Pamplona è S. Fermin

Pamplona è S.Fermin. Arrivo in una zona inconsueta alla mia vista...Spagna!! la mia Spagna è terra bruciata, la spagna andalusa è rossa e caliente fino a mozzare fiato al primo guardo...siiii, ma no la Navarra!! Non ero mai stato in ...

  • di eico1979dos
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Pamplona è S.Fermin.

Arrivo in una zona inconsueta alla mia vista...Spagna!! la mia Spagna è terra bruciata, la spagna andalusa è rossa e caliente fino a mozzare fiato al primo guardo...Siiii, ma no la Navarra!! Non ero mai stato in questa zona e forse nulla mi ci avrebbe portato se non l’aria della Fiesta descritta dal mito: Ernest Hemingway!! Nulla sarebbe senza tale “pubblicità” la fiesta dell’encierro di Pamplona. La corsa dei tori è risaputa in più zone della Spagna ma questa è la Navarra descritta dallo Scrittore.

Zone verde e lussureggiante, clima fresco la notte e caldo al punto giusto di giorno, cittadina tranquilla senza ostentazione. Parte vecchia con viottoli e ciottoli da labirintite e zona nuova non da trascurare...200.000 persone e buona qualità di vita. Poche pretese forse. Ma da destra a sinistra aleggia il mito di Hemi, esistono statue e riferimenti all’Ernestillo più controverso, geniale e travolgente del 900.

Partenza dopo una lunga giornata di lavoro. Ore 20.00 ritrovo e presentazioni perchè i componenti del gruppo non si conoscono. 1370 km in auto portati a termine con determinazione alle 10 della mattina. Campeggio e spedizione nel cuore della Fiesta!! Senza pause e con la grinta giusta sopraggiunge il nuovo giorno impregnato d’alcool e odori di vite all’estremo...Loche!! Coinvolti fin da subito in brindisi, cori, fanfare non saremo mai in grado di abituare le nostre nari all’odore acido di vomito, alcool e latrina...Fiesta comprende tutto. Vita, morte e miracolati.

Il camping Ezcaba, leggermente fuori Pamplona, è discreto. Dotato di piscina e tutti i confort diventa difficilmente gestibile dalla ressa di persona e dalla pioggia; i più convinti ce la possono fare.

Noi dal giorno successivo alloggiamo a Villava (5km da Pamplona) ospiti di una famiglia; i prezzi sono alti ovunque e sotto i 50euro per notte non siamo stati in grado di trovare. L’unico mezzo a disposizione è prenotare con largo, largo anticipo. Gli spostamenti tramite bus sono agevoli in quanto le fermata e vicinissima. 1 euro a corsa e 5 minuti di tragitto. La Fiesta procede sotto l’acqua ma senza tentennamenti. Dopo due giorni di bagordi puntiamo la sveglia alle 6 di mattina per osservare da vicini la corsa del tori.

Indicazione tecniche: la corsa si svolge ogni mattina alle 8.00 in cui partono 12 tori seguiti da pastori che li incitano. La folla ha due accessi: uno vicino alla partenza ed uno all’Estafeta. Il percorso è delimitato da transenne ed un cancello chiude il termine della via Estafeta. Alle 7.50 il cancello che sbarra l’Estafeta si apre e la gente partecipante può defluire camminando fin quasi a ridosso dell’arena. È chiaro che chi sta più vicino alla partenza è condizionato dall’incontro dei tori e chi si sposta nell’arena riesce ad entrare nella tale anche un minuto prima dell’arrivo degli animali. Il vero Encierro consiste nell’aspettare la mandria e correre dinanzi ad essa per poi lasciarsi superare. È provato che una persona riesce a tenere testa alla corsa del toro per 20 secondi dopo di che si deve spostare. Il rischio di cadute o di “empitonate” taurine nasce in questa fase in cui ci si defila per fare passa la mandria e si viene travolti la folla: pericolo numero uno della manifestazione. Il risultato è cadute rovinose a catena. I tori percorrono un tracciato di circa 850 metri in 2minuti e 10 secondi...Corrono eccome! L’arrivo nell’arena e poco prevedibile in quanto la folla si distribuisce sulla circonferenza della stessa e i tori sfilano fino all’uscita, oppure se la prendono con qualcuno...A discrezione Una volta terminato tutto entrano i torelli giovani i quali permangono per qualche minuto scalciando e incornando le persone; le corna sono avvolte da protezioni di gomma.

È possibile assistere alla corsa sia dalle transenna sia all’arena: il prezzo per quest’ultima è 6 euro.

Sei dei dodici tori alle 18.30 dello stesso giorno faranno parte della corride che li vedrà protagonisti sconfitti nel 99,9% dei casi. Noi siamo riusciti a vedere la vittoria del toro...Gran giorno quello! Assistere alla corrida costa 28 euro e tante ore di coda per acquistare: noi 4 ore.

Da visitare è il bar descritto da Hemingway, che si trova nella piazza principale e farsi travolgere dalla Fiesta per eccellenza. La notte è anche disco con la città che arricchita da americani, francesi, baschi, spagnoli e italiani...Noi, pochi ma buoni...E campioni del mondo!! Buona Fiesta a todo 100.

  • 1034 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social