Hola Madrid! 3

Tre giorni per scoprire la capitale spagnola, tra cultura, cibo e calcio.
 
Partenza il: 18/10/2019
Ritorno il: 20/10/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Io e il mio amico Andrea partiamo alla volta di Madrid con il volo di Iberia delle ore 06.50 di venerdì 18 ottobre in decollo da Bologna.

Atterrando al Terminal T4, abbiamo due opzioni per raggiungere il centro città: la metro, facendo diversi cambi, o il taxi. Scegliamo la seconda opzione spendendo 30€ (tariffa fissa). Il tassista ci lascia davanti alla via dell’hotel, che si trova a 350 metri dalla metro Sevilla, in pieno centro. Dopo le operazioni di check in, lasciamo velocemente i bagagli in camera e cominciamo il nostro weekend madrileno.

Partiamo dalla Puerta del Sol, che dista a 5 minuti a piedi dall’hotel. E’ una delle piazze più importanti di Madrid, il fulcro della città. In questa piazza è presente il KM Zero, il punto da cui si prendono tutte le distanze dei vari luoghi di un paese. Dopo le solite foto di rito, passeggiando, raggiungiamo Plaza Mayor, che si presenta come una piazza “chiusa” sui 4 lati, che ricorda molto, anche per lo stile, le piazze viennesi. La piazza è colma di gente e di artisti di strada…e vai di foto ricordo. A poca distanza si trova il famosissimo Mercado de San Miguel, il regno delle tapas, il tipico spuntino spagnolo. Proseguendo sempre a piedi raggiungiamo il Palazzo Reale (i sovrani spagnoli non abitano qua, vengono qui solo per manifestazioni ufficiali) e la Cattedrale di Almudena. Entriamo subito in quest’ultima per un breve tour all’interno e subito dopo ci mettiamo in fila per acquistare i biglietti (Palazzo Reale + Real Cusina € 14). Il Palazzo è sicuramente da visitare se si è in città!

Nel pomeriggio ci dirigiamo verso la stazione dei treni di Atocha, particolare in quanto al suo interno è stato creato un vero e proprio giardino tropicale. Da vedere e fotografare assolutamente! Concludiamo la giornata con la visita al Museo del Prado e, approfittando dell’orario ad entrata gratuita (h 18.00- 20.00 dal lunedì al sabato), ci mettiamo in fila già dalle ore 17.00 e dopo un’ora abbondante di colma fila, riusciamo ad entrare. All’interno non è possibile fotografare nemmeno un’ opera, ma vale la pena vederlo perché contiene, tra le altre, opere di Caravaggio (Davide e Golia per esempio), Raffaello e Velasquez.

Rientriamo in hotel e per cena, scegliamo una delle tapinerie nelle immediate vicinanze (siamo un po’ cotti dalla sveglia pre-alba e dai km percorsi nella giornata…). Dopo cena scelgo di fare due passi e raggiungo il palazzo del Banco di Spagna (diventato celebre per le riprese della terza stagione di una delle mie serie Netflix preferite…”la Casa di Carta”) e subito dopo, la sede del Comune, Palazzo Cibeles, tutto illuminato.

SABATO 19 OTTOBRE: oggi giornata piena in quel di Madrid, ci svegliamo relativamente presto e facciamo una breve sosta fotografica al Palazzo de Cibeles (per farlo vedere al mio amico Andrea). Scopro che non è possibile accedere alla sommità poichè chiusa e quindi ci incamminiamo per andare a visitare il Parco del Retiro e il suo Palazzo di Cristallo. L’entrata è libera e alle 10 del mattino di gente ce n’è relativamente il giusto. Camminando nel parco, raggiungiamo il Palazzo di Cristallo che contiene al suo interno un paio di opere artistiche. Una volta usciti, dopo circa 40 minuti di camminata, arriviamo al Tempio di Debob, un tempio egizio donato alla Spagna. Se siete in zona consiglio una visita, anche solo esterna. Molti lo ammirano al tramonto, se la giornata lo concede. Dopo una sosta culinaria, rigorosamente al sacco, ci rimettiamo in marcia per visitare la Chiesa di San Antonio De Los Alemanes (entrata costo € 2), molto bella al suo interno (personalmente la trovo più bella della stessa cattedrale madrilena).

Usciti, ci dirigiamo verso la metro più vicina e acquistiamo ciascuno un biglietto cachet di 10 viaggi (Tarjeta Multi) per l’importo di € 12.20. La prima metropolitana ci porta al Wanda Metropolitano, la casa dei “colchoneros” (vengono soprannominati così i giocatori dell’Atletico Madrid per via del colore della casacca che ricorda quella delle tele che in passato rivestivano i materassi..). Qui ci aspetta lo scontro calcistico in programma per oggi pomeriggio: Atletico Madrid – Valencia. (ovviamente avevo acquistato i biglietti da casa qualche mese prima). Al di là del risultato della partita, devo proprio ammettere che mi è piaciuta l’esperienza in sé, dallo stadio di nuova generazione, da dove si vede bene un po’ dappertutto, al tifo… bello vedere le diverse realtà nello sport più famoso e seguito al mondo! Al termine della partita, riprendiamo la metropolitana in direzione hotel. Dopo la doccia, usciamo per la cena, sempre in uno dei ristoranti/tapinerie poco distanti. Optiamo entrambi per la paella, io di verdure e Andrea di mariscos (pesce). Inizia a piovere a dirotto e rincasiamo velocemente una volta terminata la cena.

