Polonia e repubbliche baltiche

Polonia e repubbliche baltiche 2008 con Elisa, Maria Pia e Francesco. Locomozione: Mercedes 190 E anno 1992 impianto a gas. Questo resoconto di viaggio non vuole essere in alcun modo una guida turistica ma bensì fornire solo informazioni utili a ...

  • di Franz.wa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: 3500
 

Polonia e repubbliche baltiche 2008 con Elisa, Maria Pia e Francesco.

Locomozione: Mercedes 190 E anno 1992 impianto a gas.

Questo resoconto di viaggio non vuole essere in alcun modo una guida turistica ma bensì fornire solo informazioni utili a chi volesse intraprendere un viaggio simile. Per questa ragione non troverete alcun riferimento particolare a monumenti o siti di interesse nei posti visitati, anche perché considero che una buona guida dia migliori informazioni di quanto possa fare io ed anche perché probabilmente molte cose di quelle che interessano a noi possono benissimo non interessare ad altri. Come vi accorgerete facilmente siamo fanatici visitatori dei siti patrimonio dell’Unesco perché consideriamo che meritino effettivamente di essere visti ed offrono sicuramente il meglio che si possa trovare in giro per il mondo. Per le spese mi limito a elencare solo quelle che sono strettamente necessarie tipo Gas per auto nel mio caso e pedaggi stradali obbligatori. Ognuno ha il suo budget quindi non vorrei far credere a qualcuno una cosa piuttosto che un’altra. Giorno 13.07.08 Padova - Vienna Km. 650 Partenza da Padova ed inizio del viaggio via Tarvisio poi A2 in Austria con arrivo nel pomeriggio a Vienna. Fermata obbligatoria in autostrada un centinaio di km. Prima di Vienna per fare gas. In tutta l’Austria ci sono solo 5 distributori di gas. Breve visita pomeridiana del centro di Vienna, città che già conosciamo e pernottamento a Guntramsdorf presso in una pensione che pure conosciamo da un altro viaggio a Vienna.

Guntramsdorf è un paese che è proprio vicino all’uscita dell’autostrada A2 dove la pensione ha un bel parcheggio e da dove parte un trenino (€ 7.80 andata e ritorno per persona) che in 30 minuti circa ti porta in centro città proprio vicino alla Opernhaus. Di ritorno a Guntramsdorf cena in un ristorantino turco, piatti tipici con parecchio aglio, buon pane e tutto sommato buono e non caro. Gas € 65 + vignetta autostradale austriaca valida sette giorni € 8 Giorno 14.07.08 Vienna - Spisske Podhradie (Slovacchia) Km. 520 Via Bratislava seguendo l’autostrada via Trencin, Zilina e Poprad. Visita in serata del castello Spisske Hrad (patrimonio dell’Unesco) e pernottamento in una pensione proprio sotto il castello.

Nel nord della Slovacchia l’autostrada attraversa i monti Piccoli Tatra in mezzo a paesaggi stupendi. Solo questi scorsi di paesaggi giustificano ampiamente la vignetta pagata per i pochi chilometri effettivi di autostrada. Oggi il sole si è alternato con la pioggia. Cena nel ristorante della pensione e tutto sommato passabile.

Essendo stati in Slovacchia meno di un anno fa ci siamo meravigliati che dopo l’entrata della Slovacchia nell’Ue la loro moneta si è rivalutata del 30% circa e per noi quindi un chiaro aumento dei prezzi. In Slovacchia in gas per auto si trova senza problemi.

Gas € 34 + vignetta autostradale slovacca valida dieci giorni di € 5 Giorno 15.07.08 Spisske Podhradie - Przemysl (Polonia) Km. 290 Partenza presto al mattino e visita in Slovacchia della cittadina di Bardejov anche questa patrimonio dell’Unesco. Proseguimento poi del viaggio verso la Polonia e arrivo alla sera nella città di Przemysl.

Alla sera prima di cena, dopo aver trovato posto dove dormire, siamo andati a fare un giro in città e tornando ci siamo accorti che un paio di strani personaggi del luogo stavano guardando con concupiscenza la nostra auto parcheggiata dentro il parcheggio dell’albergo ma aperto anche al pubblico del ristorante. Ci siamo poi anche accorti che parcheggiata non lontano dalla nostra Mercedes ce n’era una uguale vorrei dire quasi identica: colore,modello,anno etc. A questa auto però mancavano alcuni accessori come per esempio i cerchioni, lo stemma e via di seguito. Ci siamo un po’ insospettiti ed abbiamo aspettato. Alla fine i nostri sospetti erano esatti, quei personaggi erano i proprietari dell’altra Mercedes e sicuramente stavano facendo il filo alla nostra in cerca di pezzi di ricambio. Per fortuna di fronte all’albergo c’era un benzinaio aperto 24 ore non stop così ho dato una mancia al benzinaio che lavorava il turno di notte e l’ho lasciata in bellavista tutta la notte ma con un guardiano

  • 2310 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social