Castello Bavaresi, Monaco, Praga

Castelli della Baviera, Monaco, Praga, Salisburgo 1° camper: Elnagh Duke 46 anno 2007 Equipaggio: Enrico, Tiziana, Miro e Napoleone (il nostro gatto) 2° camper: CI Mizar anno 2004 Equipaggio: Mimmo e Bruna 1° giorno: 31 luglio h.16,30 partenza da Roma. ...

  • di ti1956
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Castelli della Baviera, Monaco, Praga, Salisburgo

1° camper: Elnagh Duke 46 anno 2007 Equipaggio: Enrico, Tiziana, Miro e Napoleone (il nostro gatto) 2° camper: CI Mizar anno 2004 Equipaggio: Mimmo e Bruna 1° giorno: 31 luglio h.16,30 partenza da Roma.

Finalmente è giunto il grande momento. Dopo mesi di preparazione, di programmi e di mete poi cambiate più volte, eccoci al rimessaggio per la partenza. E’ il secondo nostro viaggio estivo in camper.

Siamo tutti molto euforici: hanno inizio le nostre tanto sognate e meritate vacanze estive.

I nostri amici Mimmo e Bruna ci raggiungeranno in serata da qualche parte sull’autostrada. Quindi iniziamo il nostro viaggio da soli.

L’autostrada A1 è insolitamente poco trafficata. Intorno alle ore 19,30 decidiamo di fermarci al Camping Il Girasole ad Arezzo, ad un paio di chilometri dall’uscita dell’autostrada, per trascorrervi la notte. Poco dopo le 21 ci raggiungono i nostri compagni di viaggio.

La serata trascorre tranquillamente e allegramente in compagnia.

2° giorno 1 agosto.

Alle ore 8,45 siamo pronti per metterci in viaggio. La nostra meta serale è la Val Venosta.

Oggi l’autostrada è trafficatissima: c’è una lunga fila di TIR.

Alle ore 17 arriviamo al Camping Vermoi di Laces.

E’ un grazioso camping a due passi dal paese e adiacente al limpido e turbinoso Adige. Il camping che già conosciamo è proprio lungo la strada statale che ci porterà in Austria. Infatti abbiamo deciso di evitare il Brennero per paura del troppo traffico e transitare per il Passo Resia.

Al camping trascorriamo due piacevoli giornate tra bagni in piscina (c’è n’é una calda al coperto ed un’altra fuori con un divertente scivolo per grandi e piccoli) e saccheggiando le Konditorei (pasticcerie) del posto, soprattutto per la felicità di Bruna.

3° giorno 2 agosto.

La Val Venosta è percorsa per un lungo tratto da un trenino che collega Merano ai vari paesini lungo la valle. L’esistenza di questo treno è molto antica, ma è stato per molto tempo non utilizzato. Qualche anno fa è stato ripristinato ed è utilissimo per spostarsi lungo la valle senza essere costretti a prendere la macchina.

Così decidiamo di dedicare qualche ora alla visita di Merano e fare un po’ di shopping.

Prendiamo il trenino a Laces che in una quarantina di minuti ci porta a Merano. Il costo del biglietto è di E.3,20 a persona.

4° giorno 3 agosto.

Lasciamo alle 9,30 il camping e ci dirigiamo verso il confine.

A passo Resia ci fermiamo per le usuali foto. L’altopiano, con la vista panoramica sull’Ortles è bellissimo. Il lago è di un bellissimo color smeraldo e il campanile simbolo della zona, sembra innalzarsi all’improvviso e troneggia triste e solitario nel lago.

La torre del campanile risale al XIV sec. Ed è l’unico ricordo che rimane dei paesi di Curon e S. Valentino che sono stati distrutti per la costruzione dell’enorme diga artificiale nel 1950. Lo specchio dell’acqua dei due laghi di Resia e di Curon fu innalzato di 22 mt., nonostante la popolazione del posto non fosse d’accordo. Sebbene il tutto sia nato da un evento che ha causato dolore e tristezza per gli abitanti dell’epoca, ora il luogo è incantevole: il lago sembra arrivare quasi fin sotto i ghiacciai eterni.

Parcheggiamo i nostri camper in una apposita area dedicata che in realtà è un campetto di calcio. I camper sono molti perché il paese è in festa per una gara podistica. C’è anche un mercatino di prodotti locali.

Dopo qualche acquisto ci mettiamo di nuovo in viaggio verso la nostra meta della giornata

  • 6587 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social