Quattro giorni sul lago di Garda

Un giro da Lazise a Sirmione, passando per Desenzano e Salò

  • di ale24
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 
Annunci Google

Salve a tutti, mi chiamo Alessandra e quest’estate insieme ad un’amica abbiamo deciso di fare il giro al Lago di Garda in quattro giorni. Spero che questo diario di viaggio possa esservi utile… ma partiamo subito con il racconto!

Venerdì 29 luglio siamo partite alla volta di Lazise, piccolo centro sulla sponda veronese del lago e appena arrivate siamo rimaste incantate dalla bellezza del posto. Il paese è circondato dalle mura dell’antico Castello Scaligero e, una volta entrati, vicoli caratteristici ti guidano alla piazza principale ed alla passeggiata sul lungolago. Qui si trovano tantissimi bar e ristoranti con vista sul Lago dove poter gustare ottimi piatti a base di prodotti locali e soddisfare così al contempo sia la vista sia il gusto. Il porto di Lazise è molto caratteristico e ci sono tantissime piccole barche dai colori accesi. Chi vuole può anche provare l’ebrezza di un giro in acquascooter in mezzo al Lago.

Visto che si era fatta ora abbiamo fatto una veloce sosta in uno dei ristoranti con vista lago che proponeva piatti molto invitanti a prezzi abbordabili e poi ci siamo spostate verso nord alla volta di Garda. Mentre viaggiavamo lungo la strada panoramica che costeggia il Lago di Garda abbiamo visto una bellissima zona dove fare un tuffo e ci siamo fermate così per un bagno nel Lago: bellissima sensazione, la consiglio vivamente!

Arrivate a Garda ci siamo fermate per scattare qualche foto, ma visto che nel frattempo il tempo era cambiato e minacciava di piovere, abbiamo fatto un veloce giretto panoramico e siamo risalite in macchina alla volta di Punta San Vigilio.

Qui ci siamo dirette alla spiaggia a cui si accede solo dopo aver pagato il biglietto di entrata giornaliero (nel nostro caso tariffa ridotta perché siamo arrivate dopo le 16). La spiaggia è molto carina e merita una visita. È ben attrezzata anche per chi ha bambini piccoli che possono giocare nel parco antistante nell’area giochi.

Siamo poi ripartire alla volta di Torri del Benaco, piccolo paesino dove ci siamo godute un aperitivo sdraiate in relax su due lettini su uno dei tanti pontili in cui attraccano le barche della gente locale.

Salite nuovamente in macchina siamo arrivate all’albergo, prenotato nella zona vicino Malcesine, e dopo una doccia ed un cambio d’abito veloce, siamo andate a cena nel centro di Malcesine. Questa è forse la località più conosciuta del Lago dove si trova il Castello Scaligero arroccato sul lago. Noi non lo abbiamo visitato per mancanza di tempo, ma merita veramente una sosta. Il paese è molto carino, ci sono negozietti che vendono prodotti tipici e molti souvenir e la maggior parte dei vicoli offre scorci molto interessanti, soprattutto per chi è appassionato di fotografia. Devo dire che la visita di Malcesine in notturna è stata veramente molto bella, soprattutto per l’atmosfera che si respira ed i riflessi delle luci sull’acqua! Molto fiabesca devo dire.

Il secondo giorno da Malcesine abbiamo preso il battello e abbiamo visitato Limone sul Garda, che si trova sulla sponda opposta. È famosa per l’antica produzione di limoni. Anche qui un’esplosione di colori! Dal colore dell’acqua che, a seconda della posizione del sole, passa dall’azzurro intenso al verde chiaro, ai colori dei fiori nelle aiuole e ad attorno alle fontane che sono veramente bellissimi! In attesa del battello di ritorno abbiamo fatto una sosta per il pranzo e ripresa la macchina ci siamo dirette a Torbole, che si trova nella parte alta del Lago (quella trentina)

Annunci Google
  • 9534 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. slam24
    , 14/10/2011 12:35
    Giro bellissimo, e ben raccontato!!!grazie!!!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social