L'altra Sardegna

Conosco molte persone per le quali Sardegna è sinonimo di Costa Smeralda, Villasimius, La Maddalena e Alghero. Località magnifiche, per carità, ma per fortuna la Sardegna ha tuttora molto altro da offrire a chi abbia solo un po' di voglia ...

  • di Antonella1967
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Conosco molte persone per le quali Sardegna è sinonimo di Costa Smeralda, Villasimius, La Maddalena e Alghero. Località magnifiche, per carità, ma per fortuna la Sardegna ha tuttora molto altro da offrire a chi abbia solo un po' di voglia di andare oltre ai soliti itinerari. Il consiglio è soprattutto uno: allontanatevi dalle coste! Perché che il mare e le coste in Sardegna siano stupende, lo sanno tutti e non è che ci sia molto da aggiungere. Ma che anche il resto dell'isola sia sorprendente forse non è ancora così noto. Ci vado da molti anni, ho avuto la fortuna di girarla in lungo e in largo e di esplorarla praticamente tutta, ma sto scrivendo a “Turisti per caso” per un motivo ben preciso: raccontare di quanto possa essere solitario e sperduto un angolo di questa magnifica isola in pieno Ferragosto. Strano? Non molto se, appunto, si lasciano le coste, quantomeno le più battute, perché anche su questo argomento ci sarebbero fior di pagine da scrivere: ho visto tratti di costa deserti anche nei momenti più caldi dell’alta stagione, senza avere neppure un gommone o un canotto, raggiungendoli semplicemente a piedi, magari dopo un tratto di strada sterrata da percorrere in automobile ma su questo argomento magari ci torno un’altra volta.

PIONIERI IN PATRIA

Ora voglio parlare del Lago Omodeo, il più grande lago artificiale d’Europa (ma su questo dato le opinioni sono contrastanti). Alzi la mano, in modo del tutto onesto, chi ne conosceva l’esistenza. Forse qualche sardo della zona, ma per tutti gli altri... nebbia totale. E il perché è presto detto: il lago Omodeo, lungo più di 20 km, è il luogo più stranamente deserto che io abbia mai visto. Si trova in provincia di Oristano, non lontano dalle montagne della Barbagia, ed è sorto, sommergendo paesi e pascoli presenti nella valle, negli anni Venti con lo sbarramento del fiume Tirso e nato grazie alla costruzione di una diga imponente realizzata dall’ingegnere Angelo Omodeo. La grande diga, per l’epoca un vero capolavoro di ingegneria, è in parte ancora visibile, anche se è stata sommersa dalle acque che hanno formato un nuovo lago artificiale in seguito a un più recente sbarramento edificato più a valle (la “diga nuova”). Scopo di tanto impegno: disporre di acqua che irrigasse le pianure di Oristano, strappate alle paludi con lunghe opere di bonifica e destinate a diventare il “granaio” d’Italia. Ora, digressione storico-didattica a parte, possibile che in questi ottant’anni, a nessuno sia venuto in mente di sfruttare dal punto di vista turistico questo enorme bacino di acqua? Possibile, possibilissimo. Ed ecco che io, mio marito e mio figlio di cinque anni ci trasformiamo in pionieri! Alla ricerca di un posto dove soggiornare per visitare la zona, trovo su Internet il sito, allettante per le fotografie, dell’Oasi Naturalistica Nughedu Santa Vittoria: già, ma arrivarci è stata un’impresa! Cartelli? Nooo. Indicazioni? Nemmeno. Per fortuna un gentile signore intento alla pulizia della strada si fa venire in mente che, in effetti, immerso in un bosco poco distante dall’abitato di Nughedu Santa Vittoria (un paesino di dimensioni modestissime, arrampicato sulle colline tra rari pascoli, macchia mediterranea e querce da sughero), alla fine di un tratto di strada sterrata, si trova un ristorante panoramico. Ed è lì che, titubanti e anche un po’ stanchi (già arrivare fino a lì, partiti dalla Gallura qualche ora prima, era stato abbastanza lungo) che scopriamo un posto incredibile, bellissimo e solitario. Il ristorante, gestito dal signor Giovanni (che saluto caramente, se per caso dovesse leggere queste righe) offre anche la possibilità di pernottare in deliziosi bungalow immersi nel verde, ben attrezzati e pulitissimi. Il signor Giovanni, poi, si rivela un cuoco abilissimo e, in tre sere di permanenza, ci rimpinza di piatti semplici e squisiti, cucinati da lui stesso che, oltre a gestire il posto, cucina! Del resto, non è che gli ospiti siano proprio una folla: oltre a noi tre, una simpatica famiglia di romani giunti in camper (ci sono anche le piazzole) e una coppia di bresciani arrivati in moto. In un posto così dimenticato da dio, ma davvero magnifico per la posizione (su una collina nel verde e in mezzo al nulla, tra cinghiali e uccelli, poco lontano dall’area di ripopolamento del cervo sardo) e l’atmosfera, abbiamo trascorso delle giornate indimenticabili. Soprattutto per aver scoperto che, oltre a questo ristorante, non c’è niente altro! Il lago Omodeo è un lago fantasma! Andateci per credere perché, lo so, sembra impossibile. Quando abbiamo deciso di andarci non immaginavamo certo che, sul lago, non ci fosse una barca a solcare le acque, non ci fosse un porticciolo turistico, non ci fosse un lungolago e neppure un chiosco: siamo lombardi e i laghi, per noi, sono località turistiche per eccellenza, affollati, attrezzati, vissuti e amati dai turisti. Qui, no. C’è solo il lago. Ma ancora non lo sapevamo

  • 4790 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social