Varsavia, Danzica, Cracovia, Odjazi e Predjazi

Tutto ha inizio il 28 dicembre 2004 quando in una giornata di noia totale noto sul sito della Skyeurope airlines che sono in vendita a prezzi stracciati i biglietti aerei per l’estate 2005 e senza indugi dopo aver avvertito la ...

  • di zizou
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Tutto ha inizio il 28 dicembre 2004 quando in una giornata di noia totale noto sul sito della Skyeurope airlines che sono in vendita a prezzi stracciati i biglietti aerei per l’estate 2005 e senza indugi dopo aver avvertito la mia ragazza prenoto subito per 2 persone con andata Roma-Varsavia e ritorno Cracovia-Roma per la cifra di 46 euro a cranio, qualche settimana dopo effettuo la stessa prenotazione per la mia collega e suo marito stavolta al costo di 75 euro a cranio, insomma da qui inizia la nostra avventura. Mi chiamo Giuseppe e vivo a Reggio Calabria, sono uno di quei viaggiatori nato che quando non si può muovere fisicamente allora lo fa con la fantasia attraverso internet e documentari e mappe di ogni genere e luogo, ormai da anni mi affido esclusivamente al fai da te e ho cancellato le agenzie perché preferisco con gran divertimento e con gran sospiro di sollievo per il mio portafogli prenotare tutto su internet, ho cercato di fare un resoconto di questa splendida settimana trascorsa in Polonia cercando di trasmettere il + possibile tutte le informazioni utili per un vostro prossimo viaggio.

Domenica 31 Luglio ore 1,00 partenza da Villa San Giovanni Da mesi avevo prenotato un intero scompartimento di secondo classe per noi 4 (Io, Mimma, Biagio e Katia) al prezzo di 120 euro anche se poi durante la notte le cuccette delle nostre amate ferrovie si sono rivelate quasi una tortura senza aria condizionata e uno spazio vitale a persona di poco più comodo di un comune loculo, subito per iniziare il treno parte con un’ora di ritardo e l’unico a prendere sonno è stato Biagio il marito di Katia che ci ha accompagnati tutta la notte con un dolce russare.

Arrivo a Roma in mattinata, breve giro turistico e trasferimento a Fiumicino dove scopriamo con grande gioia... che il nostro aereo ha quasi 5 ore di ritardo, insomma finalmente alle ore 22 siamo all’aeroporto di Varsavia e precisamente al terminal Etiuda (veramente squallido), cambiamo qualche euro in zloty giusto per il taxi e ci facciamo portare nel nostro splendido Radisson a 5 stelle costato solo 60 euro a notte la doppia, veramente da mille e una notte, quindi rapido giro alla stazione per cercare del cibo e subito sotto le coperte sperando che la giornata successiva sia migliore.

Lunedì 01 Agosto Restiamo impressionati dalla varietà della colazione e subito ci tuffiamo nella capitale, ci facciamo lasciare da un taxi al mercato russo dove per lo più vediamo degli orientali che vendono di tutto da lame di ogni genere fino alle matrioske, in seguito prendiamo un bus che ci lascia nella città vecchia, veramente incantevole, quindi con gran dolore mio e di Biagio sotto la spinta della nostre donne inizia la visita di tutto ciò che assomiglia ad una chiesa, dalla cattedrale a quella in cui è conservato il cuore di Chopin ma finalmente arriva l’ora di pranzo e non possiamo resistere all’attrazione di tutti questi locali che propongono il kebab come piatto tipico (in Polonia ne trovate più che in Turchia), scegliendone uno accanto a piazza del mercato (kebab + coca circa 3 euro), quindi ritorniamo alla stazione e dopo un’ora di fila facciamo i biglietti destinazione Danzica per il giorno dopo (18 euro). Per la sera ci fermiamo a mangiare in un catena di ristoranti polacchi dove mangiamo un’ottima bistecca per circa 7 euro, per il dopocena a Varsavia ci sono tantissimi pub tutti incantevoli nel design, veramente dei gioiellini.

Martedì 02 Agosto Solita colazione ed escursione mattutina al parco cittadino dove escluso un bellissimo pavone che intrattiene i turisti non niente di particolare, quindi alle 12 ci trasferiamo alla stazione dove in attesa del nostro treno per Danzica ci riforniamo di cibo per il viaggio e con gran dolore dei compagni di viaggio opto per il più oleoso e ricco di grasso colante dei kebab in stazione, l’odore della cipolla riempirà l’intero vagone per ore ma la soddisfazione è tanta

  • 6441 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social