DOMENICA 20 OTTOBRE: tempo piuttosto grigio ma almeno non piove più. Liberiamo la camera ma lasciamo le valigie in albergo. Prendiamo la metro e scendiamo alla fermata Ventas, sede della famosa Plaza de Toros, sede dell’arena usata per la consueta corrida coi tori. Evitiamo di fare il tour al suo interno e, riprendendo la metro, dopo un cambio, usciamo alla fermata Alonso Martinez. Da qui, camminiamo circa 10 minuti ed arriviamo all’altro stadio madrileno, la casa dei “blancos”, i giocatori del Real Madrid.

Alle casse acquistiamo il biglietto per il tour interattivo del Santiago Bernabeu (costo biglietto € 25.00). A differenza di altri tour fatti in altri stadi, qui non si ha la guida fisica con sé, ma viene tutto spiegato in maniera interattiva (al di là della guida multimediale che opzionalmente uno può noleggiare). Inizialmente ero un po’ scettica dalla mancanza della guida, ma mi sono ricreduta man mano proseguivo con le diverse tappe del tour. Mi ha letteralmente “rubato” l’attenzione, molto molto bello e nonostante non sia una massima esperta di calcio, l’ora e 20 di tour è volata e non mi sono mai annoiata.

Una volta usciti, riprendiamo la metro e dopo una cambio, scendiamo alla fermata Estacion de l’Arte, per dirigerci verso il Museo di Reina Sofia. Questo museo la domenica pomeriggio dalle 13.30 alle 19.00 offre la possibilità di entrare gratuitamente (in alternativa, gli orari di accesso gratuito sono dalle 19.00 alle 21.00 nei giorni feriali). Ci mettiamo in fila e dopo un’ oretta, riusciamo ad entrare. Qui, tra le varie opere, impossibile non ammirare la famosa “Guernica” di Picasso e altre opere di Dalì e di Mirò. Anche qui le foto sono proibite.

Guarda la gallery
cultura-q2eg3

Palazzo di Cristallo

cultura-c8h63

Tempio di Debob

cultura-bmtk6

Mariott ed io

cultura-7e9rd

Plaza de Toros

cultura-3gqmu

Santiago Bernabeu

cultura-avx13

Madrid dall'alto

cultura-vzr13

Plaza Mayor

cultura-q5qs9

Mercato di San Miguel

cultura-usyyk

km zero

cultura-1tec2

Stazione di Atocha

cultura-xr7yj

Banco di Spagna

cultura-pgda6

Cattedrale Almudena

cultura-gfs32

Palazzo Reale

cultura-puw79

Palazzo Cibeles

cultura-h6vj3

Parco del Retiro



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Madrid
    Diari di viaggio
    weekend a madrid

    Weekend a Madrid

    Volo (Ryanair) da Bologna, ed una sistemazione centralissima fra Plaza Major e plaza del Sol, all'hostal Comercial, eccellente...

    Diari di viaggio
    madrid nunca duerme

    Madrid nunca duerme

    Day 1 Volo Iberia da Napoli arrivo alle 14.55 all'aeroporto di Barajas appartamento poppartiano preso con Airbnb il tempo di posare i...

    Diari di viaggio
    natale a madrid

    Natale a Madrid

    Le feste natalizie a Madrid: cosa fare Periodo 23-27 dicembre 2019 Circa dieci giorni prima della partenza abbiamo trovato...

    Diari di viaggio
    hola madrid! 3

    Hola Madrid! 3

    Io e il mio amico Andrea partiamo alla volta di Madrid con il volo di Iberia delle ore 06.50 di venerdì 18 ottobre in decollo da Bologna....

    Diari di viaggio
    il primo viaggio non si scorda mai: spagna

    Il primo viaggio non si scorda mai: Spagna

    Quando ho iniziato a lavorare mi sono detta che avrei speso i miei soldi in viaggi... e non scherzavo. Lo stipendio non era alto e così,...

    Diari di viaggio
    madrid facile da visitare

    Madrid facile da visitare

    Ancora una volta decidiamo di visitare un’altra città della Spagna, precisamente Madrid. Partiti dall’aeroporto di Venezia alle sette...

    Diari di viaggio
    un weekend lungo a madrid

    Un weekend lungo a Madrid

    Sfogliando varie guide e diari di viaggio ricorre spesso l’idea che Madrid non rimanga impressa nei ricordi dei visitatori per qualche...

    Diari di viaggio
    madrid, ponte del 2 novembre in famiglia

    Madrid, ponte del 2 Novembre in famiglia

    che il giorno dopo si parte.5 giorno - colazione e via a prendere l'aereo di ritorno, ore 10.45, stavolta Alitalia. PS. Stavolta...

    Diari di viaggio
    da un capo all’altro del mediterraneo: viaggio a madrid e marrakech

    Da un capo all’altro del Mediterraneo: viaggio a Madrid e Marrakech

    31 DICEMBRE: CAPODANNO A MADRID Quest’anno io e mio fratello Andrea abbiamo deciso di passare il Capodanno in viaggio, possibilmente in...

    Diari di viaggio
    madrid in pratica

    Madrid in pratica

    Alcune info pratiche dal nostro ultimo viaggio TRASPORTI:Noi siamo arrivati in aereo; i collegamenti col centro città sono dal...

    Video Itinerari