Tra Atene, Dodecaneso e Cicladi - agosto 2010

visita alla città di atene, all'isola di Astypalea e all'isola di Amorgos

  • di dani5
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

ESTATE 2010 ATENE-ASTYPALEA-AMORGOS-ATENE

Anche in questa estate 2010 la nostra decisione su dove trascorrere le nostre vacanze estive è caduta sulla Grecia. La scelta delle nostre destinazioni è avvenuta in maniera del tutto casuale: Atene perché dato che dovevamo prendere il traghetto per andare sulle isole ci sembrava più opportuno fare una tappa di riposo prima di affrontare un viaggio di 10 ore e cogliere l’occasione per vedere il mitologico Partenone che non avevamo ancora visto, Astypalea perché sul motore di ricerca “Google” rispondeva alla nostra domanda “dove si trova il mare più bello in Grecia”?, e Amorgos perché ce ne avevano parlato tutti molto bene ed inoltre avremmo trovato dei nostri amici. Pertanto le nostre mete dell’estate 2010 sono state Atene, l’isola di Astypalea e l’isola di Amorgos.

Atene

Ad Atene siamo stati sia all’inizio che alla fine del nostro viaggio. Appena arrivati siamo andati subito alla ricerca del mitico Partenone, davvero molto bello ed affascinante nonostante il caldo torrido che ci ha accompagnato durante la sua visita. Alla fine del nostro viaggio invece siamo andati alla ricerca del quartiere Plaka che ci hanno riferito essere quello più alla moda, pieno di tavernette e negozi. Effettivamente è stato proprio così, e dopo averla vista, posso dire che è effettivamente una zona molto bella in quanto risulta essere un perfetto connubio tra la Mitologia di cui la Grecia è ricchissima nonchè è la sua patria, e la modernità che accompagna lo sviluppo inesorabile di una Città.

Di Atene mi hanno stupito due cose in particolare: la bellezza della metropolitana con le stazioni tutte diverse create su siti archeologici, e le zone vecchissime nonché malfamate che si trovato imbattendosi nelle zone di Morastiraki e soprattutto di Omonia. Della zona di Omonia ce ne avevano già parlato male in quanto zona piena di tossici che si avvicinano ai turisti per chiedere un po’ di soldi (noi sapendo ciò non abbiamo prenotato i nostri hotel evitando accuratamente questa zona, per cui non possiamo dire se ciò che ci avevano raccontato è vero oppure no ma abbiamo incontrato ad Atene molti turisti italiani che ci hanno confermato questo, infatti in questa zona gli hotel costano davvero poco). Per le nostre due giornate ad Atene abbiamo soggiornato nell’hotel Athens Center Square in zona Monastiraki (http://athens-center-square.athens-greece-hotels.net/it/ ), che ci era stato conisgliato per la abbondante e buona colazione (possiamo confermare) e al Novotel nella zona della stazione di Larissa Station (www.novotel.com) , entrambi molto belli e non molto costosi.

Altra nota positiva della città è il costo irrisorio dei taxi, infatti, per accompagnarci dal centro di Atene alla Licabetto Hill, che è una bellissima montagna dalla quale si vede in maniera molto nitida tutta la città di Atene, il taxista ci ha chiesto appena 5 euro, e vi posso assicurare che il tragitto non è stato nè breve nè facile dato che era tutto un salire pieno di curve.

 

Astypalea

Abbiamo raggiunto quest’isola dopo dieci ore di traghetto preso al porto del Pireo (tra l’altro è stata un impresa prendere questo traghetto perché in metropolitana stavano facendo dei lavori proprio sulla linea Atene-Pireo e pertanto all’ultimo secondo abbiamo scoperto che invece di prendere comodamente la metropolitana dovevamo prendere un autobus con partenze più limitate, pertanto il panico iniziava a farsi largo ma in qualche modo ce l’abbiamo fatta). Il viaggio sul traghetto della Blu Star Ferries chiamato Naxos è stato molto piacevole sulle nostre poltroncine prenotate direttamente sul sito della Blu Star tra l’altro a prezzi modicissimi, tanto che si può proprio dire che dieci ore sono volate

  • 6254 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social