Rimini Vienna in auto

Da tanto sognavo di andare a Vienna, per vedere le oepre di Klimt, e magari scoprire la città…Finalmente dopo due anni convinco Fabio, il mio ragazzo, che è un’opera buona farmi contenta, ed eccoci qua alla volta di Vienna, in ...

  • di Fabio 100
    pubblicato il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Da tanto sognavo di andare a Vienna, per vedere le oepre di Klimt, e magari scoprire la città...Finalmente dopo due anni convinco Fabio, il mio ragazzo, che è un’opera buona farmi contenta, ed eccoci qua alla volta di Vienna, in auto (da Rimini 770km). Si parte il giorno dell’Epifania, cosi evitiamo il traffico dei Tir. Arriviamo al confine intorno alle ore 13.30. Tempo decente ma freddo, strade pulite dalla neve. Ci fermiamo a fare rifornimento al primo Rastation (i nostri autogrill), il diesel dopo il confine costa poco meno 1,050. Nel limite del possibile faremo il pieno a Vienna, dove costa molto meno. Puntiamo verso Vienna con un po’ di ingorghi per via dei lavori presso Graz. Prima delle 18.00 siamo dal sig. Gally (www.Gally.Biz) dove abbiamo prenotato un appartamento per cinque notti (54€ a notte), il titolare parla un italiano perfetto, gentile ma di pochissime parole... e non si farà vivo fino al mattino della partenza.

La stanza ampia, calda e ben pulita ci da il benvenuto..Li usano strani piumoni piuttosto corti, se si ha la possibilità, meglio portarsi un paio di coperte! L’appartamento ha anche un angolo cottura ideale per chi ama il caffè, perché in tutta Vienna non troveremo un vero caffè decente! Inoltre se si ha voglia o tempo ci si può cucinare un piatto di pasta...Ci accorgiamo che tutte le persone di passaggio hanno lasciato qualcosa (molti italiani perché c’è tanta pasta barilla) noi decidiamo di lasciare del bagnoschiuma acquistato li, visto che nel bagno non c’è. Dopo una mini sistemata scendiamo giù e facciamo un giro al volo sulla strada principale (mariahilf strasse).I negozi chiudono alle 18.00 e così il biglietto per i mezzi pubblici lo compreremo il mattino seguente, in due, per quattro giorni non conviene fare la Vienna Card, molto meglio il ticket da otto strisce, costa meno e con la Vienna card gli sconti sui musei sono irrisori!

Il giorno seguente (07/01/06) si va dritti a naschmarkt (metro u4) dove il sabato fanno il mercatino delle pulci, ma se proseguite fino alla Secessione potete fermavi per pranzo o per fare spesa, visto che i chioschi stabili vendono ogni tipo di ben di Dio...Tant’è vero che è stato molto difficile dissuadere Fabio riguardo l’acquisto di un Kebab... E finalmente eccolo la... il palazzo della Secessione, palazzo bianco con la sua famosa cupola dorata. All’interno si trova il fregio di Beethoven di Klimt, (6€). Assolutamente da vedere!!!

Dopo alcune foto decidiamo di buttarci in tutta fretta verso il MAK, museo di arte moderna applicata – visto che il Sabato l’ingresso è gratuito. Quando entrate tenete i vostri cappotti addosso e le borse sul davanti altrimenti ve la fanno lasciare al guardaroba 0,70 €. Interessante!!! Anche se non sembrano particolarmente simpatici, il bozzetto per Il Fregio Stoclet ne vale la pena... rinuncio a fare acquisti dentro lo shop, troppo caro, adoro questi shop sono pieni di cose inutili che mi fanno impazzire!

Pranziamo in giro con dei panini, siamo partiti con super scorte che ci basteranno fino alla fine del viaggio...E subito via per il museo statale di Vienna che si trova in Karls Plaz (€9). All’interno, oltre alla storia di Vienna si trovano anche alcuni quadri di Klimt e Egon Schiele. Dopo il trittico dei musei si punta dritti al centro per assaggiare una buona sachertorte. Non Scegliamo ne Sacher e ne Demel, ma puntiamo verso Aida, ha ben 23 punti in tutta Vienna. Ci accorgiamo ben presto che questo bar – o punto di ritrovo – è frequentato in maggioranza dai viennesi, è difficile trovare uno straniero. (non scegliete Aida di fianco al Duomo di Santo Stefano, sempre affollato). In definitiva Strudel, Sachertorte e due caffè (più mancia che è quasi obbligatoria) €7. Bhè, direi che può bastare, così prendiamo la strada di casa, dove vi rimarremo fino al mattino Seguente...

(08/01/2006) Partiamo con tutta calma passando per Karls Platz, direzione Belvedere, dove a quanto pare sono esposti i quadri più famosi di Klimt (non fermatevi al bar di fronte all’entrata che dice di essere di italiano!). Il Belvedere €9, offre un bellissimo spettacolo, prendete una audioguida €2,80 una basta ed avanza per due persone se alzate un po’ il volume. Purtroppo i giardini sono coperti dalla neve, e visto che siamo già abbastanza cotti, decidiamo di non passeggiare fino alla parte bassa dove espongono principalmente arte medievale, per noi poco interessante, così ci dirigiamo verso casa per pranzare

  • 2936 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social