Due turisti per caso in Giamaica

Un'isola verde ricca di fascino

  • di BETTI75
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 
Annunci Google

Ogni viaggio è una ricerca del nuovo, del diverso; è un approfondire la conoscenza di spazi aperti, luoghi infiniti e senza tempo tutti da esplorare. Sognare una destinazione, sfogliare riviste del settore, andare alla ricerca di qualcosa che possa emozionare, è questo ciò che spesso è piu’ appagante del viaggio stesso. Eccoci dunque a fantasticare, a immaginare spiagge bianchissime, un mare cristallino, culture affascinanti e, perché no, anche una piccola capitale, un paese arroccato, un castello. Viaggiare, infatti, non significa solo percorrere migliaia di chilometri, significa piuttosto saper cogliere con lo sguardo e con la mente quanto di meglio ogni luogo ha da offrire.

Negli anni abbiamo viaggiato molto, spesso scegliendo vacanze “culturali”, altre volte solo per relax. Quest’anno la scelta è difficile; vuoi per le particolari situazioni politiche di alcuni paesi, vuoi per le difficoltà climatiche che si potrebbero incontrare in alcune località del mondo, vuoi perché il bello di viaggiare è scoprire posti nuovi e, molti, sono già stati da noi visitati, vuoi perché a volte non si sa dove andare perché tutto il mondo ci affascina.

Ci consigliano la Giamaica ed è così che, proprio come due turisti per caso, decidiamo di partire alla volta di quest’isola.

Paese caraibico, mare da sogno, musica, divertimento e relax sono sicuramente un mix interessante.

Troppo spesso la Giamaica è stata sinonimo, oltre che di mare e spiagge, anche e soprattutto di trasgressione e marijuana. Non si puo’ di certo negare che purtroppo ci si trovi spesso a dover affrontare nel corso della vacanza “venditori” di ogni tipo. L’importante, come in ogni altro paese del mondo, è rispondere con un deciso “no grazie” al quale ci si sentirà rispondere: “no problem man”.

Apriamo dunque lo sguardo sulla Giamaica nel suo complesso, abbandoniamo i soliti modi di dire e cerchiamo di scoprire quest’isola nella sua totalità, raccontandola con occhio critico ma sincero e forse anche un po’ malinconico.

Prenotiamo un pacchetto all-inclusive nella consapevolezza di non restare per nove giorni all’interno di un resort ma nella speranza di avere un buon punto di riferimento, un punto di partenza per eventuali escursioni.

Italia – Montego Bay: atterraggio sull’isola

Dopo un volo diretto di 11 ore da Milano Malpensa raggiungiamo Montego Bay. La pista dell’aeroporto è di quelle che non si dimenticano: l’aereo si abbassa di quota quasi a sfiorare il mare color smeraldo, la pista lambisce la costa e resta fino all’ultimo nascosta agli occhi del passeggero che, incredulo, teme un atterraggio in mare; i posti a sedere vicino all’oblò assicurano lo spettacolo. Quando scendiamo dall’aereo il clima è perfetto, l’umidità praticamente assente tanto da consentirci di non utilizzare aria condizionata per tutto il nostro soggiorno. Il trasferimento dall’aeroporto al nostro Hotel (il Riu Negril) è di circa un’ora e mezza. Attraversiamo pochi paesi ma quanti bastano per avere un assaggio della cultura giamaicana. Musica, musica e ancora musica. Il ritmo del reggae pervade le strade anche di giorno ed è consueto avvistare giamaicani intenti a festeggiare non si sa cosa ballando ovunque: su un autocarro, in mezzo ad una piazza, ai bordi della strada. “Giamaica No Problem” è così che esordisce il nostro accompagnatore che subito inizia ad intonare quello che sarà il piacevole tormentone per tutta la settimana… “One Love” di Bob Marley. La personalità di questo cantante, morto nel 1981, è una di quelle che lasciano il segno. Al di là della musica e dei testi delle sue canzoni Bob Marley è nella quotidianità di molta di questa gente che, come lui, ha deciso di seguire la “religione” rasta. Una scelta di vita che, contestabile o meno, affascina chiunque per la prima volta si trova a conoscerla cosi’ da vicino. Tra una “Woman No Cry” e un altro “One Love”, tra una descrizione sommaria dell’isola e dei suoi abitanti ci troviamo finalmente al nostro Resort

Annunci Google
  • 19209 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social