, e gli cede il microfono.

Preciso ed un tantino emozionato cerca le parole giuste per coinvolgere appieno gli spettatori nel suo viaggio. Racconta delle Alpi di cui per ora è tanto innamorato perché «così diverse dalla Sicilia»: «mi sono arrampicato sulle Alpi per scoprire come si fa il Maccagno (un formaggio bovino stagionato)». Ma Patrizio lo interrompe scherzoso: «eh, sì! "Arrampicato sulle Alpi"», lo canzona per l’esagerazione. Ma l’altro s’impunta che sembra la moglie indispettita: «Si. Sono salito a 2000 metri, poi ho fatto una stradina stando in piedi su un trattore che correva come non avrei immaginato e infine due ore di cammino a piedi per un sentiero; mi sono proprio arrampicato sulle Alpi!». Il pubblico se la ride tutto il tempo e quando è tempo di litigare sui cibi, come vanno cotti e mangiati, Roversi fa: «Nascono liti anche fra fratelli di latte! La cucina ti coglie nella tua identità.». Il libro, banale la battuta a tema, non è né carne né pesce; in senso buono però. Provocatoriamente l’editore, seduto in disparte, ha lanciato la domanda agli autori: «Ma cos’è il vostro libro? Un ricettario, una guida, un epistolario?». Il libro, in effetti, è un mix piacevolissimo di informazioni culinarie, turistiche e culturali, deliziose descrizioni di personaggi, humore... Quant’altro si possa immaginare. Da leggere a tempo perso come un romanzo oppure utile per «battezzare le tappe da programmare per un viaggio». La grafica, ariosa e ordinata, fa uso dei colori senza strafare; la carta – dice bene Roversi – è proprio bella, «untuosa», e rende il volumetto pesante: oltre a leggerlo c’è piacere a tenerlo fra le mani. Intanto un signore, vestito semplicemente, s’è assopito nei suoi sogni che gli lasciano un dolce sorriso in viso. Prima che iniziasse la presentazione mi confidò: «Questo cartone di vino è costato 50 centesimi. Ieri per la presentazione cui ho assistito in Duomo ne ho comprato uno di 2 euro». Anche lui, nel modo in cui la fortuna glielo ha concesso, ha partecipato a questo divertente "viaggio nel gusto".

"Turisti per cibo" è edito da Calderini del gruppo editoriale "Il Sole 24 Ore". Più di 440 pagine di carta bianca morbida e pesante – gli autori suggeriscono: «potete arrotolarci i salami» - prezzo 15,90€.

Adriano Mascarella

Parole chiave
  • 208 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social