Ponza, l'isola di circe

Una piccola folla di turisti e di locali gremisce il Molo Blu di Formia da dove alle 14.30 salpa l’aliscafo della Vetor che ci porterà a Ponza. All’orizzonte si profila la sagoma contorta e allungata dell’omerica Eea, dimora della maga ...

 

Una piccola folla di turisti e di locali gremisce il Molo Blu di Formia da dove alle 14.30 salpa l’aliscafo della Vetor che ci porterà a Ponza. All’orizzonte si profila la sagoma contorta e allungata dell’omerica Eea, dimora della maga Circe che stregò persino l’astuto Ulisse. Avvolta nel mito e nella leggenda, scatenò la fantasia dei naviganti che nella sua forma videro il dorso di un immenso pesce venuto a galla dagli abissi. Dopo un’ora e un quarto di navigazione si entra nel vecchio porto borbonico e di colpo ci si trova in un mondo a parte fatto di luce e di colore, dove lo spirito mediterraneo esplode in tutta la sua esuberanza. I rosa, gli azzurri, i gialli e il bianco delle case disposte ad anfiteatro sul molo Pisacane e che s’inerpicano sulla collina, creano una suggestiva scenografia ad un mare blu trasparente, illuminato dal sole e popolato di barche. Sebbene appartenga al Lazio, l’isola non nasconde le sue origini campane visibili nelle costruzioni, nei nomi delle località, nel dialetto e persino nella cucina. Del resto, abbandonata per un lungo periodo, per ordine del re Carlo Borbone venne forzatamente ripopolata nella metà del Settecento proprio da famiglie di Ischia e di Torre del Greco. Oggi sul rosso molo si concentrano piccoli alberghi, ristoranti, bar e negozi e, all’arrivo delle navi o degli aliscafi che la collegano con Formia, Terracina e il Circeo, è tutto un andirivieni di gente, valigie, merci e auto. Ma sull’isola, che fu un penitenziario durante il fascismo, fino al 1950 non si poteva scendere o partire senza un lasciapassare e il primo albergo fu aperto nel 1957.

Trascinando la pesante valigia, arriviamo in fondo al lungo molo dove c’è l’agenzia con cui abbiamo prenotato il nostro Residence a Le Forna, in località Cala Feola, ad otto chilometri dal porto, dove siamo accompagnati con l’auto. Il nostro appartamento, uno spaziosissimo trilocale con un piccolo giardino, ha una vista stupenda sul golfo e il mare.

In primavera l’isola ancora deserta è nel pieno della sua fioritura e percorrere a piedi i dieci chilometri di strada asfaltata che la attraversano permette di apprezzarne le sue bellezze. Un’incredibile fioritura straborda dai muretti di terrazzi e giardini con cascate di gerani dai colori accesi, di bianche margherite, rose, gerbere, viole ciocche e piante grasse. Una variopinta flora selvatica pennella i terrazzamenti delle colline: il rosa del fragile cisto si mescola con quello violaceo della robusta malva e il giallo delle ginestre. Punta Incenso, l’estremità più a nord, offre una vista mozzafiato sulla costa selvaggia con rocce che strapiombano nel mare blu. Il ristorante “Zi Arcangelo” a Le Forna ha un incredibile terrazzo che domina la baia. Nonostante l’aria ancora fresca non rinunciamo al piacere di cenare all’aperto, scegliendo il tavolo nell’angolo, “quello che vogliono tutti” dice il proprietario con aria sorniona. Siamo gli unici clienti e in tutta tranquillità ci gustiamo un’ottima cena rigorosamente a base di freschissimo pesce. La cucina casalinga semplice e generosa della moglie Sandra, la simpatia dei proprietari che ci fanno sentire a casa e il prezzo onesto ci invogliano a tornare anche le sere successive. Indimenticabili le alici marinate, le migliori che abbia mai mangiato, carnose e profumate di mare! Un’imprevedibile fitta nebbia mattutina che avvolge ogni cosa rischia di far saltare il giro in barca dell’isola e della vicina Palmarola, ma fortunatamente verso le dieci i contorni degli scogli, le sagome delle barche ancorate al largo e poi via via le case aggrappate sulla collina a poco a poco si delineano e dalla nebbia sbucano i gialli, i rosa, il bianco dei muri e il blu intenso del mare e in pochi minuti ritorna il sereno e tutto brilla nella luce di un caldo sole. “Fauno” governato da Franco, l’abile e simpatico capitano che conosce tutti i segreti dell’isola e del mare, salpa con il piccolo gruppo di turisti, puntando a sud verso le Grotte di Pilato, antico murenario romano, intorno a cui sono fiorite molte leggende. In alto spicca la tozza mole del forte borbonico, il piccolo cimitero e le case, poi solo rocce bianche, grigie, gialle, amaranto e mattone frutto di eruzioni vulcaniche avvenute trenta milioni di anni fa e non, come più poeticamente pensavano gli antichi, risultato dei sortilegi di una maga. Così il silicio, i calcari, le trachiti creano una straordinaria tavolozza di colori che raggiunge effetti unici nella Punta della Madonna. La costa dal profilo accidentato si sfrangia in pinnacoli e spuntoni, rocce dalle forme bizzarre a cui la fantasia popolare ha dato pittoreschi nomi. Le aspre pareti sono sovrastate da bassi tappeti verdi dove una fragile flora, a primavera, offre una colorata fioritura dove spicca il giallo delle Ephreda, una specie di ginestra che si trova solo qui e in qualche altra parte della Sardegna. Dal settecento in poi, Ponza ha subito disboscamenti, devastazioni, tagli, incendi e oggi di alberi non ce ne sono praticamente più. Il paesaggio dell’isola è caratterizzato da terrazzamenti a secco, creati per evitare l’erosione. Un tempo coltivati ad orti, vigneti e oliveti oggi sono ormai abbandonati e invasi dalla macchia mediterranea. Percorriamo il breve braccio di mare (circa sette chilometri) che la separa da Palmarola

  • 8106 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social