Syusy presenta: "A bullet to the heart"

Arpisti senza frontiere da Como a Chennai tra musica e solidarietà

 

Syusy ci tiene a presentarvi il progetto di viaggio solidale "A bullet to the heart" di cui è madrina! Una traversata in moto dall'Italia all'India organizzata dall'associazione degli "Arpisti senza frontiere", per supportare la scolarizzazione del Tamil Nadu e finanziare gli orfanotrofi di Chennai. La partenza è prevista per settembre 2013, l'avventura sarà raccontata passo passo sul blog dell'iniziativa e relativi social network (facebook, youtube) direttamente dal pilota-protagonista: Fabius Constable, musicista, compositore e direttore della Celtic Harp Orchestra. Di seguito punto per punto tutto quello che dovete sapere per appassionarvi a questo viaggio tanto quanto Syusy...

Il Progetto

"A bullet to the heart" è una traversata in motocicletta tra Europa ed Asia, partendo da Como per arrivare a Chennai, con una Royal Enfield "bullet", modello 1948. Fabius Constable, musicista, compositore e direttore della Celtic Harp Orchestra coprirà il percorso. Il Maestro Constable non è nuovo a viaggi avventura di solidarietà e sensibilizzazione: l'anno scorso ha trascorso tre settimane in Giappone subito dopo lo Tsunami per suonare e documentare la vita dei rifugiati nelle zone devastate dal terremoto e contaminate dalle scorie radioattive.

Obiettivo del progetto è creare borse di studio per ragazzi e ragazze di bassa estrazione sociale del Tamil Nadu e raccogliere fondi per uno o più orfanotrofi di Chennai. Le borse di studio sono rivolte a bambini o a giovani che abbiano dimostrato una particolare predisposizione allo studio della musica, al fine di pagar loro i primi due anni di conservatorio in India. La musica è cibo per l'anima e base per una vita sociale ricca e pacifica. Tra le molte importanti iniziative di supporto per la società indiana, tanto importante nel panorama mondiale odierno e tanto ricca di contrasti e disuguaglianze, è fondamentale che ve ne siano di indirizzate specificatamente all'aspetto musicale. Il carattere benefico poi è reciproco, in quanto gli stessi artisti italiani che partecipano alla raccolta fondi fanno parte di un progetto (definito "Arpisti Senza Frontiere") in cui la musica si getta nel turbine della vita, dell'attualità e delle problematiche moderne.

Il progetto è organizzato dall'Associazione Culturale Harpers Sans Frontieres/Arpisti Senza Frontiere, dalla Fondazione Arpa (presidente Prof. F. Mosca e presidente onorario Andrea Bocelli), dalla Celtic Harp Orchestra, con il supporto in qualità di Madrina di Syusy Blady e di Riders Magazine. Si sono tenuti e si terranno in Italia diversi concerti per raccogliere fondi e nuovi supporters. La Celtic Harp Orchestra, formazione molto conosciuta nell'ambito della fusion/world music è portavoce artistico dell'evento; i primi due concerti, documentati sulle pagine facebook di Harpers Sans Frontieres e di Celtic Harp Orchestra hanno ottenuto un “tutto esaurito” incoraggiante e un caloroso supporto da parte del pubblico.

L'itinerario

Ci sono due diversi itinerari possibili. L'itinerario definitivo verrà scelto in base a esigenze logistiche ed economiche.

Itinerario 1: Circa 4/5 settimane, da inizio settembre a ottobre 2013: Como, Milano, Bologna, Firenze, Roma, Pescara, Foggia, Bari, Corfù, Patrasso, Delfi, Atene, Tessalonica, Istanbul, Ankara, Tarso, Adana, (Abu Dhabi o Kuwait City), Dubai, Musqat, New Dehli, Ahmedabad, Mumbai, Goa, Bangalore, ChennaiSarà necessario il trasporto aereo per due di queste tratte (Adana – Kuwait City e Musqat – New Dehli) e il trasporto marittimo da Bari a Corfù. (l'itinerario potrebbe subire variazioni)

Itinerario 2: Circa 3 settimane, da metà settembre a ottobre 2013: Dal Nord e Sud dell'Italia al Nord e Sud dell'India. Italia: Como-Monza-Milano-Bologna-Firenze-Roma-Napoli-ReggioCalabria.India: Delhi, Jaipur, Ahmadabad, Surat, Nasik, Mumbai, Pune, Panaji, Bamgalore, Pondicherry, Madras.

Chennai (o Madras), la meta conclusiva che Fabius Constable, pilota dell'iniziativa, ha già avuto modo di visitare in occasione di una conferenza presso la sua storica università, è la sede della fabbrica di motociclette Royal Enfield, una ditta che anticamente costruiva famigerate armi da guerra e che proprio per questi motivi è stata scelta come simbolo per il viaggio.

  • 500 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social