Scrittori per Caso: Il cavallo di Leonardo di Marco Caciolli, terza parte

Continua la pubblicazione a puntate de "Il cavallo di Leonardo", il romanzo del nostro amico Marco Caciolli. La scorsa settimana avevamo pubblicato la seconda parte, che potete rileggere <a href='/noi/tamtam/testo.asp?id=366'>cliccando qui</a>. Adesso, lasciato Napoleone al suo destino da esule, il ...

Continua la pubblicazione a puntate de "Il cavallo di Leonardo", il romanzo del nostro amico Marco Caciolli. La scorsa settimana avevamo pubblicato la seconda parte, che potete rileggere cliccando qui. Adesso, lasciato Napoleone al suo destino da esule, il narratore ci porta con un ardito salto di tempo e di spazio nei mari del Nord degli anni ´30 del Novecento. E la narrazione inizia a entrare nel vivo... Se vuoi commentare il romanzo, scrivici una email nel Posta & Risposta Buona lettura! 21 giugno 1815 Parigi Napoleone giunse a Parigi verso sera e l'atmosfera che trovò fu tutt'altro che favorevole: la notizia della sconfitta di Waterloo era subito giunta nella capitale e aveva creato un tale malcontento da generare una piena rivolta dei cittadini; gli animi erano infuocati, le grida ricoprivano tutta la città e Napoleone era costretto a rimanere rintanato nella sua dimora per paura della folla inferocita.

Invano tentò di riprendere in mano la situazione: ogni tentativo finiva miseramente contro l'ostinazione del popolo del quale aveva tradito la fiducia; cercò anche di abdicare in favore del figlio, ma la Francia non ne voleva sapere.

La situazione era irrimediabile e lui lo sapeva, così come era consapevole che le truppe anglo-prussiane non avrebbero tardato ad arrivare.

Resosi quindi conto che ogni via d'uscita gli era preclusa e che di lì a poco sarebbe stato catturato, mandò a chiamare il suo aiutante più fidato, il giovane Framby e gli ordinò di recuperare dalle stanze del palazzo quante più opere possibile, quanti più tesori riusciva a trovare e di portare tutto al sicuro lontano dalla Francia.

Se lui doveva cadere nelle mani dei nemici, che almeno il frutto delle sue imprese trovasse la salvezza; ottenuta così finalmente un po' di serenità, aspettò con grande dignità, tipica solo di un uomo par suo, di essere catturato dagli Inglesi.

E così, nello stesso momento in cui una nave inglese salpava verso sud per portare Napoleone in esilio sull'isola di Sant'Elena, un'altra imbarcazione, con il suo prezioso carico, si muoveva invece verso nord nell'indifferenza più totale.

Qualche giorno più tardi fu rinvenuto, nella dimora di Napoleone, il cadavere di un giovane con un pugnale nel petto; non vi erano tracce di lotta, tutto era in ordine e ogni possibile congettura portava sempre all'ipotesi del suicidio.

Fu ritrovato un biglietto con solo queste parole "Non resisto più! Il mio dovere l'ho compiuto" e niente altro. Si svolsero indagini, ma non si arrivò a nulla e alla fine, sepolto il corpo, tutto venne dimenticato.

Marzo 1934 Mare del Nord Erano ormai già trascorsi quasi due giorni da quando il transatlantico "Regina" era partito dal porto francese di Le Havre diretto alle isole Aleutine attraverso lo stretto di Bering.

La grande nave poteva sembrare a prima vista inadatta a solcare quei mari burrascosi e ricoperti di ghiaccio per la maggior parte dell'anno, eppure chi l'avesse osservata in navigazione si sarebbe reso conto della facilità con cui avanzava in quelle zone impervie.

Il "Regina" era stata costruita in un cantiere franco-italiano appena due anni prima, ma la sua strana forma affusolata e la sua capacità di raggiungere una velocità assai superiore alle gemelle del suo tempo, l'avevano già resa famosa con il soprannome di "Siluro di Mare".

Per chi poi si fosse trovato a bordo, la nave appariva ancora più straordinaria. Tutto era studiato con la massima cura e non era stato risparmiato niente per rendere il suo interno il più lussuoso e confortevole possibile; era veramente un capolavoro di ingegneria, una nave che univa al confort e alla piacevolezza della navigazione un notevole margine di sicurezza e un'apprezzabile velocità di crociera

Parole chiave
  • 191 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social