Milano, Bergamo e non solo

Da alcuni anni Daniela voleva andare a Milano non essendoci mai stata, mentre io che la considero così caotica, avevo fino ad oggi glissato. Ma quando c’è stata l’opportunità di inserire alcune bellezze quali Bergamo e Brescia, beh è stato ...

  • di nipablo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Da alcuni anni Daniela voleva andare a Milano non essendoci mai stata, mentre io che la considero così caotica, avevo fino ad oggi glissato. Ma quando c’è stata l’opportunità di inserire alcune bellezze quali Bergamo e Brescia, beh è stato decisamente semplice dire partiamo. Periodo quello tra il 03-08 gennaio 2006, percorrendo 960km attraverso Bergamo, Milano, Lago d’Iseo, Brescia, Lazise, Terme di Colà, Verona e Mantova con una spesa inferiore ai 500,00euro cad. 03/01/06 Arriviamo a Bergamo in tarda mattinata con l’obbiettivo di passarci 3 dei 6 gg. A nostra disposizione e la troviamo imbiancata da una leggera coltre di neve. Ci organizziamo ricercando da subito un posto dove dormire, cosa che si presenta abbastanza ardua, perchè scopriremo poi a Bergamo non ci sono molti alberghi. La scelta ricadrà su un comodissimo B&B nel centro di Bergamo “La casa rosa” con 70,00 euro, colazione compresa. Bergamo si divide in due, Bergamo Alta con la sua parte storica e Bergamo Bassa, la più recente. Iniziamo il tour risalendo il colle su cui si erge la città alta, e girovagando poi per le sue mura storiche (del 1623) o le antiche piazzette. E così visitiamo il Palazzo della Ragione, Santa Maria Maggiore, la Cappella, il Castello di San Vigilio, ammirando in continuazione la città bassa che piano piano, con l’imbrunire, s’illumina. Percorrendo le vecchie mura scendiamo nella più moderna Bergamo bassa, con i negozi ancora aperti ed addobbati a festa, bello l’effetto epocale che si attraversa. Per la cena scegliamo una vecchia osteria per mangiare qualcosa di tipico “Al Vecchio Tagliere”, locale rustico dove abbiamo mangiato molto bene.

04/01/06 Milano, la raggiungiamo via treno, scelta azzeccatissima, altro che andarci in macchina. Molte sono senz’altro le cose da vedere, ma noi ci limitiamo veramente all’essenziale. Milano è troppo grande è l’idea che ci facciamo da subito, ma anche difficile da vivere per chi come noi viene dalla periferia. Visitiamo subito l’immancabile Duomo (del 1386), salendo in cima fino a toccare quasi, la madonnina, l’emblema di Milano. Attraversiamo con ammirazione La galleria Vittorio Emanuele II, fino ad arrivare in Piazza della Scala, sede dell’omonimo e famoso Teatro. Ci dirigiamo poi verso Castello Sforzesco, appena in tempo per fare un giro della pinacoteca. Sicuramente da non perdere la chiesa di Sant’ambrogio, di sera poi fa una bellissima figura di sè come il Duomo, che rivediamo con piacere prima di riprendere il treno per Bergamo. 05/01/06 Brescia è la nostra destinazione, ma ce la prendiamo comoda e così ci concediamo un giro intorno al lago d’Iseo. Ci fermiamo qua e la lasciandoci ispirare dagli inusuali paesaggi. Caratteristica senz’altro l’isola, all’interno del lago, ma preferiamo andare dritto non sapendo cosa ci aspetta a Brescia. Bello il centro storico di sera, fantastico il Duomo anzi i “duomi” ne esistono uno nuovo ed uno vecchio (che risale al sedicesimo secolo). Girovagando per la città, ci lasciamo andare anche ad un po’ di shopping. Per la cena troviamo un suggestivo locale “la Locanda dei Guasconi”, con gustosi piatti e prodotti tipici. Per la notte dormiamo presso il Regal Residence per 78.00 euro colazione compresa. 06/01/06 Gauguin e Van Gogh, questa era la vera ragione per l’inserimento di Brescia, nel nostro viaggio e non rimaniamo delusi, bellissima, così come la collocazione all’interno del Museo di Santa Giulia.

Poi facciamo un giro al Castello di Brescia ed al suo immancabile museo, quello delle armi. Prima di lasciare Brescia facciamo l’ultimo peccato di gola, facendo tappa alla “Pasticceria Veneto”, da non perdere è su tutte le guide, ci sarà una ragione!! Per la sera ci avviciniamo a Verona, facendo tappa a Lazise un contesto medioevale proprio sul Lago di Garda, quasi incantato. Dopo aver trovato da dormire c/o L’hotel Villa Maria , ci dirigiamo alle terme di Colà di Lazise. E’ un immenso parco diventato famosa per le calde acque termali (è possibile l’ingresso in notturna e mangiare al suo interno in un comodo self service) e per la classica fortuna del proprietario, che facendo un buco... È diventato ricco. 07/01/06 Verona, l’avevamo già vista in altre occasioni, ma è sempre bella. Con la Verona Card poi (8,00 euro per un giorno), abbiamo girato quanto più potevamo, l’Arena, la Tomba di Giulietta, la casa di Giulietta, la torre dei Lamberti, San Zeno, il Duomo, San Fermo, Castel Vecchio, il Teatro Romano. Sembra tanto ma abbiamo incastrato tutto molto bene. 08/01/06 Mantova, val bene una visita, castelli imponenti e palazzi fantastici, a partire dal famoso Castello di San Giorgio voluto dai Gonzaga al rinomato Palazzo Ducale, o ancora al Duomo, che riporta tre stili diversi di costruzione (neoclassico, gotico e romanico). Nella piazza delle erbe ammiriamo poi la torre dell’orologio e la Rotonda di San Lorenzo (una chiesetta in realtà). Girovagando per le vie storiche, ci soffermiamo al museo storico dei Vigili del fuoco, curioso, simpatico e gratis. Mangiamo a tavola, una volta tanto a mezzogiorno, c/o il ristorante la “Masseria” , in pieno centro, buono e tipico allo stesso tempo. Così facendo contiamo poi, di fare tutta una tirata per il ritorno a casa. Milano da sola non mi avrebbe preso poi tanto, ma così è proprio tutta un’altra cosa, che ne dite, quasi quasi, sarebbe da rifare... Ciao da Daniela e Paolo

  • 2522 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Damyen85
    , 2/1/2011 00:52
    Milano...la mia citta natale...non la considererei caotica...magari per chi viene da fuori e COSI...ma se ci nasci...ci cresci...ci vivi...diventa diverso...ti ci affezioni...

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social