Samos perla dell'Egeo

Abbiamo acquistato un pacchetto con volo charter da Verona diretto a Samos, alla modica cifra €1000 a coppia, compreso nel pacchetto avevamo il trasferimento dall'aereporto all'hotel e viceversa e la mezza pensione. Quest'anno abbiamo optato la Grecia e la nostra ...

  • di milenaearturo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Abbiamo acquistato un pacchetto con volo charter da Verona diretto a Samos, alla modica cifra €1000 a coppia, compreso nel pacchetto avevamo il trasferimento dall'aereporto all'hotel e viceversa e la mezza pensione. Quest'anno abbiamo optato la Grecia e la nostra scelta è caduta sull' isola di Samos perchè non amiamo le vacanze troppo turisistiche, ma preferiamo vivere il luogo che andiamo a visitare. Finalmente arriva il sospirato giorno della partenza e dopo una levataccia arriviamo a Verona, lasciamo la nostra auto nel parcheggio coperto dell' aereoporto ( costo € 39.00 per l'intera settimana), e ci imbarchiamo sul volo che ci porterà alla nostra meta. Atterriamo a Samos in perfetto orario dopo 2 ore circa di volo,che con il fuso orario diventano 3,ci accolgono subito sole e tanto caldo, un mix perfetto per le vacanze. Arrivati all'hotel ( loZefiros beach nella bella spiaggia di Mikali) ci accompagnano alla nostra stanza, dove depositiamo i bagagli e iniziamo la nostra scoperta dell'isola. Lungo tutta la spiaggia ci sono alcune taverne dove decidiamo di fare sosta per il pranzo a base di insalata greca, molto ricca e gustosa alla cifra di €11.00 a coppia. L'isola è molto frequentata dai turisti inglesi, per cui sia nelle taverne che nei ristorantini che si affacciano al mare il menù è sempre scritto in greco con a lato la trduzione in inglese. Quest' isola ci attre per il suo apetto ancora incontaminato e verde, per il mare cosi azzurro e cristallino di giorno che diventa rosso e infuocato al tramonto, dove spiagge riservate e baie spettacolari riempiono i tuoi occhi di panorami indimenticabilie per la calma degli abitanti del posto e per la loro accoglienza.

Il secondo giorno noleggiamo una piccola auto da Aramis (un vero XXXXXXXXX sul mercato!) spendiamo 115.00 € per una Hunday Getz per tre giorni di noleggio; il costo della benzina sull' isola è comunque meno caro che in Italia €1.280 per un litro di verde.

Con la nostra auto partiamo allla volta di Karlovassi a circa 30 km a ovest di Vathy ,il capoluogo di Samos,li facciamo un giro per il centro e visitiamo la caratteristica piazzetta piena di piccoli locali e con vicino la maestosa cattedrale. Il meltemi, il vento che soffia sempre soprattutto a ovest, rende più lieve la calura, ma quando ci fermiamo a Potami una spiaggetta di sassi nelle vicinanze di Karlovassi ci impedisce di fare il bagno: acque profonde e molto increspate dal vento ci scoraggiano parecchio, ma la vista che godiamo è davvero sublime. Lungo la litoranea verso Vathy incontriamo altre spiaggie degne di una sosta: la Tasmadou e la Lemonakia, sempre acque profonde e cristalline , ma comunque attrezzate di lettini e ombrelloni.Il costo di 1 ombrellone e di 2 lettini è di soli 5 € per l'intera giornata.Di sera la vita notturna si concentra tutta attorno ai 3 centri più importanti dell' isola Pithagorion,Vathy e Kokkari.

Kokkari è il centro più giovane di tutta l'isola e si concentra tutto sulla zona del porto, dove al giorno ci sono spiagge bellissime di sassi , attrezzate e dove si pratica anche wind-surf grazie al vento che soffia sempre e di sera bar, taverne, ristorantini e negozi di souvenir animano la serata,qui abbiamo conosciuto Roberta una ragazza italiana che gestisce un wine bar sul molo, un localino molto graziozo e accogliente. Il secondo giorno partiamo alla volta delle visite di carattere storico, visitiamo il tunnel di Eupalino,a 2 kilometri da Pithagorion ,era unn tunnel che serviva come acquedotto lungo ciraca 1 km e portava l'acqua dalla fonte (Myltinii) fino alla città di Pythagorion.La seconda tappa si fa al sito archeologico di Heraion dove si trova il tempio della dea Era risalente al 500 a.C..Arriviamo infine al museo Paleontologico di Mytilignì dove ossa e carcasse di animali preistorici la fanno da padroni, in tutto circa 600 reperti fossili

  • 6403 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social