Napoli e Ischia in otto giorni

Prima a Napoli per cultura, poi a Ischia per le terme

  • di farewell
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Quest’anno io e la mia famiglia (Monica, Federico 20 anni e Davide 12) abbiamo deciso di trascorrere 4 giorni di vacanza a Napoli e 4 giorni ad Ischia.

Partenza 26 agosto con volo Easyjet alle 7 circa da Milano Malpensa e ritorno il giorno 3 settembre alle 21,30 circa.

Si parte dunque domenica 26 agosto con un’alzataccia memorabile alle 3,45 circa da casa e partenza con ritardo di circa 30 minuti da Malpensa. Arrivati a Napoli, con l’Alibus arriviamo in centro presso il molo Beverello e ci avviamo al Bovio Suites Hotel in piazza Bovio, centralissima, comodissima e, per la nostra esperienza, tranquillissima.

Dopo avere preso possesso della nostra camera e depositato i bagagli ci incamminiamo alla scoperta della città, non prima di avere addentato la prima di una lunga serie di sfogliatelle nel bar sotto casa.

Caffè, sfogliatelle e babà… a Napoli vivrei di questo…

Ci incamminiamo per il centro e cioè “Spaccanapoli” e vie limitrofe, partendo dalla bella Piazza del Gesù Nuovo. Dopo la visita della Chiesa e aver ammirato la bella facciata diamantata, già riprodotta sulle vecchie banconote da diecimila lire, ci dirigiamo al vicino Monastero S. Chiara: bella la chiesa ricostruita dopo un incendio nello stesso stile gotico, interessante il museo, ma assolutamente imperdibile il fantastico Chiostro ricoperto dalle piastrelle maiolicate. L’atmosfera che si respira nel chiostro è, come suol dirsi, d’altri tempi, calma e tranquillità sono garantite dalla bellissima struttura e dalle piante che fanno da sfondo alle colonne e ai sedili riscoperti dalle coloratissime maioliche. Una vera oasi nel clamore di una città come Napoli. A dire il vero, avevamo già notato che non è che ci fosse tutto sto caos per le strade di solito affollate e vocianti dei decumani inferiore e superiore, cioè le vie che attraversano parallele e diritte, tutto il centro storico. Sembrava quasi di non essere nel centro di Napoli: negozi chiusi, niente macchine o motorini, pochi turisti che si aggiravano un po’ spaesati come noi alla ricerca di un posto dove mangiare. In effetti, ci racconta la brava impiegata dell’ufficio turistico che si trova proprio in Piazza del Gesù Nuovo, che in questa domenica di fine agosto, molti negozi sono ancora chiusi per ferie e che riapriranno solo l’indomani e se vogliamo andare a mangiare dobbiamo uscire e andare verso via Toledo. Ci consiglia la Trattoria “al 22”, al limite dei “quartieri spagnoli” di cui avevamo sentito parlare come di una tipica locanda napoletana. Purtroppo è chiusa (e sarà chiusa per tutto il tempo che restiamo a Napoli) ed allora ci fermiamo in un’altra trattoria dove finalmente assaggiamo la cucina napoletana, con i suoi fritti e la sua pasta.

Dopo pranzo, stanchi per la levataccia mattutina, torniamo all’albergo per riposare due orette e prepararci per la serata.

Così verso le 18, rinfrancati da una doccia e dal riposino pomeridiano, decidiamo di andare a Mergellina per una passeggiata al mare e, magari, per mangiare in uno dei locali affacciati al golfo. Visitiamo il porticciolo e il lungomare, dove una sposa completamente vestita “da sposa”, appunto, sta facendo delle foto seduta sulla spiaggia, incurante di sporcarsi il bianco vestito con la sabbia umida. Sinceramente a Mergellina ci aspettavamo qualcosa di più caratteristico, a parte i grandi palazzi e alberghi che si affacciano al mare. Il posto merita comunque una visita per gli scorci bellissimi sul golfo, su Castel dell’Ovo e sul solito Vesuvio che appare dappertutto. Comunque ci allontaniamo e ci incamminiamo per la lunghissima passeggiata lungomare e per gran parte pedonale, che da Mergellina piano piano ci porterà, costeggiando la verde Villa Comunale, a via Caracciolo e poi a via Partenope dove scegliamo per la cena, tra i tanti, la pizzeria “Rossopomodoro” che offre un bellissimo panorama sul castello. Buona la cena e poi, attraverso via S.Lucia e piazza Plebiscito, guadagniamo la via dell’albergo per concludere questa prima lunghissima e bellissima giornata napoletana

  • 21802 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social